Cerca per genere
Attori/registi più presenti

• ESP (4 PUNTATE)

MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 2
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO INSERITO IL GIORNO 9/1/08 DAL BENEMERITO CINEVISION

Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione


ORDINA COMMENTI PER:

Nicola81 18/6/12 18:01 - 1676 commenti

Non era facile realizzare uno sceneggiato su un personaggio ancora vivente (Croiset morì nell'80), ma D’Anza riesce a vincere anche questa scommessa, nonostante l’estremo rigore scientifico vada spesso a discapito del ritmo narrativo. Ottima l’interpretazione di Paolo Stoppa, mentre tra i comprimari spiccano, oltre a un Ferruccio De Ceresa costantemente presente, Antonutti nella puntata iniziale, Sernas nelle due centrali e una giovanissima Micaela Esdra in quella conclusiva. Antiquate ma calzanti le musiche di Egisto Macchi.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: La visita al campo di concentramento; Lo scettiscismo della polizia nei confronti di Croiset.
I gusti di Nicola81 (Gangster - Poliziesco - Thriller)

Cinevision 9/1/08 17:05 - 72 commenti

Lo sceneggiato diretto dall'esperto del genere Daniele D'Anza è una libera interpretazione delle vere vicende del paragnosta francese Gerard Croiset interpretato qui dal grande Paolo Stoppa. Molto inquetanti le 'visioni', in particolare quando rivive l'omicidio di un soldato tedesco e quando 'sente' le voci del vecchio campo di concentramento. Ma quanto erano belli gli sceneggiati Rai anni '70! Affascinanti, girati da dio, con interpreti meravigliosi e musiche stupende e questo non fa eccezione.
I gusti di Cinevision (Fantascienza - Horror - Poliziesco)