Cerca per genere
Attori/registi più presenti

IL MERCENARIO

M. MJ DAVINOTTI JR: MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 19
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)
Anticipando un po' quello che farà con il suo ottimo VAMOS A MATAR COMPANEROS, Sergio Corbucci affronta la rivoluzione messicana raccontandola attraverso gli occhi di un mercenario: Sergei Kowalski (Franco Nero), detto “il polacco”, è in Messico per guadagnare e lo fa aiutando un poveraccio idealista (Tony Musante) che grazie ai suoi consigli diventa leader di un gruppuscolo di messicani rivoluzionari. Quando questi cercherà di liberarsene capiterà di tutto. Franco Nero, col suo sorriso malizioso e i lunghi baffoni biondi, è decisamente in parte: furbo, veloce e intelligente quanto basta; Tony Musante molto meno (e infatti Tomas Milian lo sostituirà al meglio nel film successivo): pur senza demeritare (Corbucci è un ottimo direttore d’attori) non pare avere la faccia giusta e l’aria da messicano scanzonato e mezzo scemo non gli si addice proprio. Comunque il film funziona, e bene. Soprattutto grazie a una regia svelta, capace di concedere inquadrature spesso ricercate senza mai apparire manierista. Corbucci nel western è stato secondo solo a Leone, che comunque aveva uno stile molto diverso, imitato più frequentemente. Nei suoi film Corbucci mette allegria, brio e sa sfruttare in questo caso benissimo la colonna sonora di un Ennio Morricone non al top. Buono il soggetto di Franco Solinas e Giorgio Arlorio, che si evolve inventando numerose situazioni diverse e un gran numero di ipotetici finali; azzeccati i dialoghi e indimenticabili almeno due scene: una drammatica (il duello nell’arena, sottolineato da una musica eccellente) e una comica (Franco Nero si fa la doccia usando l'acqua delle borracce dei rivoluzionari assetati). Menzione speciale per Jack Palance (Ricciolo): si vede poco ma incide.
il DAVINOTTI

Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione

ORDINA COMMENTI PER:

B. Legnani 31/12/11 2:07 - 4413 commenti

Cosa non funziona in questo film, che cala dopo un'ora niente male? Vengono al pettine i nodi: un Musante non più che discreto, il personaggio della Ralli un po' forzato nella trama, il tono scherzoso di Corbucci che non funziona più come nella prima parte. La cosa migliore (al di là dei paesaggi e delle composizioni dei corpi filmati dal regista), sono un Franco Nero perfetto (grazie anche allo splendido doppiaggio di Nando Gazzolo) che ricorda la saccenza di Brando in Queimada (un motivo ci sarà...) e le maschere di Palance e di Fajardo. **
I gusti di B. Legnani (Commedia - Giallo - Thriller)

Il Gobbo 27/6/10 12:03 - 3011 commenti

Grandissima resa spettacolare, che sacrifica probabilmente qualcosa in spessore all'idea originale (presumibile mattonata in mano a Pontecorvo) ma si riscatta in divertimento. Musante è forse il punto debole, troppo "studiato" per dare al suo Paco Roman la sguaiatezza plebea che Milian renderà perfettamente un paio d'anni dopo. Ma è un limite veniale. Grande, e omaggiato da Tarantino in Kill Bill 2.
I gusti di Il Gobbo (Gangster - Poliziesco - Western)

Puppigallo 25/4/10 8:56 - 4301 commenti

Scimmiotta Il buono, il brutto, il cattivo e anticipa Giù la testa, naturalmente senza la stessa classe, ma con quella leggerezza, associata a una certa capacità nel girare le scene d'azione e nel caratterizzare i personaggi (il flemmatico mercenario, che accende cerini su tutti; Paco il rivoluzionario e il cattivone, altrettanto pacato, ma anche elegante nel vestire), che consentono allo spettatore di seguire le peripezie dei protagonisti con discreto interesse, pur senza assistere a particolari guizzi registici. Appare forzato l'inserimento della donna. Comunque, non male dopotutto.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Il cattivo (Palance, alias Ricciolo) al suo temporaneo scagnozzo: "Sei sposato?". "No". "Hai figli?". "No". "Bene". E lo fa uccidere con un forcone.
I gusti di Puppigallo (Comico - Fantascienza - Horror)

Homesick 20/12/11 18:27 - 5737 commenti

Prolegomeni in tono minore a Vamos a matar compañeros, ne approntano il Messico della revolucion e il medesimo trio di personaggi interpretato dai medesimi attori, con l’eccezione di Musante al posto di Milian. La vena scanzonata e picaresca scorre copiosa recando qualche gag memorabile (tipo quella sui ricchi e i poveri paragonati rispettivamente alla testa e al sedere nel corpo umano), mentre il cinismo nelle uccisioni di Ressel e Roca e la castrazione (seppur off-screen) di Giacobini sono in continuità con i western feroci che hanno reso celebre Corbucci. **!/***

