Cerca per genere
Attori/registi più presenti

• IL MIO AMICO ARNOLD (8 STAGIONI)

All'interno del forum, per questo film:
• Il mio amico Arnold (8 stagioni)
Titolo originale:Diff'rent Strokes
Dati:Anno: 1978Genere: fiction (colore)
Regia:Vari
Cast:Conrad Bain, Gary Coleman, Todd Bridges, Dana Plato, Charlotte Rae, Nedra Volz, Mary Jo Catlett, Danny Cooksey, Dixie Carter, Mary Ann Mobley
Note:Aka "Harlem contro Manhattan", "Different Strokes".
Visite:3843
Filmati:
Approfondimenti:1) LA MOSTRA PERMANENTE DEI 45 GIRI DI LUCIUS
MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 23
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO INSERITO IL GIORNO 2/7/07 DAL BENEMERITO PUPPIGALLO

Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione


ORDINA COMMENTI PER:

Galbo 22/3/09 8:00 - 10957 commenti

Pezzo forte di questo telefilm prodotto dalla fine degli anni 70, e'il piccolo (solo fisicamente e non anagraficamente come si scopri' in seguito) protagonista afroamericano che fa la parte del leone in questa famiglia allargata e (novita'piuttosto clamorosa per l'epoca) multirazziale. Episodi divertenti e situazioni paradossali ben rese da un buon cast bene assortito.
I gusti di Galbo (commedia - drammatico)

Pigro 15/5/09 12:19 - 7334 commenti

Bianco e ricco adotta due ragazzi neri. La tv tenta la sit-com interrazziale e ci riesce alla grande grazie a un terzo elemento aureo del successo: il bambino tenero e intelligente. Il protagonista in questione, in realtà, è semmai una volpe e un fuoco d'artificio, tanto saggio quanto spietato nei suoi rapporti con gli adulti e nelle sue azioni. Ma quel che conta davvero è la straordinaria bravura dell'interprete Gary Coleman, che scatena un'irresistibile simpatia lungo tutti gli episodi. Imperdibile.
I gusti di Pigro (Drammatico - Fantascienza - Musicale)

Puppigallo 2/7/07 13:34 - 4340 commenti

E’ il classico esempio di serie di successo. C’è da dire che è praticamente impossibile non apprezzare il giovane protagonista (faccia da bambolotto, fantastiche espressioni e battuta pronta). Lui e il fratello vengono dal ghetto e dovranno abituarsi (Arnold ci riuscirà meglio) a una vita e a un ambiente totalmente nuovi, dove tutto sembra più facile, ma solo in apparenza. Simpatici anche la sorellastra e il loro tutore, che ha il difficile compito di educarli. Episodi quasi sempre frizzanti e ben studiati, non perdendo giustamente mai di vista il fatto che i due fratelli vengano dal ghetto.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: "Che cavolo stai dicendo, Willis!".
I gusti di Puppigallo (Comico - Fantascienza - Horror)

Renato 18/3/09 15:08 - 1495 commenti

Altro telefilm classico della mia infanzia; tutto è talmente falso ed ipocrita che ci sarebbe il rischio concreto di farsi venire una crisi di bile; eppure le puntate sono scritte così bene che ci si passa sopra alla grande. Senza contare Gary Coleman ovviamente, che era (ed è) il motivo principale per il quale assistere alla serie. I suoi duetti verbali col signor Drummond sono entrati nella storia della televisione, indubbiamente.
I gusti di Renato (Commedia - Drammatico - Poliziesco)

Tarabas 3/6/10 12:13 - 1621 commenti

Per l'epoca e la prospettiva italiana sul tema, la famiglia allargata e multietnica dei Drummond era piuttosto rivoluzionaria. La serie era molto divertente, almeno per un ragazzino di 12/13 anni che poteva immedesimarsi nel protagonista, dalla verve incontenibile tanto da mettere in secondo piano tutto il resto del cast. Rivista oggi, probabilmente, la serie apparirebbe datata, destino comune peraltro a buona parte delle produzioni televisive.
I gusti di Tarabas (Commedia - Gangster - Western)

