Cerca per genere
Attori/registi più presenti

PERRY GRANT AGENTE DI FERRO

MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 7
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO INSERITO IL GIORNO 2/5/07 DAL BENEMERITO IL GOBBO

Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione


ORDINA COMMENTI PER:

Galbo 26/11/12 18:11 - 10903 commenti

Spy story di produzione italica dalla levatura davvero modesta. Ennesimo "scimmiottamento" di ben più riusciti film anglosassoni, presenta il consueto repertorio del genere, senza la pur minima variazione personale, con l'aggravante di un protagonista insulso. Solo per i cultori del genere.
I gusti di Galbo (commedia - drammatico)

Il Gobbo 2/5/07 18:53 - 3011 commenti

Misterioso traffico di microfilm dietro il paravento di un atelier: l'agente Perry Grant indaga spacciandosi per critico di moda col nomignolo "Arbiter"... Modesto spy alla Capuano, dall'inizio finto-americano ma che prontamente sposta la scena a Roma, con una scusa qualsiasi. Protagonista fiacchissimo, basti pensare che riesce meglio come cattivo l'atarassico Giacomo Rossi Stuart. Però c'è Marilù Tolo belloccia. Così così. Impagabile il doppiaggio di Pino Locchi tutto punti esclamativi da fumetto.
I gusti di Il Gobbo (Gangster - Poliziesco - Western)

Homesick 27/11/09 18:25 - 5737 commenti

Da un traffico di banconote false alla minaccia di distruzione del mondo intero: questo l’ambizioso soggetto dell’ennesima spy-story all’italiana ove le continue scene d’azione e le innumerevoli trappole che mettono a rischio la vita di un nuovo emulo di James Bond – l’anodino Holden – tentano di riempire i vuoti narrativi ed arrestare la noia. Poiché le bellezze muliebri (Tolo e Seyn) sono scarsamente valorizzate e D’Orsi è liquidato prima dei titoli di testa, a meritare la scena tutta per sé è il grifagno Donnini.
I gusti di Homesick (Giallo - Horror - Western)

Il Dandi 15/11/16 19:51 - 1577 commenti

Brutto spy-movie italico, probabilmente impossibile da prendere sul serio anche all'epoca. Del modello bondiano originale si recupera solo il doppiaggio di Pino Locchi affibbiato all'incolore protagonista Holden, il quale attraversa il film fra scazzottate e pistole fatte cadere a calci, fino all'immancabile finale nella tecnologica (ma non all'altezza) caverna del super-cattivo. Peccato perché il prologo con Umberto D'Orsi gangster prometteva un perverso divertimento, che finisce con la sua uscita di scena dopo pochi minuti. Cameo dei Planets!

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Il citato prologo con D'Orsi.
I gusti di Il Dandi (Giallo - Poliziesco - Thriller)

Panza   6/6/13 16:15 - 1402 commenti

Miserevole spy movie che volendo imitare 007 risulta loffio e stanco a causa di una carenza di mezzi impressionante. Non si riesce minimamente a credere che all'inizio siamo in America, nonostante il film ce lo voglia far credere con stock footage ridicoli. La storia è raffazzonata e si basa su un'arma di distruzione mondiale (resa in maniera terribilmente posticcia) posseduta dal cattivone di turno (un convincente Stuart). L'insipido Holden sbaciucchia due donnette, recita il copione e si confonde con le grigie catacombe del ridicolo finale.
I gusti di Panza (Commedia - Drammatico - Poliziesco)

Vitgar 29/7/14 18:58 - 586 commenti

Spy-movie di serie C, con la regia di Capuano che, come spesso si faceva all'epoca, assume un nome inglese. C'è il solito matto di turno che vuole conquistare il mondo, la solita milizia personale che ha poca mira quando spara. C'è poi l'agente segreto belloccio, ovviamente americano, che salva l'umanità; peccato che manchi tutto il resto. Si salvano solo gli occhi della Tolo.
I gusti di Vitgar (Commedia - Thriller - Western)

Motorship 6/6/13 17:58 - 567 commenti

Farlocco spy-movie nostrano che copia in maniera approssimativa i più riusciti e autentici spy inglesi. Capuano praticamente non dirige, ma è proprio la storia che è poca cosa, con l'aggiunta di dialoghi assolutamente indigeribili. Financo la scelta dell'insulso protagonista è una nota di non poco demerito per la pellicola, anche perché il resto del cast, pur non essendo male, o è utilizzato poco (vedi D'Orsi) oppure malutilizzato (vedi Rossi Stuart). Ci si consola con la bellezza della Tolo e basta.
I gusti di Motorship (Comico - Drammatico - Western)