Cerca per genere
Attori/registi più presenti

I GIORNI DEL VINO E DELLE ROSE

All'interno del forum, per questo film:
I giorni del vino e delle rose
Titolo originale:Days of Wine and Roses
Dati:Anno: 1962Genere: drammatico (bianco e nero)
Regia:Blake Edwards
Cast:Jack Lemmon, Lee Remick, Charles Bickford, Jack Klugman, Alan Hewitt, Tom Palmer, Debbie Megowan
Note:Il titolo del film deriva da una poesia dello scrittore inglese Ernest Dowson (1867–1900).
Visite:948
Filmati:
MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 7
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO INSERITO IL GIORNO 3/12/07 DAL BENEMERITO LERCIO

Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione


ORDINA COMMENTI PER:

Galbo 1/3/08 14:09 - 10606 commenti

Uno dei migliori film mai realizzati sull'alcolismo (insieme a Giorni perduti di Wilder) è diretto dal grande Blake Edwards, paradossalmente regista specializzato in commedie. Il film è un dramma assai realistico e lacerante, ben scritto e fotografato, ma sopratutto ben interpretato da due attori di grande classe come Jack Lemmon e Lee Remick. Alcune sequenze sono da antologia del cinema.
I gusti di Galbo (Commedia - Drammatico)

Cotola 10/10/11 23:48 - 6728 commenti

Gran bel film di Edwards sull'alcolismo ma anche sulla solitudine da cui può nascere, raccontato con sobrietà e senza scene d'accatto o inutilmente sensazionalistiche. La discesa nella spirale dell'alcool è graduale ma terribilmente intensa ed efficace. Il regista sceglie con grande coraggio, specie per l'epoca, di non concedere nulla (o quasi) ai suoi personaggi ed allo spettatore: ecco spiegato un finale tutto sommato duro che non apre più di tanto il cuore alla speranza. Bravi la Remick e Lemmon, con una prevalenza però del secondo.
I gusti di Cotola (Drammatico - Gangster - Giallo)

Daniela 22/2/18 11:50 - 7347 commenti

Contende a Giorni perduti la palma del più bel film sull'etilismo: se quella descritta da Wilder è una discesa in solitaria, qui ad essere coinvolta è una coppia affiatata ed in apparenza felice, ma simili sono le motivazioni: per Milland la crisi professionale come scrittore, per i coniugi Clay la frustrazione di una vita sempre di corsa per reggere il passo lavorativo e sociale. Regia senza cedimenti, bella colonna sonora di Mancini e grande prova del cast: travolgente Lemmon in una delle migliori interpretazioni in carriera, intensa e commovente Remick, notevoli Bickford e Klugman.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Lemmon distrugge la serra.
I gusti di Daniela (Azione - Fantascienza - Thriller)

Lercio 3/12/07 23:44 - 232 commenti

Jack Lemmon interpreta il protagonista di questo film in maniera eccezionale. Il realismo con cui viene affrontato il delicato argomento dell'alcolismo è impressionante, non vi sono mai momenti esagerati; mostra la dipendenza di cui tratta in maniera realistica, cruda e agghiaccante. La scena di lui con le bottiglie nascoste nei pantaloni è indimenticabile. Il finale è da antologia. Poetico e nello stesso tempo estremamente crudo.
I gusti di Lercio (Drammatico - Horror - Poliziesco)

Saintgifts 22/5/13 16:01 - 4099 commenti

L'inizio del film e la sua fine sono due mondi diversi. Sono due mondi diversi quello degli astemi (o di che beve un bicchiere di vino pasteggiando) e quello degli alcolisti. Il film riesce a far capire perfettamente questo, attraverso una sceneggiatura che non consente buonismi o smussature sull'argomento. Interpretato bene da un Lemmon che porta agli eccessi la sua performance (ma proprio per questo fa anche intravvedere una luce di speranza) e da una Remick più sommessa ma più determinata nel vizio.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: La scritta BAR che lampeggia nella notte e sui vetri della finestra.
I gusti di Saintgifts (Drammatico - Giallo - Western)

Ercardo85 25/12/08 19:39 - 81 commenti

È, con Giorni Perduti di Wilder, il più duro e riuscito film sul tema dell'alcolismo. Edwards e Lemmon, due grandi della commedia, nel passaggio al drammatico sembrano non perdere un grammo della loro incisività. È anche più amaro rispetto al film di Wilder perché ha il coraggio di finire male: la moglie del protagonista, prima astemia e da lui trascinata nel vizio, non riuscirà a liberarsi dal demone dell'alcolismo. Lui ci riesce e ricomincia a vivere con la figlioletta ed una ritrovata serenità interiore.
I gusti di Ercardo85 (Commedia - Gangster - Western)

Gippal 5/3/17 10:31 - 66 commenti

Non sono lunghi i giorni del vino e delle rose, dalle nebbie in un sogno il nostro cammino appare a un tratto e poi nel sonno si perde. Come se tutto fosse già previsto, la spirale dell'alcolismo si insinua insistente nelle vite dei due protagonisti. In un climax ascendente di distruzione, tra sedute anonime, tra continui tentativi di risalita, dopo essere crollati, dopo aver fatto cose per cui commiserarsi per il resto della vita, il film mostra lucidamente che liberarsi da una dipendenza è tutto tranne che facile.
I gusti di Gippal (Animazione - Drammatico - Sentimentale)