Cerca per genere
Attori/registi più presenti
Vai a fine pagina

DISCUSSIONE GENERALE: • Crimes of the future (1970)

• Crimes of the future (1970)
03 gennaio 2019 ore 01:27 (3 settimane fa)
Se ti va di discutere di questo film e leggi ancora solo questa scritta parti pure tu per primo: clicca su RISPONDI, scrivi e invia. Può essere che a qualcuno interessi la tua riflessione e ti risponda a sua volta (ma anche no, noi non possiamo saperlo).
 
 Bubobubo
Galoppino
53 interventi
• Crimes of the future (1970)
03 gennaio 2019 ore 01:27 (3 settimane fa)
Se posso permettermi un umile intervento, mi piacerebbe che chi ha visto Stereo e questo li rivedesse con più calma entrambi, con particolare attenzione a questo.
Non sono certo opere di facile fruizione, ma sono convinto che le valutazioni impietose qui registrate non ne rispecchino il reale valore.
Aldilà dell'apprezzamento estetico (parametro per me notevole, ma altamente soggettivo) c'è un lavoro tematico importante che contiene già in nuce tutto il Cronenberg dei successivi 45 anni. Certo, è un lavoro scritto in un linguaggio molto più criptico, simbolico e non consequenziale dei lungometraggi dal 1975 in avanti, ma proprio per questo, anche in retrospettiva, particolarmente degno di attenzione.
Spero non me ne vogliate se ho lasciato questo suggerimento.
 Per contribuire alla discussione effettua il login in alto a destra.
  Zender
Consigliere
Moderatore
42313 interventi
• Crimes of the future (1970)
03 gennaio 2019 ore 08:16 (2 settimane, 6 giorni fa)
Ovvimente nessuno te ne può volere, se suggerisci di rivedere qualcosa. Io però, che Cronenberg lo amo profondamente, ricordo che cercai di vederlo con la maggiore benevolenza possibile ma mi strenuò. Certo, ci si vedevano in nuce molti degli elementi che faranno lo stile del regista, ma all'interno di un film praticamente muto che dopo un po'. Tu l'hai appena visto?
 Per contribuire alla discussione effettua il login in alto a destra.
 Bubobubo
Galoppino
53 interventi
• Crimes of the future (1970)
03 gennaio 2019 ore 10:27 (2 settimane, 6 giorni fa)
Zender ebbe a dire:
Ovvimente nessuno te ne può volere, se suggerisci di rivedere qualcosa. Io però, che Cronenberg lo amo profondamente, ricordo che cercai di vederlo con la maggiore benevolenza possibile ma mi strenuò. Certo, ci si vedevano in nuce molti degli elementi che faranno lo stile del regista, ma all'interno di un film praticamente muto che dopo un po'. Tu l'hai appena visto?

No, li vidi entrambi anni fa e nel complesso estenuarono anche me, ma ci fu comunque qualcosa che mi colpì profondamente e mi ripromisi di rivederli appena avessi avuto l'occasione.
Li ho rivisti entrambi durante le feste. Stereo è effettivamente più sperimentale e lento, ma COTF è già praticamente un Cronenberg pre-Cronenberg, tra l'altro nemmeno così muto (oltre alla voce off screen ci sono parecchi rumori di fondo). Il succo del mio discorso era: comprendo le critiche alla pesantezza (che sono/erano anche le mie), ma di per sé non la sento come una pregiudiziale capace di inficiare così profondamente il giudizio su un'opera che offre tantissimi altri spunti interessanti. Nessuna presunzione, ovviamente ;)
 Per contribuire alla discussione effettua il login in alto a destra.
 Cotola
Consigliere avanzato
3484 interventi
• Crimes of the future (1970)
03 gennaio 2019 ore 12:15 (2 settimane, 6 giorni fa)
Consiglio assolutamente bene accetto, Bubo. Ho in programma da tempo di rivedere le prime due opere di Cronenberg nonché, soprattutto, Il demone e Rabid non avendoli ancora recensiti poiché visti troppo, ma davvero troppo, tempo fa.
Potrà essere sicuramente una buona occasione per rivalutare Stereo e Crime...chissà.

La "pesantezza" comunque non è per me un problema: nel senso che non lo ritengo un elemento per affossare un film. Tra l'altro non sopporto chi usa il termine lento per riferirsi ad un film, visto che non è certo una categoria estetica quella della lentezza. Lento può essere un corridore, uno sciatore e via dicendo.

