Cerca per genere
Attori/registi più presenti

GENTE COMUNE

All'interno del forum, per questo film:
Gente comune
Titolo originale:Ordinary people
Dati:Anno: 1980Genere: drammatico (colore)
Regia:Robert Redford
Cast:Donald Sutherland, Mary Tyler Moore, Timothy Hutton, Judd Hirsch, M. Emmet Walsh, Elizabeth McGovern, Dinah Manoff, Fredric Lehne, James Sikking, Basil Hoffman, Quinn K. Redeker, Mariclare Costello, Meg Mundy
Visite:579
Filmati:
MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 14
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO INSERITO IL GIORNO 27/12/07 DAL BENEMERITO GALBO

Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione


ORDINA COMMENTI PER:

Galbo 27/12/07 19:39 - 10862 commenti

Una tranquilla famiglia americana della buona borghesia viene sconvolta dalla morte di uno dei due figli, che lascerà su tutti un trauma profondo. Buon esordio alla regia per Robert Redford che si concentra sui drammi familairi celati (come spesso accade) dietro la patina della buona educazione e dell'autocontrollo. La buona sceneggiatura (specie la scrittura dei dialoghi) contribuiscono alla riuscita del film così come il cast eccellente che fornisce una prova di alto livello.
I gusti di Galbo (commedia - drammatico)

Pigro 21/4/13 8:26 - 7223 commenti

Un padre debole, una madre distaccata, un figlio travolto dall’angoscia: è questa la gente comune descritta da Redford (in un maturo debutto registico) all’indomani della morte dell’altro figlio e del tentato suicidio del fratello. Bordate di dolore e di emozione in questa cartografia delle dinamiche di elaborazione del lutto, giocate tra amori e rimorsi, colpe e speranze. Un film poderoso e impetuoso, incline al commovente ma senza lagne (fermandosi un attimo primo del mélo), con un cast eccellente a cominciare dal giovanissimo Hutton.
I gusti di Pigro (Drammatico - Fantascienza - Musicale)

Homesick 2/3/12 16:57 - 5737 commenti

Per il suo debutto alla regia, Redford si confronta con un cupo dramma familiare che squarcia il velo dell’ordinario penetrando l’intimo dei rimorsi e della colpevolizzazione di se stessi (e degli altri) dopo un lutto. Straordinaria la densità dei personaggi interpretati con trasporto dai tre protagonisti: Donald Sutherland padre ponderato e mediatore, Timothy Hutton figlio in cui il trauma personale si sovrappone ai problemi dell’adolescenza, e Mary Tyler Moore - più nota al grande pubblico per la sit-com omonima - madre di raro egoismo e freddezza emotiva. Sofferto.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: L’incredibile vuoto affettivo che separa madre e figlio: esemplare il loro imbarazzo nel farsi fotografare insieme.
I gusti di Homesick (Giallo - Horror - Western)

Cotola 9/11/09 23:44 - 6892 commenti

L’esordio alla regia di Redford è un drammone familiare pieno di scene madri e di qualche luogo comune attraverso i quali il regista riesce comunque, ma solo a tratti, a coinvolgere lo spettatore. Il meglio è rappresentato dalla prova degli attori su cui spicca un giovane e promettente (in fututo purtroppo non si ripeterà a questi livelli) Timoty Hutton.
I gusti di Cotola (Drammatico - Gangster - Giallo)

Daniela 3/7/16 13:23 - 7859 commenti

Reduce da un soggiorno in un ospedale psichiatrico a seguito di un tentativo di suicidio, Conrad torna a vivere presso i genitori nella loro bella casa, continuando però a manifestare un profondo disagio... Esordio alla regia per Redford con un dramma che si dipana come un thriller psicologico e si avvale di un cast eccellente: se il bravo Sutherland irrita e commuove come padre/cuscinetto, Tyler Moore, madre inaffettiva tutta intenta a salvare le apparenze, e Hutton, torturato dalla sindrome del sovravvissuto, danno vita alle migliori prove delle rispettive carriere.
I gusti di Daniela (Azione - Fantascienza - Thriller)

Capannelle 26/11/13 0:05 - 3541 commenti

Una parte iniziale eccessivamente lenta rischia di respingere lo spettatore ma poi si riprende e aiuta a entrare in sintonia con i personaggi di questa amara storia di elaborazione del dolore e di sorrisi di facciata. Redford dirige con apparente distacco, ha il grosso merito di non cercare i colpi a effetto che tanto cinema americano ama ma talvolta sembra anche troppo sobrio. Comunque bravi gli attori e quando la pellicola tira le fila non risparmia colpi ed emoziona.
I gusti di Capannelle (Commedia - Sentimentale - Thriller)

