Cerca per genere
Attori/registi più presenti

PRIMA DELLA RIVOLUZIONE

All'interno del forum, per questo film:
Prima della rivoluzione
Dati:Anno: 1964Genere: drammatico (bianco e nero)
Regia:Bernardo Bertolucci
Cast:Francesco Barilli, Adriana Asti, Morando Morandini, Allen Midgette, Cristina Pariset, Gianni Amico
Visite:1228
Filmati:
Approfondimenti:1) LA MOSTRA PERMANENTE DEI 45 GIRI DI LUCIUS
MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 12
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO INSERITO IL GIORNO 30/4/07 DAL BENEMERITO IL GOBBO

Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione


ORDINA COMMENTI PER:

B. Legnani 10/5/10 17:55 - 4467 commenti

Ricco di rimandi (che non sempre ho capito), è bello specialmente nei momenti più autobiografici o che sembrano tali. Chiaro quando usa metàfore semplici (vi si indulge anche con le didascalie: “le campane che volano”, sinestesia), come le maglie della rete, la visione annebbiata, la Asti che dice di mentire inquadrata dai bordi del televisore, un po’ pesante quando vuole volare più in alto (i due incontri con Morandini e il troppo lungo ”Addio alla terra”, dall’incipit persino manzoniano). Adriana asti superba e fascinosa, Barilli un po’ ingessato, ma forse un cinefilo borghese iscritto al PCI di Parma doveva, nel 1962, essere un po’ ingessato come l’attore Barilli, che impersona un ateo emiliano che si sposa rigorosamente in chiesa e va sia alla Festa dell’Unità, sia, con nonchalance, a vedere la Prima nell’ingioiellatissimo Teatro Regio. Di certo non era l’unico.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: “Non si incontrano mai uomini straordinari”.
I gusti di B. Legnani (Commedia - Giallo - Thriller)

Il Gobbo 30/4/07 13:04 - 3011 commenti

Giovane parmense di agiata famiglia milita nel PCI e ama una zia più grande. Dopo varie tensioni politico-sessuali cede all'agiatezza e al disimpegno. Opera seconda fra Verdi e politica di Bertolucci infatuato di Godard e - già da allora - del proprio ombelico. Negare i pregi formali del film sarebbe fazioso, negare che sia invecchiato idem. Indubbiamente da vedere, comunque, Bertolucci farà ben di peggio. Il protagonista è Francesco Barilli, futuro regista de Il profumo della signora in nero!
I gusti di Il Gobbo (Gangster - Poliziesco - Western)

Pigro 28/4/11 15:07 - 7332 commenti

Intenso e dolente ritratto delle inquietudini di un giovane borghese, che scalpita da dentro la sua classe sociale sperimentando il comunismo e la passione amorosa per la giovane zia, in una cornice storica di resa al trionfo della borghesia. Incipit poetico pasoliniano per un film irrequieto che si avvale di una raffinatissima sensibilità visiva in eccellente b/n e di un'accurata colonna sonora tra Verdi e Gino Paoli, con cenni metafilmici (come nell'annunciato inserto a colori), inciampando in qualche leziosaggine intellettuale di troppo.
I gusti di Pigro (Drammatico - Fantascienza - Musicale)

Homesick 12/11/08 18:31 - 5737 commenti

Coerentemente con la frase di Talleyrand posta in apertura («Chi non ha vissuto negli anni prima della Rivoluzione, non può capire cosa sia la dolcezza del vivere»), la carica marxista del protagonista Barilli (parmense nel film e nella realtà), si sfalda contro l’accettazione dell’odiata vita borghese. Letterario e asettico, influenzato tanto da Rossellini quanto dalla Nouvelle Vague, ha i suoi punti di maggior forza nel temperamento della Asti (milanese nel film e nella realtà) e nella fotografia.
I gusti di Homesick (Giallo - Horror - Western)

Cotola 18/5/12 16:03 - 7038 commenti

Storia di una impasse con sconfitta: il giovane Fabrizio passa da un confuso impegno politico (comunista) alla più “borghese” delle sorti. La trama basta a far capire quanto il film sia ancorato ai suoi tempi. Lo è sia dal punto di vista stilistico, quello più riuscito, sia da quello narrativo che risulta invece profondamente invecchiato. Di stile, infatti, ce n’è da vendere e se la narrazione frammentaria alla nouvelle vague non disturberà troppo (se non altro i cinefili) certi discorsi politico-ideologici mostrano oggi tutti i loro limiti, appesantendo il risultato di un film che si mantiene comunque buono. Bene la Asti, imbambolato Barilli.
I gusti di Cotola (Drammatico - Gangster - Giallo)

