Cerca per genere
Attori/registi più presenti

POPEYE - BRACCIO DI FERRO

All'interno del forum, per questo film:
Popeye - Braccio di ferro
Titolo originale:Popeye
Dati:Anno: 1980Genere: commedia (colore)
Regia:Robert Altman
Cast:Robin Williams, Shelley Duvall, Ray Walston, Paul Dooley, Paul L. Smith, Richard Libertini, Donald Moffat, MacIntyre Dixon, Roberta Maxwell, Donovan Scott, Allan F. Nicholls, Wesley Ivan Hurt, Bill Irwin, Robert Fortier, David McCharen
Note:Ispirato all'omonimo fumetto e cartone animato
Visite:1213
Filmati:
M. MJ DAVINOTTI JR: MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 8
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO INSERITO IL GIORNO 23/8/07 DAL BENEMERITO FABBIU POI DAVINOTTATO IL GIORNO 12/4/19
Prestigiosa trasposizione cinematografica dei fumetti (e dei cartoni animati) di Braccio di Ferro, porta la firma di Robert Altman e può contare sulla prima prova da protagonista della futura star Robin Williams. Interamente ambientato nel paese di pescatori chiamato Sweetheaven allestito a Malta con grande dispendio di mezzi, fotografato dall'ottimo Giuseppe Rotunno, scenografato con gusto e assistito da un grande (e azzeccato) lavoro di make-up, il film ahinoi si ferma alla superficie appoggiandosi a una trama a dir poco pretestuosa che ha l'unico obiettivo di portare in scena i personaggi più riconoscibili del fumetto resi “reali” attraverso il trucco. Così Robin Williams si fa gonfiare gli avambracci e si veste come la sua controparte a due dimensioni (ma mangia gli spinaci solo nell'ultima scena e senza risultati così straordinari, dal punto di vista dell'impatto), l'ex clone di Bud Spencer alias Paul Smith interpreta Brutus e Shelley Duvall (che lo stesso anno affiancava Jack Nicholson nel memorabile SHINING di Kubrick) si trasforma in una credibilissima Olivia: caratteristica treccia dietro ai capelli neri raccolti, abitino stretto rosso su un corpo magrissimo, scarpe giganti. Di contorno Poldo (Dooley), presente per qualche inevitabile gag sui panini e per accompagnare Pisellino (Hurt) alle corse. E' proprio il ritrovamento del piccolo frugoletto in una cesta a dare la sterzata a un film che stava procedendo senza più idee, appesantito perdipiù da una quantità di numeri cantati degna di un musical, oltretutto doppiati in italiano penalizzando gli sforzi della produzione. Esaurito però il gusto nel veder trasformati in carne e ossa i personaggi del fumetto, ciò che ci si trova di fronte è un continuo starnazzare e correre per il set che passati i primi venti minuti rischia fortemente di irritare. Lo sforzo nel dare coralità alla storia non è premiato da risultati accettabili, perché le gag sono limitatissime e la storia può essere riassunta in due righe: Popeye arriva a Sweetheaven, conosce Olivia, la fidanzata di Brutus, e con lei una sera decide d'occuparsi di Pisellino, orfanello trovato per strada in una cesta. Inizialmente Brutus nemmeno capisce cosa stia accadendo, successivamente cerca vendetta. Non fosse per i suggestivi, colorati paesaggi e per la simpatica performance di Williams ci sarebbe ben poco da ricordare, con un Altman che, alle prese con la commedia, una volta di più fatica a trovare il corretto registro. Una sarabanda caotica e ridondante che stanca quasi da subito, una sceneggiatura in cui è arduo trovare traccia del talento del premio Pulitzer Jules Feiffer ma anche - a tratti - una gioia per li occhi.
il DAVINOTTI

Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione

ORDINA COMMENTI PER:

Galbo 4/4/11 16:44 - 10779 commenti

Sonoro insuccesso commerciale e di critica per questo film di Altman dedicato al celeberrimo Popeye. Il film tuttavia, lungi dall'essere un capolavoro, è gradevole anche se assai penalizzato dal brutto doppiaggio italiano e dal nostrano malvezzo di tradurre nella nostra lingua anche i numeri musicali. Apprezzabili la ricostruzione ambientale e le prove di un cast piuttosto azzeccato.
I gusti di Galbo (commedia - drammatico)

