Cerca per genere
Attori/registi più presenti

BELLA DI GIORNO

All'interno del forum, per questo film:
Bella di giorno
Titolo originale:Belle de jour
Dati:Anno: 1967Genere: drammatico (colore)
Regia:Luis Buñuel
Cast:Catherine Deneuve, Jean Sorel, Michel Piccoli, Geneviève Page, Francisco Rabal, Pierre Clémenti, George Marchal, Françoise Fabian, Macha Méril
Note:Leone d'oro al miglior film alla 32ª Mostra internazionale d'arte cinematografica di Venezia. Rifiutato a Cannes. Seguito idealmente da "Belle toujours".
Visite:2619
Filmati:
M. MJ DAVINOTTI JR: MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 30
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)


Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione

ORDINA COMMENTI PER:

B. Legnani 13/7/07 0:08 - 4483 commenti

Molto interessante. Colpisce l'abilità registica d’essere essenziale (e, quando non lo è, di dare l’impressione di esserlo). Parte in modo non molto coinvolgente, con premesse casuali (il tassista), ma si fa interessante con i formidabili flashback che ci mostrano la bimba Sèverine in difficili situazioni e quando ci possiamo riconoscere in lei, attratta e confusa, che gironzola attorno al civico 11. E la cosa continua col timore di aver fatto ciò che si è fatto, la paura di essere scoperti... Non proprio lineare lo snodo finale. Un bel film.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Il lento avvicinamento al numero 11.
I gusti di B. Legnani (Commedia - Giallo - Thriller)

Galbo 17/3/09 5:44 - 10984 commenti

Il film rappresenta il più grande successo commerciale del grande Buñuel, nonché uno dei suoi film artisticamente meglio riusciti. Ciò grazie all'abilità del regista di passare con grande naturalezza dalle parti oniriche alla vicenda reale, così da confondere i due piani in quella che diventa una compiuta analisi psicologica della protagonista, interpretata con grande classe dalla Deneuve. Ottimo anche il resto del cast.
I gusti di Galbo (commedia - drammatico)

Undying 6/5/08 18:31 - 3875 commenti

Ispirato ad un romanzo redatto nel 1929 da Joseph Kessel, il film di Buñuel supera di gran lunga il modello di partenza grazie alle sfumature psicologiche d'una protagonista dalla duplice personalità (sublimata dalla dicotomia Sade/Freud): la brava (e bella ma non occorre aggiungerlo) Catherine Deneuve nei panni di Séverine ci induce in uno stato di pietosa compassione; prima masochista, poi spinta da rimorso e senso d'espiazione (che non potrà raggiungere) afflitta da sensi di colpa ed ansia. Girato con garbo, in esatto contrasto di contenuto.
I gusti di Undying (Horror - Poliziesco - Thriller)

Il Gobbo 31/7/08 10:56 - 3011 commenti

Pilastro di ogni catalogo sado-feticista, ancora godibilissimo nonostante quelche strato di polvere, soprattutto grazie alla sapienza di Don Luis che tiene a freno i suoi istinti più pazzerelli, e alla Deneuve più imperscrutabile che mai (insieme forse a quella di La mia droga), i quali proiettano il film verso i cieli dell'astrazione. Non il miglior Buñuel, ma in zona Uefa tranquillamente.
I gusti di Il Gobbo (Gangster - Poliziesco - Western)

Homesick 20/4/11 18:39 - 5737 commenti

Agli impercettibili trapassi tra realtà e rêverie – tali da insinuare il dubbio, a visione ultimata, che sia stato tutto un sogno – si riconduce un’opera dalla natura dualistica, che si manifesta appunto nel continuo contrapporsi tra anima e corpo, innocenza e peccato, psicanalisi e sadomasochismo. Dietro la fotografia dai colori morbidi ed eleganti palpita il vecchio cuore antiborghese e libertino di Buñuel, qui particolarmente abile nel delineare le sfumate psicologie dei singoli personaggi, posti in essere da un talentuoso manipolo di attori: applausi alla Deneuve, Piccoli e Clementi.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Le incertezze della Deneuve durante la prima visita a casa della maitresse Geneviève Page; il flashback della Deneuve bambina. .
I gusti di Homesick (Giallo - Horror - Western)

