Cerca per genere
Attori/registi più presenti

ORK (CELLAR DWELLER)

All'interno del forum, per questo film:
Ork (Cellar Dweller)
Titolo originale:Cellar Dweller
Dati:Anno: 1988Genere: horror (colore)
Regia:John Carl Buechler
Cast:Debrah Farentino, Yvonne De Carlo, Brian Robbins, Pamela Bellwood, Miranda Wilson, Vince Edwards, Jeffrey Combs
Visite:1133
Il film ricorda:• [2.08] Masters of Horror 2: La bestia (a Buiomega71)
Filmati:
M. MJ DAVINOTTI JR: MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 8
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO INSERITO IL GIORNO 17/3/09 DAL BENEMERITO KEOMA POI DAVINOTTATO IL GIORNO 7/8/14
Horror girato in fretta e furia dalla Empire di Charles Band, che chiama l'attore feticcio Jeffrey Combs per fargli girare un prologo in cui, nei panni del fumettista horror Colin Childress (la rivista per cui pubblica si chiama Cellar Dweller, da cui il titolo), rianima in cantina, grazie alle sue tavole, un terribile orco che squarta una ragazza lì di passaggio. Le fiamme s'impadroniscono in breve della cantina e Colin muore finendo per prendersi pure la colpa dell'omicidio. Anni dopo la casa di Colin è diventata un'accademia d'arte dove Whitney (Debrah Farentino), una bella fumettista che sogna di seguire idealmente le orme del defunto, si stabilisce nella cantina maledetta e comincia a ridisegnare lo stesso mostro di allora. La storia naturalmente si ripete e l'orco rispunta fuori, accoppando gli ospiti del luogo per sgranocchiarne pigramente gli arti. Una trama minimale, la cui unica particolarità sta nel parallelo tra storie disegnate e immagini filmate: l'orco infatti sembra agire seguendo i disegni che Whitney compone sulle sue tavole; la ragazza non immagina inizialmente di poter essere responsabile di morti altrui e si scatena tratteggiando in bianco e nero il mostro mentre ammazza prima di tutti la sua rivale... ma non passa molto tempo che il processo si invertirà: sarà l'orco cioè ad agire e le tavole a comporsi da sole seguendo uno schema prevedibile e già visto in buona parte dei film ispirati a questo tipo di interazione tra composizione artistica e realtà. Il resto sono lunghe camminate al buio che dovrebbero incutere terrore (ma Buechler, ottimo truccatore del campo, come regista vale poco), esibizioni assortite degli ospiti dell'accademia tanto per allungare il brodo (chi danza, chi scrive romanzi, chi filma...) e dialoghi poco significativi della protagonista con l'arcigna direttrice impersonata da Yvonne De Carlo (che fa di tutto per ostacolare la carriera di Whitney) o con il ragazzotto che fraternizza magari sognando di portarsi la ragazza a letto. Fortunatamente almeno l'orco una sua dignità a livello di make-up ce l'ha (come è normale che sia considerando il nome del regista) e un paio di effetti splatter non sono male (forse solo uno: la decapitazione dello scrittore tramite manata del mostro, perché poi si vedono soprattutto arti mangiucchiati dal mostro). Recitazione scadente, sceneggiatura ingenua e abbozzata in un pomeriggio: è evidente che si è puntato tutto sull'atmosfera (fallendo) e sull'idea del fumetto che “prende vita”, con un accurato montaggio teso a fondere i due mondi quanto più possibile. Penosi gli effetti speciali visivi che non comprendono il make-up.
il DAVINOTTI

Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione

ORDINA COMMENTI PER:

Cotola 22/1/11 0:31 - 7038 commenti

La Empire di Charles Band era (quasi) sempre garanzia di film brutti e sconclusionati. Questo "Ork" non fa certo eccezione con la sua creatura disgustosa che dal mondo dei fumetti si sposta nella realtà combinandone di cotte e di crude. Trama e film son tutti qui: inutile aspettarsi altro. Orrido, eppure la nostalgia per (il trash) horror di una volta, ogni tanto torna a farsi sentire.
I gusti di Cotola (Drammatico - Gangster - Giallo)

Herrkinski 24/8/16 0:31 - 4436 commenti

Produzione Charles Band di pura e semplice serie B ottantiana, godibile se vista nell'ottica da "basse pretese" del periodo. La storia è semplice, la regia elementare e da straight-to-video, tuttavia il film è riscattato da una fotografia d'altri tempi persino buona e dai make-up vintage di Buechler, che dona un bel look al mostro di turno. Il cast di giovani lascia il tempo che trova, ma il film può contare sulle partecipazioni di due figure cult del genere come Combs e la De Carlo; un paio di scene splatter, per il resto siamo sul fantasy.
I gusti di Herrkinski (Azione - Drammatico - Horror)

