Cerca per genere
Attori/registi più presenti

AMANTI PERDUTI

M. MJ DAVINOTTI JR: MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 11
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)
Innanzitutto sgombriamo il campo dagli equivoci: la tanto vituperata versione italiana del film non dura 90 minuti come riporta la maggior parte delle fonti ma quasi due ore. Certo, non ci si avvicina alle tre ore dell'originale francese, da poco restaurato e che si divide nettamente in due parti (“Le boulevard du crime” e “L’homme blanc”), ma intanto... L'opera, risalente al 1945, è considerata uno dei momenti più alti del cinema francese. Per l'accuratezza della ricostruzione storica (è ambientato nella Parigi di metà Ottocento), per il disegno acuto dei personaggi, per le straordinarie performance del mimo Jean-Louis Barrault (è Battista, il vero amore della cortigiana protagonista) in gran parte eliminate dalla versione italiana. Tutte qualità innegabili, ma che ahinoi non sono sufficienti a rendere moderno un film decisamente datato, melodrammatico e zeppo di dialoghi noiosi. La storia è quella di Garance (Arletty), un’attraente ragazza le cui grazie sognano almeno in quattro. Li vediamo alternarsi a dichiarare il loro amore, i quattro pretendenti, chi puntando sulla propria influenza “monetaria” chi lasciandosi andare a parole dolci e ingenue. Lei non si nega recisamente a nessuno, finendo col lasciarsi scappare quello a cui più tiene e che rincontrerà nella seconda parte (un’epoca successiva). Altri tempi, altro modo di recitare e di intendere il cinema. Parlare di sopravvalutazione sarebbe errato, ma certo di film invecchiati meglio ce n'è a bizzeffe.
il DAVINOTTI

Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione

ORDINA COMMENTI PER:

Galbo 15/3/09 9:54 - 10926 commenti

Possente opera diretta da Marcel Carné su sceneggiatura di Jacques Prévert, il film(il cui titolo originale è di gran lunga più efficace) è ispirato alla vita di un artista (un mimo) realmente esistito nell'Ottocento (Deburau). Proprio la rappresentazione della vita teatrale ottocentesca, insieme ad una amara riflessione sui rapporti umani sui rapporti umani e al rapporto tra realtà e finzione, è il punto di forza del film.
I gusti di Galbo (commedia - drammatico)

Pigro 12/12/08 9:24 - 7312 commenti

Vista la versione originale di oltre 3 ore. L'amore per il teatro e l'amore per una donna: così si intrecciano personaggi reali e inventati in un vasto dramma dell'800, realizzato alla fine della guerra mondiale. Un potente canto d'amore per l'umanità e l'arte, struggente e implacabile. Straordinari la fluidità narrativa, la caratterizzazione ambigua dei personaggi (con alcuni tra gli attori più grandi del cinema europeo), l'ambientazione storica, i dialoghi poetici di Prévert, e il senso malinconico di una sottile disperata vitalità.
I gusti di Pigro (Drammatico - Fantascienza - Musicale)

Cotola 13/6/13 23:53 - 7006 commenti

Splendida, complessa ed emozionante opera di Carné che a quasi settant'anni dalla sua realizzazione, continua a stupire sotto molti aspetti. Impossibile non notare la perfezione della ricostruzione d'epoca, la maestria tecnica del regista francese, la straordinaria bravura degli attori, la poeticità della scrittura di Prévert che dà vita ad alcuni dialoghi bellissimi e tanto altro ancora. Più di tre ore (nella versione originale) piena di "cose" belle, di emozioni e di variegata umanità. E che meraviglia le pantomime di Baptiste che la pedestre versione italiana ha malamente tagliato. Chapeau.
I gusti di Cotola (Drammatico - Gangster - Giallo)

Daniela 2/3/14 16:12 - 8081 commenti

Monumentale affresco del teatro popolare nella Parigi ottocentesca, il capolavoro della coppia Carné/Prevert è soprattutto una galleria di personaggi indimenticabili, resi vitali da un cast in stato di grazia: l'algida musa, il mino innamorato triste, l'attore shakespeariano sanguigno e generoso, il ladro damerino raffinato, il conte odioso e sprezzante, la moglie disposta a tutto per conservare l'uomo che ama. Poesia fatta cinema, struggente elegia del teatro nel nome del legame fra vita e rappresentazione, una delle più belle storie d'amore mai raccontate

