Cerca per genere
Attori/registi più presenti

TEMPO DI TERRORE

All'interno del forum, per questo film:
Tempo di terrore
Titolo originale:Welcome to Hard Times
Dati:Anno: 1967Genere: western (colore)
Regia:Burt Kennedy
Cast:Henry Fonda, Janice Rule, Keenan Wynn, Janis Paige, John Anderson, Aldo Ray, Warren Oates, Fay Spain, Lon Chaney Jr., Elisha Cook Jr.
Note:Aka "Tempo di uccidere", Aka "Killer On a Horse". Soggetto dall'omonimo romanzo dello scrittore statunitense E.L. Doctorow.
Visite:504
Filmati:
MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 6
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO INSERITO IL GIORNO 15/5/07 DAL BENEMERITO HOMESICK

Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione


ORDINA COMMENTI PER:

Puppigallo 8/5/19 17:06 - 4332 commenti

Buon, atipico western, che si trasforma presto in una sorta di attesa dell'inevitabile (il ritorno). E questo logorerà i protagonisti (lui e lei), mettendoli uno contro l'altro (a volte il buonsenso può essere scambiato per vigliaccheria). I personaggi sono disegnati con una certa cura; e ognuno, commercianti compresi, contribuisce ad animare un posto, che più desolato non si può (polveroso d'estate e gelido d'inverno). Finale tra il cinico e l'educativo.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Il becchino diventa cliente; "Quando mai sei stato un uomo?"; L'inviato, su mulo, dal governatore per ufficializzare la "città".
I gusti di Puppigallo (Comico - Fantascienza - Horror)

Homesick 16/5/07 7:17 - 5737 commenti

Inizio in grande stile degno di un violentissimo western di serie B, con uccisioni a sangue freddo, stupri e case incendiate; poi ripiega sulla retorica e il sentimentalismo, procurando non poca noia e concludendosi con un finale non all’altezza dell’incipit. Ben definite le psicologie dei personaggi: Fonda debole e vigliacco, Chaney jr barman ingenuo; Aldo Ray, terribile fuorilegge, uccide e distrugge con una risata à la Fantaman, senza proferir parola.
I gusti di Homesick (Giallo - Horror - Western)

Daniela 6/9/19 1:10 - 8095 commenti

Western atipico, il migliore fra quelli di Burt Kennedy: formidabile l'inizio, con un pistolero pazzo mette a ferro e fuoco un paesino senza pronunciare un parola, pittoresca con spunti umoristici la parte centrale secondo lo stile tipico del regista, inaspettato il finale beffardo. Particolari anche i personaggi: Ray sembra uscito dall'inferno, Rule è posseduta dallo spirito della vendetta, Fonda dovrebbe impersonale un uomo considerato vigliacco ma i modi pacati, propri dell'attore in età matura, rendono difficile crederlo creando una contraddizione intrigante, destinata a restare irrisolta.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Ray, sempre senza dire una parola, prima accarezza il volto della prostituta e poi gli strappa il vestito.
I gusti di Daniela (Azione - Fantascienza - Thriller)

Lupoprezzo 22/4/11 20:12 - 635 commenti

Burt Kennedy, appoggiandosi a un racconto di E. L. Doctorow, confeziona un western decisamente particolare, incorporeo e introspettivo, in cui il bene e il male vengono delineati in maniera rigorosa (forse troppo), mentre il raziocinio e la vigliaccheria si confondono e la realtà si mescola impercettibilmente con l'astratto. Profondo nel tratteggiare le personalità dei protagonisti. Buone le prove di un cauto Henry Fonda e di un sardonico Aldo Ray.
I gusti di Lupoprezzo (Horror - Poliziesco - Western)

Alex1988 7/3/18 18:14 - 554 commenti

Quello che, all'inizio, potrebbe sembrare un western con una discreta dose di violenza, si rivelerà essere il classico western psicologico a stelle e strisce. Supportato da un Henry Fonda sempre all'altezza, il film, purtroppo non riesce a coinvolgere come dovrebbe e gli eccessivi sentimentalismi presenti finiscono per smorzare l'attenzione. Livello medio-basso.
I gusti di Alex1988 (Azione - Poliziesco - Western)

Mclyntock 8/3/12 9:44 - 91 commenti

Quinto western di Kennedy e suo film più famoso e di successo, forse il suo migliore. Il perenne conflitto tra Bene (il sindaco che si riscatta agli occhi della comunità) e Male (il feroce bandito) è risolto alla vecchia maniera, con l'utilizzo di clichè e stereotipi del genere rielaborati con ammirevole concretezza, anche se non ci sono sorprese nella sceneggiatura, scritta dallo stesso regista. Buona la cura nell'ambientazione; recitato da un'affiatata compagnia d'attori, con un vispo manipolo di personaggi minori, tratteggiati con acutezza.
I gusti di Mclyntock (Poliziesco - Thriller - Western)