Daidae 11/12/16 12:21 - 2598 commenti

Un film fiacchissimo, con una trama ridotta all'osso e dalla durata ridicola (neppure un'ora e venti). Il cast è mediocre (se si eccettua Jeffrey Combs, che però si vede pochissimo) e come ciliegina sulla torta il finale è davvero assurdo. Decisamente migliore il precedente Troll, dello stesso regista.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Il ridicolo finale; Il videomontaggio dell'odiosa Amanda; La anziana che non si sa perché prende le fattezze del mostro.
I gusti di Daidae (Comico - Horror - Poliziesco)

Buiomega71 20/1/11 1:46 - 2035 commenti

Classico prodotto Empire, di una pochezza disarmante! Buechler, ottimo creatore di mostri e affini, come regista non è che sia un granchè e Troll, a confronto di questo, sembra un film di David Cronenberg! Infantile e poveristico, dopo un promettente prologo con Jeffrey Combs (che poi appare nell'incubo della protagonista armato di ascia in look da zombi) il filmettino va in vacca quasi subito; fortuna che dura sì e no 80 minuti... La Farentino è da sturbo, la creatura di Buechler molto meno. E pensare che Band aveva prodotto Re animator...

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Il mostro: "Dovunque c'è immaginazione io avrò dimora". E se lo dice lui...
I gusti di Buiomega71 (Animali assassini - Horror - Thriller)

Minitina80 6/6/15 16:18 - 1996 commenti

Fondamentalmente è un prodotto mediocre, di quelli a cui difficilmente si affida una seconda opportunità di essere rivisto, anche se a onor del vero mantiene una minima parvenza di decenza. La storia di per sé può avere un certo fascino per gli appassionati del genere horror e, nonostante il trucco non possa ambire a livelli eccelsi (non permettendo all’orco di incutere il timore dovuto) e ci siano tutti i limiti tipici di una produzione a basso costo, è in grado di stimolare un flebile interesse.
I gusti di Minitina80 (Comico - Fantastico - Thriller)

Pumpkh75 11/10/15 20:59 - 1207 commenti

In epoca adolescenziale era un mio cultissimo, ma d'altronde cosa chiedere di più se non Jeffrey Combs, un mostro economico e fiabesco, fumetti e bionde strepitanti. Ora, dopo tanti anni, mi arrendo all'evidenza di un suo invecchiamento terribile e alla scoperta di difetti che il mio occhio giovane non vedeva: l’infantilità, l’approssimazione, l’assenza di tensione. Dura poco e quel poco è forse anche troppo; per il giudizio, mi appello alla nostalgia e a quelle serate rampanti davanti a Odeon Tv.
I gusti di Pumpkh75 (Fantastico - Horror - Thriller)

Jena 11/5/17 17:42 - 1035 commenti

Quando ci sono di mezzo grimori maledetti simil Necronomicon con cui si aprono fenditure verso altri mondi e si evocano figure infernali, in me scatta il riflesso pavloviano dell'apprezzamento. Si inizia benissimo con Jeffrey Combs, attore di culto degli horror ottantiani, che in perfetto stile Re-Animator se la vede con una mostrone peloso. Si prosegue con il detto mostro (una specie di Gremlin king size cattivissimo) che dilania a destra e manca. Buoni gli effetti speciali e simpatico il fumetto stile Dylan Dog. Divertente il finale nero.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Il mostro peloso artigianalmente ben realizzato da Buechler; I "pasti" del mostro.
I gusti di Jena (Fantascienza - Fantastico - Horror)

Keoma 17/3/09 23:47 - 34 commenti

"Ork" è un film sconclusionato ma molto divertente, ricco di begli effetti speciali del maestro Buechler. Il titolo italiano è probabilmente retaggio del precedente Troll diretto dallo stesso regista. Come detto nulla di che, ma è un film onesto che regala la sua ora e mezza scarsa di brividi a buon mercato, morti splatterose, un po' di nudo e un mostro abbastanza originale. Gioca un ruolo fondamentale anche la nostalgia, specie per chi, come il sottoscritto, vide "Ork" da bambino divertendosi come un pazzo. Ci manca l'Empire di Charles Band!
I gusti di Keoma (Azione - Horror - Western)