Enzus79 10/9/13 16:05 - 1540 commenti

Il dolore di una famiglia americana che lacera la propria vita quotidiana. Gente comune è il ritratto di questo e, pur essendo un po' sopravvalutato, riesce a coinvolgere grazie anche all'interpretazione dei tre attori principali: Hutton, Sutherland e la Moore (bravissima).
I gusti di Enzus79 (Fantascienza - Gangster - Poliziesco)

Saintgifts 9/8/12 18:56 - 4099 commenti

Come spesso accade le opere prime sono le più riuscite. In questo caso Redford, come regista, svolge un compito molto ordinato, pulito e borghesemente elegante; come puliti, ordinati e borghesemente eleganti sono gli abiti, le dimore, i prati e le auto dei protagonisti, che non riflettono assolutamente i drammi interiori di ognuno di loro, ma anzi cercano di mascherarli sotto apparenze visive piacevoli e perfette. Ma i drammi ci sono e non si possono ignorare, vengono inevitabilmente a galla e forse solo allora si possono risolvere.
I gusti di Saintgifts (Drammatico - Giallo - Western)

Nando 3/3/12 16:38 - 3275 commenti

Esordio registico per Redford che si cimenta nella dura elaborazione di un grave lutto familiare che colpisce una normale famiglia. Narrazione sofferta realizzata con impegno ed attenzione ai particolari. Bella prova del cast con il giovane Hutton sorprendente per emotività e partecipazione.
I gusti di Nando (Commedia - Horror - Poliziesco)

Paulaster 14/2/18 11:39 - 2222 commenti

La morte del figlio prediletto causerà la deflagrazione dei rapporti tra gli altri familiari. A parte la debole fase psichiatrica e scolastica, le dinamiche tra i singoli sono ben dirette e analizzate. Trio di protagonisti eccellenti (nota per chi ha scritto i dialoghi alla Tyler Moore) che non utilizza pietismi e che mostra l’ipocrisia che l’importante è la facciata esteriore. Redford evita melodrammi e condanna l’individualismo americano; forse frettoloso il finale.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: La lite tra la Tyler Moore e Sutherland al golf club; La seduta dallo psicanalista di Sutherland.
I gusti di Paulaster (Commedia - Documentario - Drammatico)

Stefania 27/1/10 20:18 - 1600 commenti

Ci entriamo davvero, nel dramma di Conrad e dei suoi genitori, e ci accorgiamo di quanto sia straziante proprio perché è occultato sotto una forzata parvenza di normalità. Dopo la morte del figlio, la famiglia si sforza di continuare a vivere come prima, ma niente è più come prima, e l'elaborazione del lutto sarà difficile per tutti, impossibile per qualcuno. La fine della normalità è il momento della verità in questo bel dramma corale, diretto con grande sicurezza, solo un po' lento nella parte iniziale.
I gusti di Stefania (Commedia - Drammatico - Giallo)

Jofielias 14/12/11 9:19 - 170 commenti

Mary Tyler Moore è una madre raggelata dal dolore. Timothy Hutton un ragazzo con un enorme vuoto lasciato dalla morte del fratello. Donald Sutherland un padre che cerca disperatamente di rimettere insieme i cocci della famiglia. Una storia semplice, di gente comune, appunto. A volte sembra difficile per l'iperbolico cinema americano narrare in punta di piedi questo genere di storie (più adatte alla sensibilità europea), ma qui Robert Redford opera il miracolo e dirige con grande finezza tre interpreti sublimi per un film indimenticabile.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: La resa scenica dell'impossibilità del contatto affettivo tra madre e figlio, in ogni sua sfumatura.
I gusti di Jofielias (Fantascienza - Horror - Thriller)

Gippal 18/1/17 22:39 - 66 commenti

Gente comune, gente come gli altri. All'apparenza niente di anormale, tutto nella norma, ma dentro parole non dette, sentimenti inespressi, tragedie mai superate. Questo film è un lamento straziante che non trova mai sfogo, un grido esanime che non viene mai udito. E tra inconciliabilità inconciliabili, solamente cercando fuori dalla famiglia Conrad può trovare conforto e instaurare un rapporto autentico con lo psicologo che lo segue. All'interno non riesce a esprimersi come vorrebbe, a essere compreso per quello che è.
I gusti di Gippal (Animazione - Drammatico - Sentimentale)

Cinefolle 7/8/12 23:04 - 21 commenti

Film più sottile della media mainstream americana, in cui tutto è didascalicamente spiegato (soprattutto tramite il mero personaggio-funzione dello psicologo) per non turbare troppo il pubblico americano con ellissi e sottintesi. Ma con classe inedita, con personaggi qua e là un po' troppo letterari, ma credibili. La grande forza è il personaggio della madre, incarnata da una meravigliosa Mary Tyler Moore. Film sofferto, doloroso. Quando il mainstream americano non era solo mercato.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: "Forse quello che hai seppellito è stato il meglio di te stessa"... Uno dei dialoghi più dolorosi che il cinema ricordi.
I gusti di Cinefolle (Commedia - Documentario - Giallo)