Pigro 11/11/09 10:02 - 7184 commenti

Geniale. Altman trasforma la solita operazione di film dai fumetti in un sottilissimo apologo sulle dinamiche sociali (soprattutto sulla famiglia e il potere), grazie a una coralità ben orchestrata e a spunti di satira serpeggiante (il cibo, i soldi, le convenzioni). Il villaggio è un fantastico sfondo a questo divertente fumettone, perfettamente mimetico rispetto all'originale, anche grazie all'interpretazione di Williams e Duvall. Va visto in originale perché il lavoro sul sonoro e le canzoni (mortificato in italiano) è spettacolare.
I gusti di Pigro (Drammatico - Fantascienza - Musicale)

Cotola 1/4/11 8:25 - 6857 commenti

Difficile trasporre in immagini cinematografiche un fumetto come Popeye. E, infatti, anche un grandissimo come Altman, sforna un film dai risultati completamente deludenti. A dire il vero la scelta degli attori sarebbe anche giusta, ma è la messa in scena e la narrazione che non piacciono soprattutto poiché pagano lo scotto delle troppe canzoni. Altra cosa non di poco conto: risulta troppo infantile. Il classico film per tutti che potrebbe scontentare sia gli adulti che i piccini.
I gusti di Cotola (Drammatico - Gangster - Giallo)

Daniela 21/7/16 23:35 - 7697 commenti

Se si pensa alla trasposizione in carne ed ossa di un personaggio cartoon, Altman non è proprio il primo regista che viene in mente. Anzi, non si capisce bene come sia venuto in mente a lui di farlo, a parte quella di avere a disposizione l'attrice perfetta per interpretare Olivia. Se conosci Olivia, puoi anche pensare di accoppiarla a Popeye (anche lui somigliante per dono di natura) e costruire intorno ad essi un simpatico villaggio di baracche popolato di macchiette canterine, ma, fatte salve la fisiognomica e le scenografie, il risultato è fallimentare. Bambinesco più che fanciullesco.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: "Una cosa che mi ricordo di mio padre è che mi faceva sempre volare per aria... e non c'era mai quando tornavo giù".
I gusti di Daniela (Azione - Fantascienza - Thriller)

Hackett 1/10/16 10:38 - 1588 commenti

Film coraggioso, che da un lato affascina per la sfida di portare un mondo prettamente fumettistico nella vita reale e dall'altro disorienta un po', tra commedia e musical, in una rappresentazione dove tutto è volutamente bidimensionale. Resta una prova gagliarda per il giovanissimo Robin Williams e un esperimento di cinema che può piacere se si è preparati alla sua particolarità.
I gusti di Hackett (Giallo - Horror - Thriller)

Fabbiu 23/8/07 11:33 - 1873 commenti

R. Williams, dopo diverse serie tv, passa al cinema interpretando il marinaio guercio e dagli avambracci muscolosamente deformi. Anche Bruto, Olivia e Poldo sono identici agli originali. La particolarità del film è nello stile molto simile al cartoon, con i tipici suoni e rumori, e attori acrobati che fanno voli, capriole, saltano e cadono. Molto gustosa poi è la rappresentazione di Sweethaven: rustica, poverissima e con pochi abitanti tutti suonati. Buona la fotografia da porto, con colori smorti e mari tropicali. Carine le musiche e canzoni.
I gusti di Fabbiu (Commedia - Fantascienza - Fantastico)

Rigoletto 30/12/14 20:08 - 1360 commenti

Da vecchio cultore dei fumetti di Braccio di Ferro non potevo perdermi la trasposizione cinematografica. 20 anni fa fu una delusione, oggi lo riscopro con piacere. Il tono dato da Altman è propriamente fumettistico e il risultato è notevole; complice un Robin Williams che, se non crede nel progetto, fa comunque di tutto per farselo e farcelo piacere. Il resto del cast (in particolare la Duvall/Olivia e Smith/Bluto) funziona bene e l'allegria che si respira è contagiosa. Sorpresa sotto l'albero.
I gusti di Rigoletto (Avventura - Drammatico - Horror)

Plauto 30/11/07 1:23 - 119 commenti

Bel film. Robin Williams fa un po' impressione, con quelle braccia, ma gli altri personaggi sono perfetti. Poldo, Olivia, Pisellino, Bruto... e il padre, Poopdeck Pappy (in Italia Trinchetto). La storia probabilmente si rifà (molto vagamente) all'episodio "The Search for Popeye's Poppa". Ci vuole un po' troppo prima che Braccio ingurgiti gli spinaci e questo toglie parecchio al divertimento. I fan di Braccio lo adoreranno, gli altri non riusciranno ad apprezzarlo.
I gusti di Plauto (Animali assassini - Animazione - Comico)