Renato 20/11/07 17:06 - 1495 commenti

Grande film. Una annoiata borghese -la splendida Deneuve- entra in un bordello francese per provare l'effetto che fa... La trama è praticamente tutta qui. Ma come sempre in Buñuel, quello che conta è il racconto in sé, come viene sviluppato e le notevoli invenzioni di sceneggiatura. La vena visionaria del regista spagnolo in questo film è particolarmente controllata e per questo direi ancora più efficace. Toccante il finale, sempre che lo abbia capito...
I gusti di Renato (Commedia - Drammatico - Poliziesco)

Daniela 12/6/13 13:16 - 8236 commenti

Anche se non rientra nel novero dei suoi capolavori assoluti, il più grande successo commerciale di Bunuel si ascrive pienamente nel solco delle sue tematiche abituali, all'insegna del binomio sesso/religione cartina di tornasole per l'ipocrisia borghese. Sotto una patina algida ed elegante come la sua protagonista, un film ironicamente perverso: la masochista Severine per godere ha bisogno di soffrire (essere umiliata, sottomessa, usata) ed il marito, come il sadico della famosa barzelletta, gli offre baci invece di frustate... Che crudeltà!

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Il duca necrofilo; Le fantasie sessuali di Severine; La scatoletta misteriosa che il cinese mostra per far capire i suoi gusti.
I gusti di Daniela (Azione - Fantascienza - Thriller)

Caesars 6/2/07 16:20 - 2488 commenti

Considerato un capolavoro, questo film a mio avviso è decisamente inferiore alla sua fama e i trent'anni passati si fanno sentire. Non può essere considerato un brutto film ma personalmente mi sfugge il senso complessivo dell'opera. Forse è un mio limite personale ma questa storia di una tranquilla donna borghese che decide di incominciare a prostituirsi per provare qualcosa di vicino ad una vita vera non mi ha trasmesso molto. Da vedere per poter giudicare. Sufficiente, ma non di più.
I gusti di Caesars (Drammatico - Horror - Thriller)

Deepred89 28/4/11 22:10 - 3115 commenti

Celebratissima pellicola, non perfetta ma molto interessante, dove i singoli personaggi (tratteggiati ottimamente) funzionano più della trama in sè, semplice e un po' scontata nell'evolversi della situazione tragica (pur riscattandosi negli ultimissimi minuti). Regia di stampo molto classico, talvolta spezzata da buoni inserti onirici e da qualche timida perversione. Gustosissima fotografia tipicamente (tardo) sixtees e ottimo cast (nessuno escluso), con Piccoli e la Deneuve a contendersi il posto piu alto sul podio. Bel film.
I gusti di Deepred89 (Commedia - Drammatico - Thriller)

Matalo! 8/8/08 19:33 - 1360 commenti

Cosa c'è nella scatola che uno dei clienti porta a Severine? Perchè tutta quella freddezza da parte sua? Bunuel prosegue la denuncia della borghesia in questo celebre film dove, con estrema nonchalance, un'annoiata signora, una disperata signora, va a fare la puttana ed entra in un mondo di controllata follia. Film proverbiale tra i migliori del regista, bocciato a Cannes "per insufficienza artistica". La stessa Cannes che incensa le stravaganze di Lynch.
I gusti di Matalo! (Commedia - Gangster - Western)

Fabbiu 27/7/08 1:00 - 1895 commenti

Da un mediocre romanzo di Kessel, Buñuel concepisce un film lineare e piacevole, in cui si denotano buone prove sia registiche che di interpretazioni. La lentezza stessa dell'esposizione dei fatti rende più raffinato il clima borghese e ben costruito il turbamento della protagonista. Non male quindi la sceneggiatura, sebbene le perversioni dei clienti tendono a ridicolizzare. Insomma, ciò che vuole rappresentare lo rappresenta bene, ma viene da considerarlo un po' per quello che in effetti è: un film vecchio di trent'anni e poco approfondito.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: La scena in cui Séverine da bambina rifiuta la prima comunione. Flashback rimosso dai censori italiani, ma per fortuna conservato in alcune versioni.
I gusti di Fabbiu (Commedia - Fantascienza - Fantastico)

Enzus79 22/11/11 14:38 - 1586 commenti

Grande esempio di cinema Bella di giorno. Luis Bunuel alterna realtà e sogno in un modo difficile da interpretare, ma che comunque ha un suo coinvolgimento: non annoia mai. La Deneuve bravissima, Piccoli sempre impeccabile.
I gusti di Enzus79 (Fantascienza - Gangster - Poliziesco)