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Stupendo il finale: bianco vestito, un pierrot fra i tanti, perso fra la folla che gremisce il Boulevard du Crime, cerca di raggiungere la carrozza.
I gusti di Daniela (Azione - Fantascienza - Thriller)

Caesars 20/2/18 8:50 - 2462 commenti

Sicuramente la versione italiana, più corta di oltre un'ora rispetto all'originale, non rende giustizia all'opera; la trama presenta infatti alcuni vuoti probabilmente assenti nella versione francese. Siamo comunque davanti a un dramma che risente pesantemente degli anni trascorsi e che, seppur interpretato da ottimi attori, fatica a tener desta l'attenzione dello spettatore. Sicuramente a suo tempo l'impatto sul pubblico doveva essere ben diverso. Merita comunque la visione.
I gusti di Caesars (Drammatico - Horror - Thriller)

Enzus79 18/9/12 15:51 - 1568 commenti

Un film non lo si giudica solo dalla sua durata. Amanti perduti scorre veloce e appunto non si "sente" la sua lunga durata; è questo il merito più grande di Marcel Carné e Prevert. Tutti i personaggi sono interpretati benissimo (spicca Brasseur).
I gusti di Enzus79 (Fantascienza - Gangster - Poliziesco)

Belfagor 20/6/11 12:20 - 2593 commenti

Amori, gelosie e tradimenti in questo possente dramma di gusto ottocentesco diretto da Carné. Svariate influenze teatrali ed operistiche fanno del film un omaggio al palcoscenico e una riflessione sul contrasto fra la realtà e la finzione. La tragedia di base s'innalza così al livello di una considerazione sull'umanità intera (appena uscita, all'epoca della realizzazione del film, dalla Seconda Guerra Mondiale) e sul ruolo dell'arte e della storia. Notevole la prova del cast nel rendere le sfaccettature dei personaggi. Sceneggiatura di Prévert.
I gusti di Belfagor (Commedia - Giallo - Thriller)

Mickes2 19/11/13 16:42 - 1551 commenti

Mirabolante sinfonia sul cinema (come teatro) e il teatro (come cinema). Equazione indissolubile per questa commedia a sfondo drammatico che sublima gli assunti (la ricerca impossibile della felicità, la riflessione fra realtà e finzione, l’elegia all’arte) nel melò sussurrato. Sonnambuli e anime infrante per un’opera liberatoria e malinconica, vera e umanista, con vertici di sublime poesia (i dialoghi, le pantomime) e in cui la grandezza delle ricostruzioni è proporzionale alla forza di una nazione intera. Non sempre scorrevole, ma da ammirare.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Le bellissime pantomime di Barrault.
I gusti di Mickes2 (Erotico - Fantastico - Western)

Luchi78 26/1/11 10:44 - 1521 commenti

Questa commedia dal sapore antico merita almeno una visione per gli amanti della Parigi metà ottocento, con personaggi un po' irreali, ma evidentemente tipici nell'ambiente dello spettacolo di quel tempo. Dialoghi amorosi molto eleganti, storie di sfide tra amanti, ma sopra tutti si fa notare l'interpretazione di Jean Louis Barrault nei panni di un mimo stile Pierrot, molto emozionante.
I gusti di Luchi78 (Comico - Fantastico - Guerra)

Viccrowley 20/11/13 12:17 - 746 commenti

Poche opere nella storia del cinema sono destinate a lasciare un solco incancellabile nella memoria storica. A questa stretta cerchia appartiene senza dubbio il film di Carnet, straordinario viaggio metalinguistico dove a una storia tutto sommato semplice fa da corollario l'inscindibile assioma cinema/teatro che tutto ammanta e avvolge. Circondati da sipari veri o metaforici, incanalati in un ricostruzione scenica da brividi, personaggi alla ricerca di quell'amore totalizzante (per una donna o per l'arte) in grado di dare un senso all'esistenza.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Il mimo Baptiste nelle sue eccezionali interpretazioni; Il magnifico carnevale sulla strada parigina nel finale del film.
I gusti di Viccrowley (Commedia - Fantascienza - Horror)

J.d.s. 14/7/17 14:46 - 20 commenti

Uno dei migliori film della storia del cinema. Monumentale, struggente e disincantato ritratto dei rapporti umani, sempre in balia fra passioni estreme (spesso insoddisfatte) e cinismo. Anche atto d'amore per il teatro e in particolare per la figura del mimo: l'attore sublime, puro. Da vedere e rivedere. In questo caso parlare di capolavoro è appropriato.
I gusti di J.d.s. (Drammatico - Fantascienza - Sentimentale)