Cerca per genere
Attori/registi più presenti

UNA DONNA LIBERA

MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 1
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO INSERITO IL GIORNO 9/12/07 DAL BENEMERITO B. LEGNANI

Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
  • Mediocre, ma con un suo perché a detta di:
    B. Legnani


B. Legnani 9/12/07 19:42 - 4452 commenti

Drammone cottafaviano, convenzionale sotto la patina di apparente anticonvenzionalità. Regìa correttissima per un prodotto medio, con un un finale tirato per i capelli. La cosa migliore è la presenza di Gino Cervi: quando c’è lui il film vola più in alto. Non funziona la protagonista, incredibile sia come neo-laureata in architettura, sia come donna della quale molti s’innamorano. C’è Galeazzo Benti. Guardabile, ma nulla di più.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: - Finalmente ho capito a chi assomiglia lei! (...) A Gerardo Villabruna, il direttore d’orchestra. - Per forza: sono io!
I gusti di B. Legnani (Commedia - Giallo - Thriller)