Caesars 20/10/09 11:44 - 2474 commenti

Gradevolissima serie televisiva che ebbe gran successo anche in Italia agli inizi degli anni '80. L'ingrediente di maggior spicco è dato dall'interpretazione di Gary Coleman nel ruolo del piccolo Arnold (ruolo che creerà comunque non pochi problemi all'attore): la sua celebre battura "Che cavolo stai dicendo, Willis?" è tuttora famosissima. Pur senza essere niente di eccezionale, la serie garantiva un buon livello qualitativo e un discreto divertimento.
I gusti di Caesars (Drammatico - Horror - Thriller)

Ciavazzaro 18/10/09 12:40 - 4723 commenti

Altra serie che non sono mai riuscito a digerire. Mai un episodio divertente od originale (opinione personalissima ovviamente). Sarà per il cast a mio avviso poco convincente, le storie, ma codesta serie per me non è mai stata cult, semmai scult. Evitabile.
I gusti di Ciavazzaro (Giallo - Horror - Thriller)

Markus 1/6/10 17:59 - 2928 commenti

Sit-com dotata d’un certo umorismo sottile. Vi si narrano le mille vicende di due fratellini di colore provenienti dal misero quartiere newyorkese “negro” di Harlem, adottati da un ricco signore di Manhattan. Storielle spensierate e scacciapensieri che il pubblico senza pretese e per lo più infantile degli Anni Settanta e Ottanta gradì. Rivisto oggi quasi inguardabile. Finita la serie, alcuni degli attori finirono in disgrazia e morte: una sciagura multipla che ha fatto storia!
I gusti di Markus (Commedia - Erotico - Giallo)

Gugly 7/10/14 11:37 - 975 commenti

Telefilm della mia infanzia "ottantiana": le avventure nei quartieri alti e "wasp" di questo piccoletto linguacciuto erano godibili soprattutto per la fucina di battute sparate in ogni episodio, ma talvolta non è mancata una stoccatina ai pregiudizi razziali (ancora oggi presenti, ahimè: vi immaginate un Arnold reloaded?); rivisto con l'occhio attuale si diventa malinconici pensando al triste destino di parecchi protagonisti; chissà, l'avessero predetto a Coleman probabilmente avrebbe tirato fuori la sua celebre battuta.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: "Che cavolo stai dicendo Willis?".
I gusti di Gugly (Commedia - Horror - Teatro)

Magnetti 8/1/10 10:45 - 1103 commenti

Quando ero più giovane trovavo irresistibile il piccolo Arnold, non mi perdevo una puntata. Visto oggi e con gli occhi da adulto trovo questa serie un pò ripetitiva e diciamo piatta. Posiziono il mio giudizio nel mezzo quindi. Gary Coleman certo meriterebbe 4 pallini lui solo ma il contorno non è allo stesso livello e non regge il passo con i tempi tanto da non poterlo definire un cult a pieni voti. Il successo di pubblico della serie ha fatto sbandare, nella vita, Willis e Kimberly, finiti piuttosto male il primo, malissimo la seconda.
I gusti di Magnetti (Animali assassini - Avventura - Horror)

124c 13/11/09 16:16 - 2694 commenti

Arnold era forte all'inizio, quando lui e suo fratello Willis venivano accolti in casa del signor Drummond. Poi, dopo che Drummond adotta i due, iniziano le storie più morali, anche più pesanti della serie. Il gradino più basso del serial, secondo me, è quando Drummond si sposa con l'ex-moglie di un cantante country, Maggie, la quale si porta dietro il suo bambino odioso, Sam. Arnold diventa il fratello maggiore di Sam, ma i riflettori non sono più puntati su di lui. Ancora mi chiedo il perché.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Arnold a suo fratello: "Che cavolo stai dicendo, Willis?".
I gusti di 124c (Commedia - Fantastico - Poliziesco)

