Cerca per genere
Attori/registi più presenti

IL BELL'ANTONIO

MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 12
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO INSERITO IL GIORNO 31/5/07 DAL BENEMERITO IL GOBBO

Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione


ORDINA COMMENTI PER:

Galbo 7/4/09 5:59 - 10903 commenti

Tratto da un romanzo di Vitaliano Brancati, è decisamente l'opera cinematografica più riuscita del regista Mauro Bolognini che ne realizza un efficace ritratto di costume che più di tanti trattati sociologici analizza con successo la Sicilia (e l'Italia) dell'epoca (inizio anni '60). Il film è permeato da un sentimento di amara malinconia, ben puntualizzato dall'efficace interpretazione del grande Mastroianni.
I gusti di Galbo (commedia - drammatico)

Il Gobbo 31/5/07 9:10 - 3011 commenti

Il bell'Antonio Magnano, dopo anni a Roma torna nella natìa Catania, impalma la bella Cardinale ma si scopre improvvisamente impotente. Tragediona... Nel classico romanzo omonimo Brancati satireggiava assieme due aspetti del mito della virilità, quello siculo e quello fascista. Bolognini cambia epoca (la storia è coeva al film) e perde mordente. Ne viene fuori un lavoro stilisticamente ineccepibile, ma un po' freddino, anche se la resa del clima di angoscianti aspettative sulle prestazioni del Magnano è molto efficace.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Il padre di Antonio che muore d'infarto dalla mignotta rivendicando l'onore familiare.
I gusti di Il Gobbo (Gangster - Poliziesco - Western)

Homesick 28/12/11 17:58 - 5737 commenti

Il libro come il film – che si prende qualche libertà con un finale comunque del tutto pertinente – è il mesto canto della spiritualità e dell’animo sensibile di Antonio Magnano, reso infelice da un’irrimediabile scissione tra amore e sesso e assediato dai miti stantii dell’onore e del gallismo, dalla grettezza del popolino e dagli stolidi dogmi cattolici sul matrimonio. Lo spostamento della vicenda in avanti di un ventennio cancella le polemiche di Brancati su fascismo e comunismo ed impone un approccio molto più intimista, seguìto dall’interpretazione delicata e malinconica di Mastroianni.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Il confronto in chiesa tra la Morelli e la Cardinale e quello tra Brasseur e il prete.
I gusti di Homesick (Giallo - Horror - Western)

Cotola 21/12/14 23:10 - 6968 commenti

Rispetto al romanzo, Bolognini cambia il periodo storico ma non il luogo d'ambientazione (la Sicilia, ma potrebbe essere ogni altra parte d'Italia). Riesce però a restituire perfettamente il dramma di un uomo, fuori dal tempo e dal mondo, che ama in un modo che "non" può non scandalizzare, ieri come oggi e forse anche domani, un certo tipo di società di cui si descrive bene la mentalità gretta, meschina ed ipocrita. E quel finale più che lieto suona come il rumore di uno schiaffo in pieno volto. Bella la prova di Mastroianni e buona anche la confezione.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Il finale.
I gusti di Cotola (Drammatico - Gangster - Giallo)

Daniela 4/4/09 9:55 - 8008 commenti

Forse il migliore adattamento di Bolognini, anche se buona parte degli umori satirici del bel romanzo di Brancati risultano perduti a favore di una lettura malinconica del sesso come obbligo sociale, rito collettivo. Ne risulta una impressione di algida bellezza formale chiusa in se stessa, quasi sotto una campana di vetro, analogamente alla sposa Barbara, il cui desiderio rende impotente Antonio. Buona l'interpretazione di tutto il cast, con particolare menzione per il sanguigno Brasseur e la risentita Morelli.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: La pancia della servetta esibita come un trofeo .
I gusti di Daniela (Azione - Fantascienza - Thriller)

Rebis 14/6/10 20:27 - 2073 commenti

Bello, bellissimo, con quelle lunghe ciglia flessuose che si dischiudono su una dolcezza sconosciuta a quei padri che sanno riconoscere il ruolo ma non l'identità dei loro figli, Antonio ama, ma di un amore inaccettabile per la società degli uomini... Opera raffinata, morale, formalmente trattenuta in un gelido rigore figurativo, con il quale Bolognini tiene a bada l'incandescenza di una scandalosa eventualità. Mastroianni, coraggiosissimo, recita con lo sguardo, imprimendo al suo personaggio un'amarezza di misurata introspezione. Il finale è prosaico, remissivo: probabilmente inevitabile.
I gusti di Rebis (Drammatico - Horror - Thriller)

