Cerca per genere
Attori/registi più presenti

IL RATTO DELLE SABINE

All'interno del forum, per questo film:
Il ratto delle sabine
Dati:Anno: 1945Genere: commedia (bianco e nero)
Regia:Mario Bonnard
Cast:Totò, Carlo Campanini, Clelia Matania, Olga Solbelli, Laura Gore, Luisa Alleani, Mario Pisu, Giuseppe Rinaldi, Mario Castellani, Giuseppe Spadaro, Claudio Ermelli, Aldo Silvani
Note:Aka "Il professor Trombone".
Visite:878
Filmati:
M. MJ DAVINOTTI JR: MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 6
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)


Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione

ORDINA COMMENTI PER:

B. Legnani 28/6/14 18:58 - 4451 commenti

Debolissimo film con Totò, di realizzazione frettolosa, con troppe situazioni arrangiate alla meno peggio. Non riesce neppure a spezzare una lancia in favore dei guitti affamati. Si salvano la consueta simpatica verve di Campanini, la bellezza della Gore e l'irresistibile freschezza di Clelia Matania. Nel cast c'è pure la "grossa" Olga Solbelli, reduce dalla cinematografia di Salò. Evitabilissimo.
I gusti di B. Legnani (Commedia - Giallo - Thriller)

Pigro 1/7/08 10:01 - 7310 commenti

Compagnia di giro scalcagnata e affamata approda in un paesino dove decide di portare in scena il dramma di un maestro locale. Il film si regge sulla presenza di Totò e sui soliti intrecci di equivoci e sotterfugi che Mario Bonnard sa gestire bene. Non male, ma il finale si impappina nel delirio, mandando tutto all’aria un po’ troppo frettolosamente.
I gusti di Pigro (Drammatico - Fantascienza - Musicale)

Rambo90 15/11/17 16:44 - 5818 commenti

Un filmetto semplice, costruito bene nella prima parte, con lo spassoso primo incontro tra Totò e Campanini e la riuscita caratterizzazione della Matania, cameriera ruspante con l'amore per il teatro. Si sorride spesso e Bonnard sa intrecciare bene i destini dei personaggi. Peccato per la parte a teatro, meno esplosiva di quanto ci si possa aspettare, risolta piuttosto frettolosamente e dalla conclusione poco incisiva. Comunque un film gradevole, che resiste bene al tempo e ha ancora un paio di frecce al suo arco. Non male.
I gusti di Rambo90 (Azione - Musicale - Western)

Rufus68 27/5/19 23:13 - 2626 commenti

Esilarante negli incontri-scontri a lenta combustione (Totò, Campanini, Matania; i continui equivoci sul Tito Tazio ribattezzato, per comodità, Gaetano) o nelle impennate di un Principe in gran forma (impresario supponente e ignorantissimo: "a estremum malis extremis rimedium") o nel finale che finisce disastrosamente al galoppo cantato. Sottovalutata commediola che trae dai protagonisti e dai comprimari dell'improvvisata e macilenta compagnia una forza picaresca e dolcemente ribalda.
I gusti di Rufus68 (Drammatico - Fantascienza - Horror)

Minitina80 26/4/15 9:56 - 1984 commenti

Realizzato in un periodo storico non proprio sereno in Italia, con mezzi modesti e senza troppa cura per i dettagli. La versione originale non esiste più e l’unica esistente è stata rimaneggiata nel 1950 dal negativo originale. Particolari che penalizzano la riuscita finale ma che non offuscano la bravura di Totò e Campanini e la simpatia della Matania. La storia di per sé è semplice e molto legata a quel contesto storico in cui la fame e la povertà erano una realtà difficile da affrontare.
I gusti di Minitina80 (Comico - Fantastico - Thriller)

Graf 12/10/12 2:39 - 626 commenti

Mario Bonnard, il regista, antesignano del neorealismo, di film come Avanti c'è posto e Campo de' fiori, dirige per l'unica volta Totò. Siamo nel'45; si aprono le porte e si spalancano le finestre e, finalmente, la vita vera entra nella storia e negli scenari dei film. E in quegli anni grami e poveri la vita voleva dire fame, avere una fame autentica, tormentosa, inestinguibile. Un film triste sulla fame che Totò, guitto vagabondo, riesce a rielaborare in chiave comica fine a spingere verso la pochade farsesca. Peccato per il finale confuso. Da vedere.
I gusti di Graf (Commedia - Poliziesco - Thriller)