Cerca per genere
Attori/registi più presenti

LE NOTTI DELLA LUNA PIENA

All'interno del forum, per questo film:
Le notti della luna piena
Titolo originale:Les nuits de la pleine lune
Dati:Anno: 1984Genere: commedia (colore)
Regia:Eric Rohmer
Cast:Pascale Ogier, Tchéky Karyo, Fabrice Luchini, Virginie Thévenet, Christian Vadim, László Szabó, Lisa Garneri, Mathieu Schiffman, Anne-Séverine Liotard, Hervé Grandsart, Noël Coffman
Note:Quarto film della serie Commedie e Proverbi. "Chi ha due donne perde l'anima, chi ha due case perde il senno"
Visite:677
Filmati:
MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 5
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO INSERITO IL GIORNO 17/5/07 DAL BENEMERITO G.GODARDI

Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
  • Capolavoro assoluto (e ce ne sono pochi!) a detta di:
    Wilkerson
  • Grande esempio di cinema a detta di:
    Ginestra
  • Quello che si dice un buon film a detta di:
    Galbo, G.Godardi
  • Mediocre, ma con un suo perché a detta di:
    Kinodrop


ORDINA COMMENTI PER:

Galbo 30/7/12 8:07 - 10928 commenti

La capacitŕ di Eric Rohmer di "entrare" nella vita dei suoi personaggi emerge prepotente in questo film, interpretato dalla brava (e sfortunata) attrice Pascale Ogier, premiata a Venezia come migliore attrice e deceduta lo stesso anno della realizzazione del film. Commedia amara sui rapporti interpersonali e sulla solitudine, si avvale di una buona caratterizzazione dei personaggi e di una sceneggiatura che si avvale di dialoghi incisivi. Riuscita l'ambientazione. Buono il doppiaggio.
I gusti di Galbo (commedia - drammatico)

G.Godardi 17/5/07 19:23 - 950 commenti

Una ragazza che convive col suo uomo torna improvvisamente a vivere nel suo vecchio appartamento. Inizieranno nuove storie ma avrŕ un'amara sorpresa alla fine. Consueta esplorazione nei rapporti umani ad opera di Rohmer, come sempre precari e imprevedibili. Questa volta l'attenzione č focalizzata sui trentenni ma poco o nulla cambia, anzi. Come sempre un cinema di parola dove la parola č vita. Veniamo introdotti per un breve lasso di tempo nella vita di alcuni personaggi e poi ne veniamo fuori. E la vita continua, la loro e la nostra.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Il bel piano sequenza che apre il film, composto solo da un movimento rotatorio della mdp di 180 gradi (un altro analogo ma contrario lo chiuderŕ).
I gusti di G.Godardi (Horror - Poliziesco - Thriller)

Kinodrop 15/2/19 17:23 - 1092 commenti

Conciliare la propria frenesia individualistica letterario-borghese con gli affetti stabilizzati e contrattualizzati č cosa quasi impossibile e lascia dietro di sé molte amarezze. E' il caso della giovane Louise nei confronti del suo ragazzo Rémi, quasi strumentalizzato a farsi una ragione delle fantasie libertarie nella "solitudine" parigina. Difficile capire dove il regista voglia condurci, in una storia ordinaria di velleitŕ egoistiche, risolta solo attraverso un profluvio di parole e dialoghi tirati per le lunghe. Interessante la scelta del cast.
I gusti di Kinodrop (Commedia - Drammatico - Thriller)

Ginestra 19/2/17 17:13 - 45 commenti

Rohmer siamo noi: ognuno si identifica nei mille personaggi che popolano i film di questo regista inafferrabile, all'apparenza leggero ma anche filosofico, implacabile nei suoi "dipinti" umani, cosě umani da sembrare alieni. In realtŕ niente di strano in una donna graziosa, che vuole non tanto l'amore quanto vivere la vita senza freni; allo stesso tempo desidera la stabilitŕ di una casa, un fidanzato adorante che l'aspetti fedele. C'č anche il finale moraleggiante ma solo casuale, come č la nostra vita.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: I dialoghi e i vestiti anni 80, le serate danzanti.
I gusti di Ginestra (Horror - Poliziesco - Thriller)

Wilkerson 14/12/17 13:31 - 22 commenti

Forse l'apice della serie "Commedie e proverbi". Dietro all'impeccabile punto di vista morale e sociologico, qui piů che in altre pellicole traspare il sincero affetto del regista nei confronti dei personaggi, dimostrandosi piů comprensibile nei confronti dei loro errori. Malinconico e struggente, ma con uno stile sempre asciutto e dedicato massimamente alla gestione plastica dello spazio e dei colori. Il tutto impreziosito dalla leggendaria interpretazione della Ogier e dalla colonna sonora di Elli et Jacno, duo cult dell'electropop francese.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Le feste parigine in casa; Il litigio con Remi; Il peregrinare notturno per Parigi.
I gusti di Wilkerson (Drammatico - Giallo - Thriller)