Saintgifts 19/2/10 18:44 - 4099 commenti

Una bellissima donna si porta dietro un passato di bambina sessualmente "macchiato" dai soliti adulti pedofili. Per sua sfortuna sposata con un marito troppo gentiluomo che la rispetta nei suoi rifiuti tra le lenzuola e non fa certo il suo bene. Un amico del marito (Piccoli) senza volere le accende una prospettiva di sesso a pagamento che inconsciamente era nei sogni della donna. È una situazione abbastanza comune qui sviluppata molto bene dal regista che la butta in dramma con svolte onirico-surreali. La Deneuve è perfetta per la parte.
I gusti di Saintgifts (Drammatico - Giallo - Western)

Pinhead80 4/6/10 19:33 - 3510 commenti

Sevérine è una giovane sposa a cui, apparentemente, non manca nulla. Ma in realtà, la distanza dal marito, chirurgo molto impegnato, è incolmabile. A modo suo troverà il modo di farsi una seconda vita... L'insoddisfazione e la noia sono i temi cardine di questo film, che mette in risalto la straordinaria bellezza di Catherine Deneuve e la grande bravura di Michel Piccoli. Un bel film, girato con eleganza e semplicità.
I gusti di Pinhead80 (Documentario - Fantascienza - Horror)

Giùan 28/7/11 13:51 - 2665 commenti

Straordinario divertissement dell'immarcescibile Don Luis che, con l'aiuto allo script di Carrière, vira quasi in toni da Nouvelle Vague alcune delle sue tematiche favorite: sadomasochismo, falsa coscienza borghese, frustrazione sessuale ed appagamento onirico, frigidità ed impotenza. Il film offre un tale pullulare di "segni" da far smarrire qualsiasi analista o studioso di semantica e far gongolare il Genio surrealista. Piccoli formidabile grillo parlante, Clementi macho d'antologia, la Deneuve è così brava da essere, Severine: forse l'ha sempre sognata?

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: L'incipit con la carrozza annunciata dai sonagli e Severine frustata legata a due alberi; la scatola del commerciante Cinese.
I gusti di Giùan (Commedia - Horror - Thriller)

Paulaster 27/3/19 9:59 - 2372 commenti

Moglie distaccata lavora in un bordello nei pomeriggi liberi. Implicazioni psicologiche che non vengono approfondite, ma la relazione insana dei coniugi cattura l'attenzione sugli sviluppi. Coraggioso nell'affrontare l'amore nelle sue perversioni, viene aiutato nelle componenti oniriche da una Deneuve che si lascia mortificare. Ultima parte non eccessivamente lineare e con una placida conclusione che assolve tutte le parti in causa.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Il fango contro la Deneuve; Il marito che si alza dalla poltrona; La Deneuve trascinata nel bosco.
I gusti di Paulaster (Commedia - Documentario - Drammatico)

Myvincent 15/12/17 19:35 - 2334 commenti

"Belle de jour" segna la consacrazione del geniale, eretico regista spagnolo ed è forse il film per cui viene più ricordata la Deneuve. Stretta nei suoi cappottini YSL, Severine si dà al sesso mercenario per donarsi al marito: un doppio sacrificio che ha profonde radici nel suo passato travagliato. L'onirismo si confonde con la realtà, fino in fondo, dove l'enigmaticità si presta a interpretazioni, come in un problema eternamente insoluto che accompagna il destino di ciascuno. Il solito schiaffo sui pregiudizi borghesi e religiosi di sempre.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Le gambe e il feticismo delle scarpe della protagonista.
I gusti di Myvincent (Drammatico - Giallo - Horror)

Minitina80 2/12/17 12:01 - 2024 commenti

Da una parte Buñuel maltratta la parte aristocratica e benestante della società, dall’altra affronta determinati comportamenti ritenuti scabrosi mostrando come a volte possano essere sorgente di liberazione e sfogo da dettami morali che soffocano come cappi al collo. Ancora una volta sconquassa schemi di pensiero prestabiliti con estrema semplicità e rimarca quanto la sessualità abbia radici profonde e sia ambigua per ontogenesi, liberando un istinto naturale e allo stesso tempo sia condizionata dall’esperienza di vita che ne muta le pulsioni.
I gusti di Minitina80 (Comico - Fantastico - Thriller)