Redeyes 11/12/13 7:55 - 2045 commenti

Serie cult apripista per tutto il concetto di famiglia aperta e interraziale, piuttosto d'impatto negli States e quasi folle nella bigotta Italia. All'inizio le gag sono ben riuscite proprio perché si è meno politically correct, poi l'effetto bontà finisce per annacquare tutto e render spesso le situazioni patetiche. Certamente Arnold è il punto di forza di tutta la serie e anche l'unico che può dare lo sprint e la risata, ma come dicevo l'effetto novità dopo un po' finisce e si guarda giusto per riempire una mezz'oretta.
I gusti di Redeyes (Drammatico - Fantascienza - Thriller)

Lovejoy 6/8/10 14:31 - 1825 commenti

A suo modo è un cult. Oggi risulta un po' appannato ma resta ancora godibile. Molti i momenti e le battute memorabili e cast affiatatissimo. L' indimenticato Gary Coleman è assolutamente memorabile nel ruolo del giovane protagonista e il momento in cui fa la smorfia con cui apostrofa Willis (ma anche altri...) dicendo la famosa frase "Che cavolo stai dicendo Willis?" è leggendaria. Ottimi anche Bain, Bridges e la Plato. Bella la sigla d'apertura, cantata da Alan Thicke, poi protagonista di Genitori In Blue Jeans.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: "Che cavolo stai dicendo Willis?".
I gusti di Lovejoy (Comico - Horror - Western)

Trivex 4/4/16 15:01 - 1417 commenti

Ricordavo i primi episodi come molto 70s e poi, forse, via via col titolo più morbido e meno significativo di quel "Harlem contro Manhattan" che all'epoca "non comprendevo". Sicuramente oggi più che il valore degli episodi hanno fatto breccia i ricordi delle visioni, spesso in famiglia. Comunque anche quella era una bella famiglia felice e il piccolo Arnold ci rendeva tanto allegri, all'epoca. Quel che ho rivisto mi ha fatto un po' rammentare quanto era intensa la felicità di quel tempo ormai (troppo) lontano. Sentimentale...
I gusti di Trivex (Horror - Poliziesco - Thriller)

Ryo 27/8/15 3:40 - 1908 commenti

Una delle primissime sitcom interraziali di successo, che tratta i temi della fratellanza, dell'amicizia e del razzismo. Consacra Gary Coleman come divo della tv, ma che rimase perennemente imprigionato nel suo mitico tormentone "Che cavolo stai dicendo Willis?". Rivista a distanza di quasi 40 anni riesce ancora a divertire e far riflettere, con la sua spontanea genuinità.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: L'episodio in cui Arnold vorrebbe diventare campione di videogiochi; Arnold mago che scompare per andare nel cornicione.
I gusti di Ryo (Comico - Fantastico - Horror)

Stefania 24/12/09 17:24 - 1600 commenti

Non lo ricordo come entusiasmante. L'attore Coleman ha una presenza energica, una forte carica di umorismo, poteva essere un incorreggibile Gian Burrasca. Invece, mi pare che questo telefilm non lo valorizzi, che sia sempre riportato "dentro le righe" e contaminato da una certa melensaggine di fondo. Il padre, la sorella e la governante mi erano antipatici, troppo impegnati a dare lezioncine. Mediocre, ma guardabile.
I gusti di Stefania (Commedia - Drammatico - Giallo)

Il Dandi 27/10/10 13:29 - 1594 commenti

Serie che mi ha sempre fatto venire l'orticaria. Il piccolo Arnold viene "salvato" da Harlem e portato a Manhattan: a fronte della deliziosa ingenuità del bambino, pare proprio che i retaggi linguistici e culturali del suo quartiere di provenienza facciano morire dal ridere il pubblico e di imbarazzo quel sant'uomo del padre adottivo (vedovo wasp). Arnold è trattato come un malato che deve essere guarito, con una bella cura di ipocrisia bianca. Le disgrazie (reali) del cast appaiono oggi quasi una nemesi degli zuccherosi personaggi.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: "Che cavolo stai dicendo Willis?" (almeno avesse detto "cacchio", "cazzarola", "cribbio"...
I gusti di Il Dandi (Giallo - Poliziesco - Thriller)

