Cerca per genere
Attori/registi più presenti

IL PRIGIONIERO DI AMSTERDAM

All'interno del forum, per questo film:
Il prigioniero di Amsterdam
Titolo originale:Foreign correspondent
Dati:Anno: 1940Genere: spionaggio (bianco e nero)
Regia:Alfred Hitchcock
Cast:Joel McCrea, Laraine Day, George Sanders, Herbert Marshall, Albert Basserman, Robert Benchley, Eduardo Ciannelli, Edmund Gwenn, Harry Davenport, Martin Kosleck, Jane Novack
Visite:584
Filmati:
Approfondimenti:1) LE "APPARIZIONI" DI HITCHCOCK
M. MJ DAVINOTTI JR: MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 5
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)


Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione

ORDINA COMMENTI PER:

Galbo 22/2/15 8:23 - 10932 commenti

Tra i primi film "americani" di Alfred Hitchcock, non è tra quelli maggiormente riusciti. La storia infatti non appassiona più di tanto: si tratta di una vicenda di ordinario spionaggio, non priva di ingenuità e interpretata peraltro da un attore (Joel McCrea) abbastanza scialbo e poco espressivo. Lo stile è tuttavia quello del grande maestro, e si possono apprezzare alcune sequenze che recando indiscutibilmente il suo marchio di fabbrica, una tra tutte l'omicidio del politico olandese sotto la pioggia e quella dei mulini a vento.
I gusti di Galbo (commedia - drammatico)

Pigro 16/3/09 7:31 - 7317 commenti

Giornalista americano in Europa nell'imminenza della guerra si ritrova tra delitti, complotti e rapimenti. Film inquieto e serrato, in un bel b/n che esalta gli esterni olandesi, dal paesaggio malato con i mulini a vento alle cupe atmosfere piovose popolate da mari di ombrelli (da antologia il delitto sulla scalinata). Si avverte l'ansia per la guerra già iniziata l'anno prima, che l'esorcismo del film, sia pure venato di ironia, non riesce a placare. E forse la troppa adesione al periodo storico (un merito) ha nuociuto alla fama del film.
I gusti di Pigro (Drammatico - Fantascienza - Musicale)

Daniela 29/8/19 14:19 - 8095 commenti

Un reporter americano alle prime armi, spedito in Europa alla vigilia dello scoppio della seconda guerra mondiale, si trova invischiato in un complotto nazista volto a carpire ad un anziano diplomatico olandese un importante segreto... La trama ricorda quella del più riuscito La signora scompare del 1938 per il mix fra spy story e commedia con risvolti sentimentali. Risultato altalenante per la presenza di sequenze poco riuscite accanto ad altre magistrali, ma comunque gradevole. Da segnalare il personaggio del sicario bonario affidato a Gwenn in un ruolo ben diverso da quelli abituali.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: La fuga dell'assassino, i cui movimenti si intuiscono solo attraverso il movimento degli ombrelli aperti; il "messaggio" delle pale; Sulla torre.
I gusti di Daniela (Azione - Fantascienza - Thriller)

Saintgifts 6/5/10 23:55 - 4099 commenti

Un buon film con molte scene interessanti (tutta la prima parte girata in Olanda, la pioggia, il delitto sulla scalinata con la fuga ripresa dall'alto dove solo lo spostamento degli ombrelli fa capire il percorso dell'assassino, l'interno del mulino) e anche qualche peculiarità come lo strano detective affiancato a Joel McCrea con lo scopo di ucciderlo, oppure l'interrogatorio dove George Sanders, minacciato con una pistola può comunque dire ciò che vuole avvertendo così il prigioniero. Storia comunque interessante e buone le interpretazioni.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Salvati dalla nave, dopo l'inabissamento dell'aereo nell'Oceano, i protagonisti hanno gli abiti impeccabili e George Sanders indossa pure la cravatta.
I gusti di Saintgifts (Drammatico - Giallo - Western)

Digital 1/1/15 17:16 - 1022 commenti

Giornalista americano è mandato in Europa dal suo capo, desideroso di esser informato circa l’imminente scoppio della seconda guerra mondiale. Altra gemma del maestro inglese, sconsideratamente poco ricordata. L’inizio è davvero scoppiettante, con un omicidio inaspettato e tutta la parte all'interno del mulino. Dopodiché, pur rimanendo interessante, tende, nella parte centrale, a intricarsi un po’ troppo, riprendendosi tuttavia nel bellissimo finale, anticipatore di certi catastrofici in divenire. Suggestiva la fotografia di Maté.
I gusti di Digital (Fantascienza - Horror - Thriller)