Cerca per genere
Attori/registi più presenti

...E POI, NON NE RIMASE NESSUNO

All'interno del forum, per questo film:
...E poi, non ne rimase nessuno
Titolo originale:And then there were none
Dati:Anno: 1974Genere: giallo (colore)
Regia:Peter Collinson
Cast:Elke Sommer, Herbert Lom, Adolfo Celi, Oliver Reed, Charles Aznavour, Richard Attenborough, Gert Fröbe, Stéphane Audran, Maria Rohm, Alberto de Mendoza, Rik Battaglia, Teresa Gimpera
Note:Aka "Ten little indians". Tratto dal romanzo "Ten little niggers", di Agatha Christie, noto anche come "Dieci piccoli indiani". La voce di U. N. Owen è in originale di Orson Welles.
Visite:1761
Filmati:
Approfondimenti:1) LA MOSTRA PERMANENTE DEI FLANI DI LEGNANI
M. MJ DAVINOTTI JR: MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 16
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO INSERITO IL GIORNO 9/3/07 DAL BENEMERITO B. LEGNANI POI DAVINOTTATO IL GIORNO 20/6/17
Per una delle mille riproposizioni dei "Dieci piccoli indiani" di Agatha Christie si comincia spostando l'azione dall'isola al deserto iraniano. All'atto pratico cambia poco (al di là del fascino superiore della location): la sabbia sostituisce il mare come fossato insuperabile impedendo ai protagonisti di sfuggire al loro destino, gli ambienti ricchi e spettrali - cui la gelida fotografia di Fernando Arribas dona riverberi ambigui - fanno da lussuose sale d'una prigione senza sbarre. I dieci "indiani", invitati lì da tale U.N. Owen (vale a dire "Unknow", sconosciuto) si guardano negli occhi e ascoltano impassibili un nastro registrato del loro ospite in cui questi accusa ognuno di loro di un omicidio per il quale non hanno evidentemente pagato come avrebbero dovuto. Sono accuse basate su fatti realmente accaduti? Il primo a confessare di sì è un musicista francese (Aznavour), il quale beve subito dopo qualcosa dal tavolo dei liquori e cade stecchito. Comincia nella mente di tutti a echeggiare la filastrocca dei dieci piccoli indiani, uccisi uno dopo l'altro in modi che sembrano richiamare quelli utilizzati dal misterioso che killer che si aggira tra le sale. "E se fosse invece uno di noi?" azzarda qualcuno. Eh già... Naturalmente la prima cosa a colpire è il cast, folto di grandi attori da ogni parte del mondo (compreso il nostro Adolfo Celi nel ruolo d'un generale codardo) e che sembrerebbe dover preludere a un film se non altro godibile dal punto di vista delle interpretazioni. Purtroppo non è così: mummificato da una regia inerte, procede come un pachiderma nel deserto denotando tutti i limiti di un giallo che ha fin dalle pagine della Christie un meccanismo sterilmente ripetitivo: gli invitati continuano a domandarsi le stesse cose e non c'è fantasia né grazia nella messa in scena di alcuna delle loro morti. Più interessante lo score di Bruno Nicolai, ma si sprecano i silenzi che invece di alzare la tensione ammazzano definitivamente il ritmo. Personaggi scipiti, dialoghi senza nerbo: le buone premesse iniziali non sono mantenute. Ci si può divertire al massimo a parteggiare per l'uno o per l'altro scommettendo sulla vittima successiva. Cast sprecato. Forse se Celi fosse sopravvissuto un po' di più... Il solito finale modificato rispetto al romanzo appare come un'inutile forzatura e la cosa più brillante finiscono con l'essere beffardamente i titoli di coda, con gli attori presentati "in ordine di scomparsa".
il DAVINOTTI

Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione

ORDINA COMMENTI PER:

B. Legnani 10/3/07 0:26 - 4378 commenti

Ennesima trasposizione del capolavoro di Agatha Christie. Anche stavolta si stravolge il finale originale, nettamente superiore a quello realizzato (da pièce e non da libro), ma obiettivamente molto complesso da portare sullo schermo. Nonostante un cast eccezionale, il film non è indimenticabile. Ambientato non sull'isola, bensì a Persepoli: scelta non felice.
I gusti di B. Legnani (Commedia - Giallo - Thriller)