Fauno 18/8/16 4:43 - 1829 commenti

Sarà pur bella finché si vuole Severine, ma il film a parte l'orario part time molto pittoresco (visto che le prostitute il pienone lo fanno di notte) e la classe della titolare del bordello (un'ottima Page) ha del patetico: dagli aficionados del medesimo (uno peggio dell'altro) ai sogni stucchevoli e oziosi della protagonista, tanto che quando questi ultimi nell'ultima scena cambiano significato mi son sentito di fronte al delirio più totale, ma a quello più negativo. Quindi un film lezioso, che vorrebbe attaccare ma s'incarta rovinosamente da solo.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: La scena di Piccoli che vuole andare a far la spia, come nullità è pari al "Lavoratoriii" nostrano.
I gusti di Fauno (Drammatico - Poliziesco - Thriller)

Stefania 28/3/09 5:06 - 1600 commenti

Severine, giovane moglie di Pierre, confina le sue pulsioni sessuali in ben precisi limiti temporali ("dalle due alle cinque") e spaziali (il bordello di Madame Anais). Proprio quando la scissione tra rapporto coniugale e sesso sembra ricomporsi, il folle gesto di un ex cliente di Severine riduce Pierre ad una larva umana e rinchiude nuovamente Severine nel ruolo di moglie asessuata di un marito asessuato... Desolante parabola costruita su dicotomie (giorno-notte, colpa-espiazione, sogno-realtà), narrata con eleganza ed ironia.
I gusti di Stefania (Commedia - Drammatico - Giallo)

Mickes2 12/6/13 11:06 - 1551 commenti

In pace, almeno di giorno, dalle 2 alle 5, perché il restante tempo è costretta in una pelle che non riesce più ad abitare. Ritratto del “doppio” della borghesia filtrato attraverso l’esistenza di Séverine, donna ligia di buone maniere ma di cattive pratiche. Impulso di evadere, un focolare che brucia dove c’è lo spirito ad attizzarlo: come se il gusto del peccato facesse meglio riassaporare quello dell’espiazione, una sfera di cristallo asessuata che protegge e difende. Straordinario Bunuel, onirico e ambiguo, delicatamente perverso.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: L'incredibile parentesi onirica con la Deneuve e Piccoli che "amoreggiano" sotto il tavolo.
I gusti di Mickes2 (Erotico - Fantastico - Western)

Giacomovie 12/3/10 20:42 - 1320 commenti

Uno dei ricordi che rimane dopo la visione è la magnifica Catherine Deneuve, alla quale si addice il titolo dell'ideale seguito di questo film, Belle toujours. Una bellezza che dà al film un forte erotismo implicito ma che si rivela un po' gelida, così come è tendenzialmente glaciale l'impianto complessivo della pellicola, che cerca di far emergere connotazioni psicologiche sul complesso comportamento femminile. Il clima rarefatto di tutto l'insieme e una leggera datazione riducono le ambizioni di capolavoro che si assegnano al film. ***
I gusti di Giacomovie (Drammatico - Erotico - Sentimentale)

Lythops 28/7/15 16:46 - 972 commenti

In una favolosa Parigi anni '60 recita una splendida Deneuve, bravissima nell'interpretare un personaggio difficile e tormentato. Yves St. Lorent in persona studia i vestiti dell'attrice seguendo stili e riferimenti cromatici ben precisi in un film decisamente psicanalitico che può tuttavia risultare anche molto soporifero, come tutti quelli in cui la sceneggiatura è curata al millimetro andando a scavare nelle motivazioni di un personaggio che non sempre riesce a interessare. Film ben confezionato, con poca anima. Gradito Pierre Clementi.
I gusti di Lythops (Documentario - Poliziesco - Thriller)

Alex75 7/10/15 13:45 - 611 commenti

Buñuel tratta con indubbia eleganza un tema scabroso in un film arduo e affascinante, affollato di simboli, con un’alternanza senza cesure tra sogno e realtà che per questi motivi si presta a molteplici interpretazioni e che lascia storditi e interdetti. Profondissima l’introspezione psicologica dei complessi personaggi. Tra gli ottimi interpreti (memorabili la Page, Clementi e Piccoli), lo sguardo e l’ammirazione sono inevitabilmente catturati dalla splendida Catherine Deneuve.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: I clienti di Séverine; Il sogno della zuppa fredda, dei tori e del fango; L’enigmatico finale.
I gusti di Alex75 (Drammatico - Poliziesco - Thriller)