Il ferrini 6/4/16 1:18 - 1493 commenti

Gary Coleman, arrestato varie volte, investì una persona e ne picchiò un paio, Todd Bridges arrestato per tentato omicidio e traffico di armi, Dana Plato arrestata per rapina a mano armata. A ben vedere è molto più interessante la vita reale degli attori che quella dei personaggi che interpretano in questo telefilm piuttosto prevedibile e rivolto esclusivamente a un pubblico di ragazzini. Tuttavia è innegabile che Arnold sia una serie cult, alla quale va riconosciuto il merito di aver affrontato il tema del razzismo con una certa ironia.
I gusti di Il ferrini (Commedia - Thriller)

Rigoletto 24/5/12 12:04 - 1404 commenti

Da ragazzino lo adoravo, ma ora la storia di Arnold e Willis non mi appassiona più e gli preferisco (di gran lunga) sia I Jefferson che I Robinson; questo perché, oltre ad affrontare tematiche più adulte, hanno l'immenso vantaggio di avere ottime spalle con cui duettare (George Jefferson con Florence, Robinson un po' con tutti), mentre qui non troviamo spalle adeguate al bravo Coleman né con Bridges né con la Plato, mentre ottimo è Conrad Bain. È invece da premiere la lungimiranza nel mostrare il concetto di famiglia allargata interraziale. ***

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Arnold: "Che cavolo stai dicendo, Willis!".
I gusti di Rigoletto (Avventura - Drammatico - Horror)

Gabrius79 9/12/13 3:00 - 1117 commenti

Imapreggiabile e indimenticabile telefilm tra i più famosi giunti in Italia, con un cast di attori decisamente divertenti e superbi. Gary Coleman nei panni di Arnold è di una simpatia strabordante e rimane nella memoria collettiva. Menzione per il bravo Conrad Bain nei panni del padre. Peccato per le ultime due serie decisamente sottotono, ma il giudizio resta comunque alto.
I gusti di Gabrius79 (Comico - Commedia - Drammatico)

Dengus 26/4/11 21:35 - 349 commenti

Un vero evergreen! Si cerca già a fine anni '70 di mettere ko il razzismo con una serie che meglio di nessun'altra parla di integrazione razziale; il prodotto, soprattutto nelle prime serie, scorre molto bene e con grande freschezza; perderà un po' della sua verve all'arrivo della nuova moglie di Drummond con il suo irritante bambino, anche perché spesso lo stesso protagonista era assente ingiustificato delle ultime puntate. Buono il cast, soprattutto il povero Coleman, Bain e le domestiche Rae e Volz! Vale sempre la pena guardarlo. Ottimo!

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: "Che cavolo stai dicendo Willis!".
I gusti di Dengus (Comico - Commedia - Sentimentale)

Ilcassiere 8/6/10 9:51 - 282 commenti

Arnold ha segnato un'epoca, non si può non ammetterlo. Certo, si tratta di un telefilm solo per bambini/ragazzi iper buonista, ma era anche molto originale per l'epoca (un ricco americano bianco che vive con la governante e adotta due fratellini neri portandoli a vivere nella sua bella casa con la sua bella figlia bionda...). Dispiace pensare alla brutta fine di Arnold e di Kimberly...
I gusti di Ilcassiere (Commedia - Giallo - Thriller)

Hearty76 27/2/12 11:26 - 215 commenti

La popolare serie di Arnold, con tutte le sue piccole avventure di bambino povero catapultato in un mondo benestante, non era tra le mie preferite in assoluto ma la seguivo con discreto interesse. Purtroppo oggi, e senza nulla togliere agli attori di allora, devo ammettere che non mi piace più come in passato. A differenza di altre sitcom che rivedo con entusiasmo questa la riscopro abbastanza inverosimile, forzata, superficiale. L'unico elemento più o meno valido resta il tema "multirazziale".
I gusti di Hearty76 (Comico - Horror - Sentimentale)