Appena li rivedrò mi farò vivo qui. Certo non ho un buon ricordo delle due visioni, ma con diversi anni e migliaia di film in più sul groppone, può darsi che cambi, parzialmente, idea.
 Per contribuire alla discussione effettua il login in alto a destra.
  Zender
Consigliere
Moderatore
42313 interventi
• Crimes of the future (1970)
03 gennaio 2019 ore 14:01 (2 settimane, 6 giorni fa)
Ma no dai, lento è chiarissimo come concetto, mi pare. Non è una categoria estetica ma fa ben capire a cosa si va incontro, nelle intenzioni di chi parla. Nemmeno io lo ritengo elemento per affossare un film, a meno che la lentezza non sia utilizzata come maschera a coprire con una bella patina autoriale difetti altri come, mi pare di ricordare (ma è passato troppo tempo) in questo caso. Sì, ci sono i rumori di fondo, c'è la voce off ma mi par di ricordare che i personaggi non parlino appunto o quasi. Ad ogni modo ricordo appunto troppo poco per poter dire cosa me li fece considerare progetti di grande ambizione, figli di un autore che si farà e si è fatto, ma più vuoti di quanto non volessero apparire e programmaticamente ripetitivi, fino allo sfinimento. Però appunto, è passato troppo tempo e rivederli certo non guasterebbe.
 Per contribuire alla discussione effettua il login in alto a destra.
 Bubobubo
Galoppino
53 interventi
• Crimes of the future (1970)
03 gennaio 2019 ore 14:43 (2 settimane, 6 giorni fa)
Se poi lo fate e avete voglia di condividere le vostre impressioni, sarò contento di leggerle. :) Chiamo all'appello anche schramm, che se tanto mi dà tanto li ha già visti pure lui, e a cui forse gli ultimi venti minuti di COTF piacciono tanto quanto a me.
 Per contribuire alla discussione effettua il login in alto a destra.
 Schramm
Controllo di gestione
6285 interventi
• Crimes of the future (1970)
03 gennaio 2019 ore 15:22 (2 settimane, 6 giorni fa)
ciao, tutti i colori del bubo e le interpolazioni del cubo sono sempre benvenutissimi per quanto mi concerne, anche (direi anzi soprattutto) quando danno luogo a ventagli di vedute antipodiche.

al tuorlo: mi cogli in castagna, li vidi, ma come zendyman e coty ne ho un ricordo non proprio benevolo né limpido (troppi anni luce di pellicole papiri visioni teatrali da 16 anni a oggi), per giunta ulteriormente funestato dalla sciagura di averlo visto con una di quelle compagnie sbagliate che per esorcizzarne l'osticità la complessità e la noia hanno preso a schernirlo con tot battute al minuto, finendo, lo ammetto purpureo nelle gote ché crony è tra i miei più adoratissimi di sempre, col far ridacchiare anche me (è uno dei motivi per cui sono un talebano delle visioni rigorosamente solitarie), e delle visioni ricordo più alcune battute che i contenuti che le scatenarono. risultato: lo spergiuro di riaccoglierli in appello mai onorato. la mole di recuperi da coprire è non meno ingente della wanted list, ma ripescarli dal sacco finisce dritto tra i buoni propositi per i 12 mesi a venire... ;)
 Per contribuire alla discussione effettua il login in alto a destra.
 Bubobubo
Galoppino
53 interventi
• Crimes of the future (1970)
03 gennaio 2019 ore 21:01 (2 settimane, 6 giorni fa)
Dai, che in un paio d'ore concentrate ve li rivedete senza problemi entrambi ;)
 Per contribuire alla discussione effettua il login in alto a destra.
 Schramm
Controllo di gestione
6285 interventi
• Crimes of the future (1970)
04 gennaio 2019 ore 18:37 (2 settimane, 5 giorni fa)
Bubobubo ebbe a dire:
Dai, che in un paio d'ore concentrate ve li rivedete senza problemi entrambi ;)

ennò. l'appello a porte chiuse ;)
 Per contribuire alla discussione effettua il login in alto a destra.
Vai all'inizio pagina
Sei nella sezione DISCUSSIONE GENERALE di