Matalo! 13/11/12 23:49 - 1359 commenti

Molta polvere si é depositata su questa seconda opera di Bertolucci e oggi si fa fatica a reggere certe velleità, godardismi, letterarietà, supponenza in fondo provinciale. Come il protagonista il regista appare uomo diviso tra "prima" e "dopo" rivoluzione; ma non mancano accenti sinceri e una cura formale di certe immagini. Certo un film "tra di loro" per intellettuali salottieri altoborghesi, che sopravvalutano questi film. Interessanti location e ottima la Asti in un personaggio rossellin-antonioniano. Valido come modernariato.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Il protagonista é il regista de Il profumo della signora in nero; Cameo di Morandini e Gianni Amico (il cinefilo pedante).
I gusti di Matalo! (Commedia - Gangster - Western)

G.Godardi 11/6/07 17:02 - 950 commenti

Giovane rampollo borghese è indeciso tra il marxismo e gli agi della sua condizione. Un amico si suicida e va in crisi esistenziale con tanto di Edipo sublimato attraverso l'amore per la zia. Ma alla fine sceglie la vita facile. Primo vero film di Bertolucci, dopo l'esordio pasoliniano, è un'opera perfettamente calata nella nouvelle vague del tempo, Godard in testa. Autobiografico con struttura a strappi, è la vittoria della stile sulla narrazione: in esso vi si alternano tutti gli amori del regista. E' quasi un film "musicale" con echi documentaristici.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Notare la bambina che recita la filastrocca e le scene nel teatro di Parma: curiosamente anticipano il cinema di Dario Argento (Opera).
I gusti di G.Godardi (Horror - Poliziesco - Thriller)

Rambo90 7/5/18 16:46 - 5874 commenti

Come dice l'appassionato di cinema nel film, può essere una questione di stile o di contenuto. Bertolucci colpisce nel segno con il primo, grazie a una bella fotografia in bianco e nero, ad azzeccate location, alle musiche di Paoli e Morricone. Il contenuto invece appare oggi datato: questa fusione di sentimenti e ideologia raramente fa breccia in chi guarda, eccezion fatta per qualche monologo particolarmente ficcante. Atmosfere rarefatte, montaggio che ammicca alla Nouvelle Vague e anche tanta noia.
I gusti di Rambo90 (Azione - Musicale - Western)

Giùan 12/9/12 22:27 - 2648 commenti

Se i primi inserti (il soliloquio di Fabrizio, il suicidio di Agostino) fan temere il peggio sulla longevità dell'opera, il giovane Bernardo sale invece presto sul podio, mettendo già in mostra tutte le sue doti di seducente orchestratore. Il film passa così dal narcisistico piano prosastico a picchi evocativo-poetici magistrali, capaci di restituire la paradossale (ma genuina) nostalgia tipica dell'età acerba. Barilli ha l'aplomb bertolucciano ma non è certo un attore, le fa da contraltare una tumultuosa Adriana Asti. Lirico anche il b/n di Aldo Scavarda.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: "L'apparizione" in chiesa di Clelia; L'indimenticabile sequenza sul fiume con l'addio di Puck "Addio stagno lombardo... ciao fiume e ciao Puck".
I gusti di Giùan (Commedia - Horror - Thriller)

Mickes2 13/5/14 21:12 - 1551 commenti

Spudoratamente modellato sugli estetismi della nouvelle vague, è un Bertolucci accattivante ma per molti versi tronfio e logorroico. Testimonianza a suo modo spietata dell’ipocrisia di ideali, dell’incapacità di volontà e intenti; quella di Fabrizio (in gamba ma non proprio a sua agio Barilli) è una disfatta che si trasforma in lamento sia esteriore che interiore. E un passo in avanti si trasforma in due indietro, la volontà (ingenua, acerba) si piega alle comode sicurezze borghesi. Comunque, è ormai film da salottino e sciarpetta di cashmere.
I gusti di Mickes2 (Erotico - Fantastico - Western)

Xabaras 10/1/15 2:38 - 189 commenti

Profetica pellicola che già qualche anno prima del fatidico '68 giunge a riflettere con successo sulle sue cause, il suo sviluppo e il suo sostanziale fallimento. Davvero sapiente l'utilizzo da parte del regista di alcune delle principali forme artistiche (musica, cinema, pittura, scrittura e teatro) utilizzate per coniugare nella maniera migliore le contraddizioni e le paure di una classe sociale (la piccola borghesia) ormai pronte a esplodere nella maniera più vistosa. Mi ha ricordato molto una specie di Antonioni colto da fremiti di Novelle Vague.
I gusti di Xabaras (Gangster - Horror - Western)

Filipghiro 14/4/12 20:32 - 5 commenti

La provincia emiliana negli anni che precedono il Sessantotto con tutte le sue contraddizioni: la borghesia imperante e la "moda" del comunismo, il cattolicesimo e la cultura alta, le ragazze di buona famiglia e l'insana passione per la zia milanese. I debiti verso Godard sono così evidenti che verrebbe da pensare al primo esempio di una Nouvelle vague italiana (che non ci sarà mai davvero).
I gusti di Filipghiro (Guerra - Musicale - Sentimentale)