Vitgar 6/4/17 11:04 - 586 commenti

La necessità patologica della trasgressione, questa potrebbe essere l'interpretazione di questo film. Come sempre nei lavori di maestro Buñuel vi è una affascinante convivenza di realtà e sogno, fusi in una inestricabile vicenda narrativa. Un po' troppo tirata la descrizione delle svariate "paranoie" dei diversi frequentatori di Severine. Deneuve seducente al massimo, buono anche il resto del cast.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Il misterioso contenuto dello scatolino del cliente orientale.
I gusti di Vitgar (Commedia - Thriller - Western)

Cloack 77 27/5/12 13:47 - 547 commenti

Chi oggi avrebbe la stessa capacità di Bunuel di “confondere” il sogno e la realtà senza il privilegio della scelta; la stessa lucida follia iconoclasta nello sguardo sul quotidiano e l'intangibile; la stessa sensibilità nell'accostarsi al percorso “infernale“ di Severine senza il giudizio individuale, ma con le armi affilatissime dell'intelligenza, contro una classe sociale; lo stesso sguardo innamorato per un corpo ed un' attrice meravigliosa, divinamente peccaminosa; lo stesso stile elegante, limpido e coerente?
I gusti di Cloack 77 (Drammatico - Horror - Western)

Noodles 2/7/19 23:48 - 366 commenti

Luis Buñuel si conferma geniale nella sua critica mordace alla società borghese e ai suoi vizi. Qui lo fa in maniera particolarmente morbosa. E onirica. Sogno e realtà si confondono spesso, ma tutte le scene oniriche (o reali, chissà) sono pezzi di maestria cinematografica. Grande la prova di tutto il cast, inserito in un'ambientazione perfetta. Forse non il film migliore del regista, ma senz'altro uno dei migliori.
I gusti di Noodles (Commedia - Drammatico - Horror)

Liv 12/11/12 8:39 - 237 commenti

Non posso giudicarlo né voglio lambiccarmi il cervello sulle fisime di Buñuel. Quello che mi ha colpito non è tanto la bellezza della protagonista, quanto il torbido movente del sesso in molti dei personaggi, dalla protagonista, all'amico di famiglia, allo svampito deliquentino che si innamora della prima, oltre che in tutto il repertorio dei frequentatori chez Anaïs. Quello che mi pare commentare tutto questo è una frase del marito (vedi sotto). Insomma: sciupare la propria vita per qualche sfogo sessuale è criminale.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: «Semen retentum venenum est».
I gusti di Liv (Animazione - Avventura - Commedia)

Almayer 19/3/07 19:36 - 169 commenti

Analisi dell'oppressione e dell'angoscia create dalle convenzioni della società borghese, e dalle sue stesse istituzioni (la chiesa, il matrimonio, il lavoro), e prima vera esplorazione della psiche sessuale femminile, tra fantasmi del passato e fantasie possibili. Basato su un romanzo di Joseph Kessel, il film si alterna tra parti oniriche (le fantasie della Deneuve) e parti reali, ma quest'ultime alla fine risultano meno realistiche delle estremamente vivide fantasie. Da vedere almeno una volta nella vita, e sarebbe comunque non abbastanza.
I gusti di Almayer (Fantascienza - Fantastico - Horror)

Pau 14/5/10 19:24 - 125 commenti

Bunuel prende di mira la coppia borghese, narrando (assieme al suo fido sceneggiatore J. C. Carriere) la vicenda di Severine, donna dalla personalità indefinita, anima scissa in due tra la necessità di essere all'altezza del ruolo che le è imposto e le proprie pulsioni più profonde. Il matrimonio pare una gabbia troppo angusta per contenere le mille sfaccettature della personalità di Severine; pierre, cieco di fronte al disagio della moglie, nel finale pagherà un tragico contrappasso. Delizioso Piccoli nel ruolo del cinico debosciato.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Gli inserti onirici in cui Severine/Catherine Deneuve da sfogo alle proprie fantasie erotiche.
I gusti di Pau (Giallo - Poliziesco - Teatro)