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: La spoliazione subìta da Palance che lo lascia nudo come un verme.
I gusti di Homesick (Giallo - Horror - Western)

Matalo! 30/7/08 14:34 - 1341 commenti

Nonostante Nero funzioni (e infatti farà lo stesso personaggio in Vamos a matar compañeros) il film, di ottima fattura e con una bellissima Giovanna Ralli, non ha grinta né carisma. Abbiamo sbagliato attore: Musante non vale un quarto di Milian e la sua ironia cialtrona non regge quella del versatile, paraculo attore cubano (che è anche bravissimo quando vuole). Bella fotografia e ambientazioni, buona musica ma di maniera di Morricone.
I gusti di Matalo! (Commedia - Gangster - Western)

Cangaceiro 23/7/10 17:53 - 982 commenti

Il pensiero non può che andare a Vamos a matar compañeros: trama e personaggi quasi identici ma stavolta manca quel quid in più in quanto ad avventura e spettacolo (e di conseguenza al botteghino) raggiunto 2 anni dopo. Corbucci sfoggia una sicurezza incredibile nel padroneggiare i ritmi, gli spazi e le immagini dello spaghetti ma non centra bene il registro emotivo: perché il duello nell'arena è così solennemente enfatizzato quando tutto il resto è di una leggerezza distensiva? Eccentrica la scelta di un inedito Musante, spaesato e un po' fuori luogo.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Il suddetto duello Palance/Musante nell'arena; la doccia di Nero in mezzo al deserto.
I gusti di Cangaceiro (Commedia - Gangster - Western)

Stubby 2/8/08 11:24 - 1147 commenti

Ottima pellicola di Corbucci che sfodera una storia incentrata sulla rivoluzione messicana che verrà successivamente ripresa (anzi sarà una sorta di remake: Vamos a matar compañeros) sempre dallo stesso regista due anni dopo. Buon cast con buone prove da parte di tutti, film spumeggiante con splendide sequenze di guerra. Divertente ed a tratti emozionante, da vedere assolutamente.
I gusti di Stubby (Azione - Horror - Western)

Patrick78 9/3/09 10:38 - 357 commenti

Fenomenale spaghetti western diretto da un vero maestro del genere e impreziosito da un cast di primissimo livello. Di gran lunga uno dei migliori lavori di Corbucci, se possibile anche migliore dei suoi (a detta di molti) capolavori Il grande silenzio e Django, nettamente superiore al successivo Vamos a matar companeros, Il mercenario si distingue per ritmo sfrenato e dialoghi da antologia che ne fanno un autenico gioiello del panorama nostrano e non solo. Bravissimo Musante in un ruolo perfetto per Milian, a suo agio Nero come protagonista indiscusso.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Ogniqualvolta Nero accende un cerino; il duello tra Musante e Palance nell'arena.
I gusti di Patrick78 (Animali assassini - Azione - Horror)

Enzus79 1/6/09 15:27 - 1540 commenti

Sergio Corbucci, nel western, difficilmente delude. Il mercenario si dimostra come uno delle sue perle. Con azione, sorrisi, frasi ad effetto e scene amorose. Gli attori sono tutti bravi (anche se Musante non è Milian). Jack Palance perfetto nel ruolo del cattivo. Ottima la colonna sonora.
I gusti di Enzus79 (Fantascienza - Gangster - Poliziesco)

Rickblaine 1/6/09 8:48 - 635 commenti

Un'anteprima a Vamos a matar compañeros, dato che trova molte similitudini con la successiva opera del geniale Sergio Corbucci. Un tema, quello dei moti rivoluzionari, che rimarca molto spesso. Franco Nero è ottimo, Ricciolo (Palance) se la cava come il giovane Paco (Musante). Discreta opera che rimane fra i migliori film del regista.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: "...continua a sognare Paco... ma con gli occhi aperti... " - Il duello Palance/Musante.
I gusti di Rickblaine (Fantascienza - Horror - Thriller)

Rambo90 16/5/13 17:12 - 5738 commenti

Quasi una prova generale per il più riuscito Vamos a matar companeros, però anche questo è un film estremamente divertente, perché Corbucci ha sempre saputo dare il giusto ritmo e quindi l'azione non manca. Le musiche di Morricone sono al solito memorabili e la coppia Nero/Musante funziona molto bene, così come anche Jack Palance nel classico ruolo di terzo incomodo. Inoltre personalmente ho trovato molto divertente la piccola caratterizzazione di Giacobini/Pepote. Duello finale ormai divenuto classico.
I gusti di Rambo90 (Azione - Musicale - Western)

Giùan 1/12/15 11:16 - 2603 commenti

Inutile cercarvi sia i cruenti echi cult di Django sia l'estrema cupio dissolvi del capolavoro Il grande silenzio. Piuttosto si può rinvenire il "medio" mestiere del sempre ottimo Sergione in un film i cui singoli elementi stentano a concatenarsi, lasciando l'impressione di un western slegato, pensato e girato a sprazzi, senza la necessaria convinzione. Nel "faccia a faccia", il rivoluzionario per caso Musante è surclassato dal "polacco" Nero e dal suo disincanto anarco-capitalista. Accessoria la bella Giovanna, turpe e spilloso il grande Jack Palance.
I gusti di Giùan (Commedia - Horror - Thriller)