Galbo 21/12/09 10:39 - 10859 commenti

Il celeberrimo "giallo" della Christie in questa trasposizione cinematografica diretta ad Peter Collinson. Risultato non esaltante; la cosa migliore è la prova del ben assortito gruppo di attori (tra i quali il nostro Adolfo Celi). Per il resto, a parte il finale preso dalla pièce e non dal libro, una regia piuttosto statica e una non felice ambientazione.
I gusti di Galbo (commedia - drammatico)

Undying 2/5/08 18:21 - 3875 commenti

Diretto in maniera molto fiacca, come ci si può attendere da un regista inglese che resta noto, nella nostra nazione, per il piccolo gioiello (claustrofobico per ambientazione e tema) L'allucinante notte di una Baby Sitter. Ma per contro ha, dalla sua, una costruzione della suspense tipicamente sottesa e destinata a sfociare in un finale piuttosto coinvolgente. La storia è ispirata al celebre "10 Piccoli Indiani" scritto da Agatha Christie, ma non è certamente la versione peggio riuscita. Un'occhiata la merita, fosse solo per l'imponente cast.
I gusti di Undying (Horror - Poliziesco - Thriller)

Pigro 26/2/10 9:31 - 7221 commenti

Ancora una versione dello straordinario romanzo di Agatha Christie, piuttosto fallimentare, anche se la storia originaria è talmente bella che regge pure di fronte a qualsiasi tentativo di sfiguramento. Pessima la location degli scavi archeologici persiani, completamente arbitraria, che riecheggia nei terribili ambienti interni sovraccarichi e inconsistenti. Musica pietosa. Atmosfera assente. Ma soprattutto non capisco perché sia sempre necessario cambiare il finale, usando quello della pièce, ridicolizzando di fatto l'intera storia. Da dimenticare.
I gusti di Pigro (Drammatico - Fantascienza - Musicale)

Cotola 23/7/11 15:30 - 6888 commenti

Ennesimo rifacimento del capolavoro della Christie. Leggendo il titolo si è propensi a credere che stavolta il finale venga rispettato, ma non è così. Lento e bruttino, si salva comunque grazie alla bontà del testo di partenza ed al cast importante ma non sempre ben sfruttato ed all'altezza. Unica nota diversa rispetto alle altre pellicole è l'insolita ambientazione.
I gusti di Cotola (Drammatico - Gangster - Giallo)

Daniela 20/11/16 12:33 - 7849 commenti

Fra le varie trasposizione del celebre giallo, questa è una delle meno riuscite, a cominciare dalla infelice ambientazione in un lussuoso palazzo in mezzo al deserto, con annesso sito archeologico. La trama è quella classica, con l'epilogo che ricalca la pièce teatrale e non il romanzo (come accade del resto anche nel gioiellino diretto da Clair nel 1945), ma la confezione smorta e la regia piatta non rendono un buon servizio al meccanismo ad orologeria creato dalla Christie. Film mediocre, con l'aggravante di sprecare un cast sulla carta assai ragguardevole.
I gusti di Daniela (Azione - Fantascienza - Thriller)

Ciavazzaro 24/2/08 12:34 - 4717 commenti

Vado controcorrente. A mio avviso la miglior trasposizione cinematografica (finale a parte) del classico "Dieci Piccoli Indiani" di Agatha Christie. A partire da un cast all-star: Celi (che si doppia da solo), Reed, Aznavour, Frobe, Lom, Attenborough, De Mendoza... ma anche sul versante femminile non si scherza: Elke Sommer, la Rohm (cameriera), la Audran. Indispensabile colonna sonora di Bruno Nicolai, buona atmosfera. Da vedere senza dubbio.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: I delitti.
I gusti di Ciavazzaro (Giallo - Horror - Thriller)

Rambo90 22/8/16 16:02 - 5674 commenti

Buona trasposizione del classico della Christie, godibile più che altro per l'ambientazione particolare e per il ricco cast. Ogni attore apporta il suo carisma e sono tutti in parte, con una menzione speciale per Reed (fantastico quando ride come un matto) e Lom nei panni del dottore. Il finale, preso dalla commedia teatrale e non dal romanzo, non lascia troppo a desiderare e i dialoghi sono ben costruiti. Un po' lento il ritmo. Buona la colonna sonora di Nicolai.
I gusti di Rambo90 (Azione - Musicale - Western)

