Cerca per genere
Attori/registi più presenti
Vai a fine pagina
Pagina 14 di 14Altre pagine: 11 12 13 14  Inizio < Prec.Pross. > Fine 

DISCUSSIONE GENERALE: Salò o le 120 giornate di Sodoma (1975)

 Raremirko
Call center Davinotti
3173 interventi
Salò o le 120 giornate di Sodoma (1975)
10 giugno 2018 ore 22:01 (1 anno, 3 mesi fa)
Non necessariamente i finali pubblicizzati sarebbero stati migliori, però.


E, fresco fresco di Macchinazione, il film di Grieco, quel finale apriva un pochino anche un pò alla speranza (così almeno diceva uno dei tizi del film, non necessariamente Pasolini).
 Per contribuire alla discussione effettua il login in alto a destra.
 Buiomega71
Vice capo scrivano
20659 interventi
Salò o le 120 giornate di Sodoma (1975)
10 giugno 2018 ore 22:04 (1 anno, 3 mesi fa)
Raremirko ebbe a dire:
Non necessariamente i finali pubblicizzati sarebbero stati migliori, però.


E, fresco fresco di Macchinazione, il film di Grieco, quel finale apriva un pochino anche un pò alla speranza (così almeno diceva uno dei tizi del film, non necessariamente Pasolini).


Forse no, probabilmente sarebbero caduti nel ridicolo (il boogie-woogie), ma quello di Marzabotto aveva un certo potenziale, sicuramente migliore dei due marò che si mettono timidamente a ballare.
 Per contribuire alla discussione effettua il login in alto a destra.
 Raremirko
Call center Davinotti
3173 interventi
Salò o le 120 giornate di Sodoma (1975)
10 giugno 2018 ore 22:22 (1 anno, 3 mesi fa)
Buiomega71 ebbe a dire:
Raremirko ebbe a dire:
Non necessariamente i finali pubblicizzati sarebbero stati migliori, però.


E, fresco fresco di Macchinazione, il film di Grieco, quel finale apriva un pochino anche un pò alla speranza (così almeno diceva uno dei tizi del film, non necessariamente Pasolini).


Forse no, probabilmente sarebbero caduti nel ridicolo (il boogie-woogie), ma quello di Marzabotto aveva un certo potenziale, sicuramente migliore dei due marò che si mettono timidamente a ballare.



Già, già.

Una cosa non l'ho capita però: Paso avrebbe sostenuto il discorso degli aguzzini, dicendo anche con quel cartello, che certi crimini sono molto inferiori rispetto ad altri?
 Per contribuire alla discussione effettua il login in alto a destra.
 Buiomega71
Vice capo scrivano
20659 interventi
Salò o le 120 giornate di Sodoma (1975)
10 giugno 2018 ore 22:34 (1 anno, 3 mesi fa)
Difatto era una specie di dialogo messo in bocca ai quattro carnefici per "discolparsi" sulle atrocità che aveva raccontato (almeno così sostiene Quintavalle). Ma si rese conto che, facendoli ridacchiare davanti al cartello di Marzabotto, poteva dare adito che un eccidio avvenuto realmente potesse passare come una cosa da "nulla" davanti a milioni di massacri e genocidi avvenuti nel mondo e attirarsi così ulteriori asti e fomentando odio nei suoi confronti (come ben si sà, proprio in quell'epoca, prima della tragica morte, Pasolini non è che fosse visto benissimo da certe frange intellettuali e non)
 
Ultima Modifica: 2018/06/10 22:36 Da Buiomega71.
 Per contribuire alla discussione effettua il login in alto a destra.
 Raremirko
Call center Davinotti
3173 interventi
Salò o le 120 giornate di Sodoma (1975)
10 giugno 2018 ore 23:14 (1 anno, 3 mesi fa)
Che poi non c'entrava nulla neanche il boogie woogie imho...
 Per contribuire alla discussione effettua il login in alto a destra.
Il Dandi
Formatore stagisti
1403 interventi
Salò o le 120 giornate di Sodoma (1975)
12 giugno 2018 ore 15:48 (1 anno, 3 mesi fa)
Il finale col boogie woogie è comunque il più vicino a quello effettivo, dopotutto si chiude con i due marò che ballano.

Inoltre i "timbri orgiastici dei jukebox" (come li definiva lui) sono una tappezzeria ricorrente nei suoi libri (Una vita violenta) e film (Mamma Roma, Uccellacci e uccellini).
 
Ultima Modifica: 2018/06/12 15:49 Da Il Dandi.
 Per contribuire alla discussione effettua il login in alto a destra.
 Buiomega71
Vice capo scrivano
20659 interventi
Salò o le 120 giornate di Sodoma (1975)
12 giugno 2018 ore 17:51 (1 anno, 3 mesi fa)
Il Dandi ebbe a dire:
Il finale col boogie woogie è comunque il più vicino a quello effettivo, dopotutto si chiude con i due marò che ballano.

Inoltre i "timbri orgiastici dei jukebox" (come li definiva lui) sono una tappezzeria ricorrente nei suoi libri (Una vita violenta) e film (Mamma Roma, Uccellacci e uccellini).


In un certo senso, ma quello che Pasolini aveva in mente ( a sentire Quintavalle) era una " cagnara" metacinematografica non dissimile dal finale della MONTAGNA SACRA o più indietro a quello baviano dei TRE VOLTI DELLA PAURA ( aggiungo con arroganza io), che, comunque, aveva in nuce qualcosa di grottesco e spiazzante, ma troppo ardito per non cadere nel ridicolo ( anche se leggerne senza poter vedere l' effetto che ne avrebbe tratto in immagini e tutt'altra cosa)

Personalmente trovo quello di " Marzabotto " il più riuscito ( almeno sulla carta) anche di quello effettivo
 
Ultima Modifica: 2018/06/12 18:04 Da Buiomega71.
 Per contribuire alla discussione effettua il login in alto a destra.
Il Dandi
Formatore stagisti
1403 interventi
Salò o le 120 giornate di Sodoma (1975)
12 giugno 2018 ore 17:59 (1 anno, 3 mesi fa)
Anche quello con le bandiere rosse comunque è ricorrente del suo immaginario: si ritrova simile nell'appendice alla raccolta di poesie "La religione del mio tempo" e nel finale della tragedia "Calderon", al punto che sebbene non l'abbia girato mi sembra addirittura di averlo visto :)
 Per contribuire alla discussione effettua il login in alto a destra.
 Raremirko
Call center Davinotti
3173 interventi
Salò o le 120 giornate di Sodoma (1975)
12 giugno 2018 ore 20:12 (1 anno, 3 mesi fa)
Ma il boogie woogie avrebbe messo in ridicolo tutto dai, smorzando intenti, temi e simbologie...
 Per contribuire alla discussione effettua il login in alto a destra.
Vai all'inizio pagina
Pagina 14 di 14Altre pagine: 11 12 13 14  Inizio < Prec.Pross. > Fine 
Sei nella sezione DISCUSSIONE GENERALE di