Cerca per genere
Attori/registi più presenti

• I RACCONTI DELLA CRIPTA

All'interno del forum, per questo film:
• I racconti della cripta
Titolo originale:Tales from the Crypt
Dati:Anno: 1989Genere: horror (colore)
Regia:[3e] Walter Hill, Robert Zemeckis, Richard Donner
Cast:William Sadler, J.W. Smith, Roy Brocksmith, Lindsey Whitney Barry, Marshall Bell, John E. Coates, Larry Drake, John Kassir, Mary Ellen Trainor, Michael Bower, Steve Kahan, John Kassir, Al Maines, Dorothy Neumann, Jack O'Leary, Joe Pantoliano, Paul Tuerpe, Gustav Vintas, Robert Wuhl, Kathleen York, Rick Zumwalt
Note:Aka "I racconti dalla cripta", "I racconti dalla crypta". I primi tre episodi della serie USa. Sono: "L'uomo che era la morte" (The Man Who Was Death, di Walter Hill, "È attraverso tutta la casa" (And All Through the House, di Robert Zemeckis), "Sotterra quel gatto, è davvero morto" (Dig That Cat... He's Real Gone, di Richard Donner).
Visite:2650
Filmati:
Approfondimenti:1) "I RACCONTI DELLA CRIPTA" EPISODIO PER EPISODIO, 2) LA STORIA DI ZIO TIBIA (RIORDINANDO LA CRIPTA)
M. MJ DAVINOTTI JR: MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 6
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO INSERITO IL GIORNO 18/10/07 DAL BENEMERITO UNDYING POI DAVINOTTATO IL GIORNO 20/5/16
Con tre episodi diretti dai produttori della serie (ma senza grandi nomi nel cast, a differenza di quanto accadrà in seguito) partono I RACCONTI DELLA CRIPTA, brevi episodi di poco più d'una ventina di minuti ciascuno introdotti di volta in volta dal Guardiano della cripta, uno scheletro mummificato dalla battuta facile accompagnato in sottofondo dal bel tema musicale di Danny Elfman e immerso nelle scenografie gotiche d'una casa in stile PSYCO. L'apertura è per Walter Hill e L'UOMO CHE ERA LA MORTE, in cui Bill Sadler interpreta colui che nella prigione abbassa la leva delle esecuzioni sulla sedia elettrica. Non un mestiere allegro, che il nostro compie rivolgendosi nei suoi pensieri direttamente allo spettatore, spiegando chiaramente perché condivide e anzi trova assolutamente necessaria la pena di morte. Poi però capita che la stessa nel suo Stato venga abolita e lui perda il lavoro, decidendo di continuare l'opera da solo e fulminando in diversi modi colui che la giustizia assolve ma che lui è certo siano colpevoli. Sadler, col suo fare cinico e spregevole, è l'uomo giusto per interpretare un episodio che non arretra di fronte a nulla: esecuzioni senza censure e l'elettricità killer come letmotiv, con uno dei più crudi omicidi in vasca che si ricordi, in cui la vittima frigge a lungo tra le bolle. Ambienti bui come quasi sempre in Hill, una regia solida e un copione ben scritto sono le componenti di un valido esordio, con un finale a sorpresa un po' prevedibile ma coerente (e prolungato dal Creepy, che gioca sadicamente sulla sedia elettrica di casa fulminandosi a ripetizione). Delude altamente invece Zemeckis con E' ATTRAVERSO TUTTA LA CASA, che Freddie Francis aveva già portato su schermo nel suo RACCONTI DALLA TOMBA del 1972, il primo film tratto dai fumetti della E.C. Ad essere braccata in casa da un Babbo Natale assassino allora era Joan Collins, qui è Mary Ellen Trainor (il killer mascherato è invece un irriconoscibile Larry Drake), che ha nel prologo ammazzato il suo secondo marito e decide di approfittare della presenza in zona del Babbo Natale assassino per addossargli la responsabilità del delitto. Un breve assedio che Zemeckis gira in bello stile ma senza grinta, in attesa del colpo di scena finale beffardo sì ma non abbastanza forte da giustificare venti minuti piuttosto vuoti e interpretati senza il dovuto trasporto. Ottima la fotografia, ma non basta. Più simpatico e folle l'ultimo episodio, SOTTERRA QUEL GATTO E' DAVVERO MORTO, con un Richard Donner in forma che si diverte a giocare con primi piani improvvisi e un montaggio veloce sfruttando il clima grottesco del luna park. Joe Pantoliano è un barbone al quale, nello studio del solito scienziato pazzo, vengono regalate le nove vite di un gatto attraverso un'operazione chirurgica appena abbozzata. L'idea del protagonista è di sfruttarle per farsi assumere al luna park come Ulric “il semprevivo”, con prove impossibili di resistenza che lo porteranno alla morte e poco dopo alla resurrezione tra lo stupore degli astanti. Un bell'esempio di creatività a cui si aggiunge il black humour tipico della serie, con personaggi volutamente sopra le righe a rendere il tutto quasi surreale. Toni hooperiani filtrati dal dinamismo tipico di Donner per un episodio gustoso e divertente. Per nulla sanguinario, nonostante si potesse facilmente approfittare delle molteplici morti per darci dentro in questo senso, poco spaventevole come prevedibile per il cinema di Donner ma simpatico, con un finale a sorpresa che convince abbastanza.
il DAVINOTTI

Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione

ORDINA COMMENTI PER:

Undying 19/10/07 6:44 - 3875 commenti

Ispirati ai famosi E. C. Comics anni '50 di William Gaines, gli episodi della serie Tales From the Crypt nascono nel 1989: sono caratterizzati dalle introduzioni del "Guardiano della Cripta" (Crypt Keeper), sorta di doppio del nostro zio Creepy. Da noi arriveranno a "spizzichi e bocconi", in quantità minima: questi sono i primi tre in assoluto e raccontano di un boia disoccupato a seguito dell'abolizione della "pena capitale", di un Babbo Natale invadente e un (bel) po' folle (l'episodio migliore dei tre) e delle nove vite del gatto...
I gusti di Undying (Horror - Poliziesco - Thriller)

Cotola 4/4/08 0:01 - 6978 commenti

Ispirato ad una serie di fumetti di culto negli Stati Uniti, il film presenta alcuni (probabilmente) tra gli episodi migliori della serie che risultano piuttosto riusciti non solo per la bontà del materiale da cui sono tratti ma anche grazie ad una buona realizzazione ad opera di registi di grande esperienza e di attori meno conosciuti ma comunque all’altezza della situazione.
I gusti di Cotola (Drammatico - Gangster - Giallo)

Ciavazzaro 9/4/08 14:38 - 4722 commenti

Prima ottima raccolta delle mitiche storie di "Zio Tibia". Interessante il primo episodio con il boia che si fa giustizia da solo (e in effetti le sue vittime sono tutti assassini che l'hanno fatta franca); il secondo è il remake del classico episodio che in originale era con Joan Collins (contenuto nel film di Francis). Ottimo anche nella sua nuova versione l'ultimo, con l'uomo che può morire come un gatto, ma attenti alle bare! Godibile.
I gusti di Ciavazzaro (Giallo - Horror - Thriller)

Rambo90 27/9/13 1:33 - 5775 commenti

I primi episodi della serie sono tra i migliori: in particolare il segmento di Donner è beffardo e originale, mentre quello di Hill gioca tutto sulla buona interpretazione di Sadler. Meno efficace l'episodio di Zemeckis, ma solo perché sconta il paragone con l'analogo del '72, più teso e meno orientato a spaventare a tutti i costi. Nel complesso, buono.
I gusti di Rambo90 (Azione - Musicale - Western)

Rufus68 19/5/19 21:22 - 2618 commenti

Cominciamo col dire che la cornice è orridamente fumettistica (una volta le cornici le conducevano Lee e Cushing, qui siamo alla puerilità spinta). Con gli episodi si va sulle montagne russe: insulso quello di Zemeckis, divertente seppur caricaturalmente esagitato l'uomo dalle molte vite di Donner. Di discreto valore, invece, il segmento di Hill, esiguo e prevedibile ma ben condotto da un convincente Sadler. Poco entusiasmante, nel complesso.
I gusti di Rufus68 (Drammatico - Fantascienza - Horror)

Anthonyvm 5/4/18 20:01 - 930 commenti

Buona raccolta di storie. Il primo episodio è una godibile satira sulla pena di morte, sul concetto di giustizia e sull'ironia della sorte, tutto risaputo e poco orrorifico ma interessante. Il secondo (già proposto per il grande schermo in Racconti dalla tomba) è una variante del tema "Babbo Natale omicida", qui interpretata da un Larry Drake troppo sopra le righe; simpatico ma meglio l'originale. Il terzo è un gioiellino di black humour che organizza alla perfezione i suoi elementi e raggiunge l'apice in un finale beffardo e riuscitissimo.
I gusti di Anthonyvm (Animazione - Horror - Thriller)