Pinhead80 12/4/19 18:23 - 3427 commenti

Un uomo affascinante, desiderato da tutte le donne e dalla fama di Don Giovanni finisce per innamorarsi di una bellissima ragazza di nome Barbara che le è stata promessa in moglie. Il tempo e il matrimonio faranno emergere altre verità. Questo di Bolognini è un film sui sentimenti che soccombono di fronte al denaro e all'apparenza. L'amore sincero rende deboli di fronte alla realtà e alla vita, sempre pronta a voltarti le spalle al momento del bisogno. L'ipocrisia della borghesia e del clero sono resi alla perfezione.
I gusti di Pinhead80 (Documentario - Fantascienza - Horror)

Lucius  1/6/13 13:32 - 2741 commenti

Il dramma interiore di un uomo che non può essere uomo fino in fondo è espresso in tutta la sua veridicità da un ombroso Mastroianni qui in una delle sue più credibili e sentite interpretazioni. La sceneggiatura a due mani porta la firma anche di Pasolini. La pellicola, ambientata in una Catania d'epoca, costituisce uno dei gioielli made in Bolognini. Grande regia ed elegante messa in scena, con contrapposizione fra provincia e città, messa in scena con lodevole aderenza alla realtà. Le regole dell'onore calano impietose il proprio sipario.
I gusti di Lucius (Erotico - Giallo - Thriller)

Myvincent 9/6/19 7:28 - 2286 commenti

Sicuramente l'opera più nota di Bolognini, questo "Bell'Antonio" mette in scena due icone del cinema di allora e di sempre, forse per sottolineare lo stacco fra esteriorità apparente e reale interiorità. Ci sono la Sicilia e il meridione di allora, con le necessità di compromessi continui, ma c'è chi grida la propria diversità contro il piatto conformismo, quello di sempre. Sul viso di Mastroianni tutta la frustrazione dell'uomo incompreso e per questo solo.
I gusti di Myvincent (Drammatico - Giallo - Horror)

Minitina80 9/3/18 8:51 - 1972 commenti

Dell’opera di Brancati resta in primo piano la destrutturazione del concetto di virilità, spogliata però della componente critica rivolta al fascismo. Non c’è traccia di alcuna vena satirica, sostituita da una seriosità di intenti che giganteggia nel volto sempre malinconico di Mastroianni e dalla tenacia con cui la sessualità è brandita come arma di considerazione sociale. Ad ogni modo, Bolognini risulta efficace nel far comprendere le contraddizioni e i paradossi di una società che sotto le lenzuola nasconde temibili vuoti morali.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Magari mi prendesse un colpo! La gente direbbe: "Alfio Magnano è morto nell'adempimento del suo dovere!".
I gusti di Minitina80 (Comico - Fantastico - Thriller)

Smoker85 1/2/19 12:15 - 355 commenti

Film che porta avanti il tema del dualismo tra amore e sesso, apparenza e sostanza, tra consolidati stereotipi che non perdono attualità neppure nei giorni nostri. Prova maiuscola di Mastroianni, perfetto nel ruolo del tormentato protagonista, molto buona anche l'interpretazione della Cardinale come fatalmente algida e pragmatica compagna delusa dalle promesse tradite dal bell'Antonio. Significativo anche il ruolo di Milian.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Gli sguardi dolenti di Mastroianni.
I gusti di Smoker85 (Commedia - Drammatico - Fantastico)

Liv 25/3/16 14:31 - 237 commenti

Alla seconda visione il film mi è piaciuto un po' meno, ma lo trovo sempre una grande prova di cinema, giocata con grande attenzione (salvo che negli esterni con i passanti che guardano in macchina), con una bellissima fotografia ma anche una certa freddezza, probabilmente indotta dalla discrezione. Il personaggio di Don Alfio è fin troppo caricato per appararire plausibile o adeguato alla critica che il romanzo e il film si propongono. Si finisce per provare simpatia per lui. Ottima l'idea di ambientarlo in epoca contemporanea.
I gusti di Liv (Animazione - Avventura - Commedia)