Saintgifts 25/5/12 21:58 - 4099 commenti

In questa versione non è il mare a impedire la fuga e a isolare la casa, ma il deserto, che può far pensare di potersene andare ma di fatto non perdona. L'ambientazione non mi è dispiaciuta e nel complesso non è male questo ennesimo adattamento del romanzo della Christie, con il solito finale variato. Il cast è notevole e lo dimostra. Difficile che qualcuno non conosca la storia e di conseguenza, non avendo sorprese, è più attento alla realizzazione; ma per chi ne sia all'oscuro, la sceneggiatura regala qualche indizio premonitore.
I gusti di Saintgifts (Drammatico - Giallo - Western)

Belfagor 20/9/12 14:27 - 2587 commenti

Terza trasposizione del capolavoro di Agatha Christie che riprende molti elementi dal film del 1965, declinandoli purtroppo in modo scialbo e spesso goffo. Nonostante la peculiare ambientazione persiana valorizzata dalla fotografia e il ricco cast (il migliore è Celi, austero e autodoppiato), è un film decisamente superfluo. A conti fatti, il finale modificato risulta più macchinoso rispetto a quello originale.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Nei titoli di coda, l'elenco dei personaggi in ordine di "sparizione".
I gusti di Belfagor (Commedia - Giallo - Thriller)

Ryo 24/2/12 23:26 - 1848 commenti

Trasposizione cinematografica della celebre opera teatrale di Agatha Christie. La storia e sopratutto la dinamica finale del libro rimangono sempre un gradino più in alto. Osservando il cast scelto, trovo pochi volti adatti al proprio ruolo, anche perché in questa versione tutti, o quasi, i mestieri dei personaggi vengono stravolti e adattati ad un pubblico contemporaneo; quindi vediamo il giovane e scapestrato Marston qui divenire invece un noto presentatore TV, ad esempio. Godibile e a tratti spassoso.
I gusti di Ryo (Comico - Fantastico - Horror)

Il Dandi 5/6/19 15:03 - 1537 commenti

Ennesimo "10 piccoli indiani" con l'unica particolarità di spostare l'ambientazione in un set improbabile (scavi archeologici in Iran? bah...) per giustificare l'isolamento totale del gruppo dal mondo esterno anche nei moderni anni '70. Adattamento pedestre, televisivo, che non replica il fascino delle versioni classiche ma nemmeno osa una rilettura come le 5 bambole di Bava. Sprecato anche il bel cast internazionale, con Aznavour che beve come tra una canzone e l'altra e Celi che sembra mettere in scena uno scherzo del Sassaroli.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: L'ascolto del nastro.
I gusti di Il Dandi (Giallo - Poliziesco - Thriller)

Dusso 10/3/07 9:03 - 1533 commenti

Il peggiore dei quattro adattamenti di "10 piccoli indiani" che io abbia visto: ambientazione fuori luogo, regia pessima e statica. A tratti inguardabile.
I gusti di Dusso (Commedia - Giallo - Poliziesco)

Digital 20/12/11 0:32 - 953 commenti

Rifacimento seventies del noto romanzo di Agatha Christie. Il film, specie all'inizio, risulta assai tedioso; fortunatamente, con l’avvento dei primi delitti, le cose si fanno un po' più interessanti. La regia di Collinson è asfittica, priva di guizzi, ma è comunque nobilitata da una bella fotografia e dall'incantevole soundtrack di Bruno Nicolai. Notevole il cast (anche se Celi viene fatto fuori quasi subito).
I gusti di Digital (Fantascienza - Horror - Thriller)

Pesten 3/6/17 13:12 - 477 commenti

Trovo questa trasposizione cinematografica tra le migliori dell'opera della Christie. Il cast, tra cui il nostro Celi, riesce a dare un'ottima caratterizzazione ai personaggi e il contrasto tra le location (gli interni dell'abitazione rispetto alle rovine a esempio) aggiunge fascino alla visione. Il finale, come spesso accade, differisce dalla storia originale, ma a parte questo siamo al cospetto di una storia da cui sarebbe stato difficile trarre un brutto film.
I gusti di Pesten (Horror - Poliziesco - Thriller)

melville 19/12/07 0:21 - 1 commenti

A me non pare tanto brutto. L'ambientazione ha il suo charme, la recitazione è buona, Stéphan Audran è come sempre incantevolmente snob e anche se il ritmo è piuttosto lento ci sono almeno un paio di scene di autentica suspence. Con qualche tocco di humor nero avrebbe potuto essere un film di Buñuel, a metà tra L'angelo sterminatore e Il fascino discreto della borghesia.
I gusti di melville (Drammatico - Giallo - Thriller)