Cerca per genere
Attori/registi più presenti

LA CARRIERA DI SUZANNE

All'interno del forum, per questo film:
La carriera di Suzanne
Titolo originale:La carrière de Suzanne
Dati:Anno: 1963Genere: corto/mediometraggio (bianco e nero)
Regia:Éric Rohmer
Cast:Philippe Beuzen, Catherine Sée, Christian Charrière, Diane Wilkinson, Patrick Bauchau
Note:E' il secondo dei "Six contes moraux", sei film aventi tutti la stessa struttura (innamoramento per una donna; tentazione per un'altra; ritorno alla prima)
Visite:440
Filmati:
MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 6
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO INSERITO IL GIORNO 24/11/07 DAL BENEMERITO MFISK

Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione


ORDINA COMMENTI PER:

Caesars 10/2/10 8:45 - 2474 commenti

Secondo racconto morale di Rohmer, leggermente inferiore a quello precedente. La struttura è sempre quella del "triangolo" amoroso (anche se qui quasi un quadrilatero) ma con qualche variazione. Infatti Suzanne non è propriamente contesa dai due amici ma più semplicemente sfruttata. Da uno con fredda lucidità, dall'altro più per accondiscendenza verso l'amico che per reale calcolo. La vicenda ha un'impennata finale quando Suzanne, per caso o per calcolo, si prenderà la sua rivincita.
I gusti di Caesars (Drammatico - Horror - Thriller)

Mickes2 26/2/13 14:23 - 1551 commenti

Un quadrilatero d’amore-amicizia, d’attrazione-repulsione, superficialità-intelligenza. Sono i rapporti interpersonali visti da Rohmer, che guarda i suoi personaggi guardando anche alla società dell’epoca, giovani che si arrabbiavano, si innamoravano e poi si alienavano rinchiudendosi nell’indifferenza e nel cinismo. Ma forse la speranza è l’ultima a morire e rimanere se stessi paga sempre e comunque. Anche contestualizzando, rimane un ritratto all’acqua di rose, imbrigliato in un distaccatissimo e un po' compiaciuto rigore formale. Piuttosto noioso.
I gusti di Mickes2 (Erotico - Fantastico - Western)

Lou 4/3/19 17:40 - 827 commenti

La giovane Suzanne è alle prese con una coppia di studenti molto diversi tra loro: Guillaume, che diventa il suo ragazzo, è un seduttore spaccone e poco rispettoso, Bertrand è invece introverso e indeciso. Rohmer descrive le dinamiche dei rapporti giovanili con uno sguardo fresco e attento, anche se lo sviluppo di questo secondo capitolo dei "contes moraux" si rivela poco avvincente.
I gusti di Lou (Avventura - Azione - Drammatico)

Ammiraglio 26/6/08 14:28 - 150 commenti

Il triangolo descritto in questa opera vede cambiare, a seconda del momento, l'angolo centrale o sarebbe meglio dire l'angolo forte. Suzanne è usata, sì, da entrambi i ragazzi. Uno più infame e perfido, l'altro sicuramente meno cattivo ma pur sempre assecondante le manie di Guillame. E, come spesso accade nella vita, Suzanne saprà prendersi la sua vendetta, forse senza neppure accorgersi della reale portata della stessa. Fatto che la rende ancora più gustosa per noi terzi osservatori.
I gusti di Ammiraglio (Commedia - Drammatico - Fantascienza)

Mfisk 24/11/07 19:07 - 127 commenti

il 2° è anche il meno tipico dei Contes: Bertrand, innamorato di Sophie (nella maniera fredda e cerebrale dei protagonisti dei contes) non sbanda per Suzanne: la frequenta; la sfrutta economicamente, sia pur a rimorchio dell'amico Guillaume; la disprezza. Dal canto suo Suzanne è l'unica "altra donna" del ciclo che esce francamente vincente dalla vicenda: molla i due amici deficienti, probabilmente frega anche i soldi a Bertrand e si prepara a sposare uno bello e ricco, mentre Bertrand si appresta a perdere l'anno di università e pure Sophie.
I gusti di Mfisk (Commedia - Gangster - Guerra)

Il koreano 28/3/13 14:39 - 44 commenti

Paragonabile per conformità al precedente La fornaia di Monceau, può opportunamente considerarsi un prototipo di "cinema verità" crudo, forte di un peculiare pessimismo adolescenziale. Il giovane Rohmer affronta l'intreccio generale, quest'ultimo di natura lineare, sottraendo lo spettatore da qualsivoglia forma di immedesimazione e optando, al contempo, per il dilatamento degli spazi dedicati ai dialoghi e alla recitazione degli attori non professionisti, contravvenendo il più delle volte alle regole del campo-controcampo.
I gusti di Il koreano (Drammatico - Fantascienza - Thriller)