Almicione 3/5/14 1:19 - 765 commenti

Il contrasto fra chi propugna la "revolución" e chi la sfrutta: è questo il ritratto dell'idealista e del mercenario nella scena finale di un film che non entusiasma, ma neanche annoia. Corbucci firma l'ennesimo western con una regia che non è delle migliori: cambi di scena repentini; eccessivo zoom sui volti; sequenze di azione caotiche; scene violente "evitate". Il personaggio del Polacco risulta ambiguo, nonostante la grande interpretazione di Nero; molto apprezzabili invece Paco e Columba, simboli di un idealismo che non muore. Vedibile.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: I modi in cui Nero accende i suoi cerini; Lo spettacolare e tensivo duello fra Paco e Ricciolo; "L'idealismo è il concime dei cimiteri".
I gusti di Almicione (Drammatico - Gangster - Thriller)

skinner 29/8/07 20:42 - 595 commenti

Resta uno spaghetti minore, sembra una prova generale per Vamos a matar compañeros, ma rispetto a quello i personaggi hanno meno forza e profondità (basti ad esempio confrontare i due personaggi di Palance) e non riesce la mistura lì perfetta tra epico picaresco e commedia. Tolto questo, l'ultima mezz'ora è un gioiello, con in particolare il fantastico duello nell'arena (Palance sfoggia un'espressività eccezionale).
I gusti di skinner (Commedia - Drammatico - Western)

Zardoz35 3/1/13 1:22 - 231 commenti

Uno dei migliori spaghetti western tardi anni Sessanta. La solita rivoluzione messicana è solo un pretesto per mostrare, come in alri film del genere, la coppia formata dall'avventuriero senza scrupoli (un superlativo Franco Nero) e dal rivoluzionario ignorantello ma non sprovveduto, cui Tony Musante poteva dare qualcosina in più. Ne esce una pellicola con giusta dose di violenza. Jack Palance perfetto nel ruolo di cattivo e musiche di alto livello di Morricone.
I gusti di Zardoz35 (Fantascienza - Horror - Thriller)

Luckyboy65 11/9/10 17:24 - 144 commenti

Sillogismi ripetuti: Leone sta a Corbucci come Eastwood sta a Nero come Wallach sta a Musante come Van Cleef sta a Palance come Morricone sta a Morricone (e ci mancherebbe). Equazione di primo grado: Il buono, il brutto e il cattivo + Per un pugno di dollari = Il mercenario. Giudizio troppo acido? No. Il film non è brutto, è solo abbastanza noioso. Però la carta carbone era di alta qualità e comunque non tanti sono stati così bravi ad usarla. Da ricordare? Il ghigno di Jack Palance.
I gusti di Luckyboy65 (Animazione - Fantascienza - Thriller)

Max renn 15/3/12 23:23 - 80 commenti

Spaghetti western in salsa messicana (ovvero "Zapata western") diretto con l'abituale competenza dal buon Corbucci, il quale dimostra di trovarsi a proprio agio anche dinnanzi agli sconfinati scenari desertici teatro della vicenda. La recitazione del cast tuttavia non è certo memorabile, con un cinico Nero che fa il verso a Eastwood e un ribelle Musante che pare un Milian sottotono. A livello contenutistico, come da tradizione, ci si concentra sui risvolti politici e soprattutto sociali dell'atto rivoluzionario.
I gusti di Max renn (Fantascienza - Horror - Western)

Albstef90 25/9/12 21:00 - 78 commenti

Uno dei migliori western realizzati da Sergio Corbucci, anche se più che di western sarebbe meglio parlare di un buon film d'avventura! Gli elementi ci sono tutti: sparatorie, azione e anche una buona dose di houmor (elemento molto amato e spesso usato nei film di Sergio)! splendide inquadrature e campi lunghi, quasi leoniani, scorrono per buona parte del film fino al classico duello finale (ricorda molto Per qualche dollaro in più), scandito da una campana! Musiche fantastiche a firma Morricone! Assolutamente da vedere!

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Il duello finale.
I gusti di Albstef90 (Commedia - Horror - Western)

Tojo72 18/8/16 18:16 - 53 commenti

Il film non è pienamente riuscito. Molto probabilmente perché riesco solo a pensare a Tomas Milian nella parte qui invece affidata a Musante (ma è un limite mio). Per il resto la regia di Corbucci e la messa in scena sono quasi impeccabili. Giovanna Ralli, troppo "legnosa", stona un po'.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Nero che spiega la rivoluzione usando un donna nuda. La testa sono i ricchi, il culo i poveri. La rivoluzione deve avvicinare la testa e il culo.
I gusti di Tojo72 (Erotico - Poliziesco - Western)