Cerca per genere
Attori/registi più presenti

A DIRTY SHAME

All'interno del forum, per questo film:
A dirty shame
Titolo originale:A dirty shame
Dati:Anno: 2004Genere: commedia (colore)
Regia:John Waters
Cast:Tracey Ullman, Johnny Knoxville, Selma Blair, Chris Isaak, Suzanne Shepherd, Mink Stole, Patricia Hearst, Jackie Hoffman, Wes Johnson
Visite:539
Filmati:
M. MJ DAVINOTTI JR: MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 3
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO INSERITO IL GIORNO 23/11/06 DAL DAVINOTTI
A DIRTY SHAME segna il ritorno completo di John Waters alle follie di inizio carriera, agli eccessi di uno stile unico e inconfondibile. Benché Tracey Ullman non sia né possa essere la nuova Divine, il soggetto e la sceneggiatura del film (nonché la regia, naturalmente) sono tipicamente, classicamente watersiane. Siamo come sempre a Baltimora e la popolosa Harford Road è diventata col tempo un autentico crogiuolo di pervertiti: vecchi che si slinguano in strada, postini che passano il tempo leggendo riviste porno al minimarket, gente che gira nuda mentre porta via la spazzatura... La famiglia Stickles (la Ullman e Chris Isaak i genitori) sarebbe anche normale, ma hanno una figlia (Selma Blair) che, dotata di due tette gigantesche, si esibisce ai club per motociclisti e viene tenuta dai suoi agli "arresti domiciliari". Un colpo in testa in un incidente stradale però, unito all'entrata in scena di una sorta di santone del sesso (Johnny Knoxville), fa scoprire a mamma le gioie del cunnilingus e la trasformerà in una ninfomane, combattuta a quel punto, come gli altri perversi, dai cosiddetti "neutri" del posto (capeggiati dalla watersiana Mink Stole). In un continuo tripudio di perversioni diverse ad ogni inquadratura, A DIRTY SHAME conferma il talento surreale di Waters e il suo amore per il "diverso" legato in gran parte al sesso. Ricco di personaggi e scene memorabili, il film è oltremodo sgangherato e sconclusionato. Non piacerà certo a tutti, ma i fan di vecchia data ne rimarranno soddisfatti. Comunque un cinema unico, che gioca col trash e attacca apertamente la morale comune.
il DAVINOTTI

Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione

ORDINA COMMENTI PER:

Saintgifts 3/6/16 10:28 - 4099 commenti

Un Waters che ha lasciato da parte molte delle sue "schifezze" visive, nel senso che tratta gli stessi argomenti che a lui stanno a cuore ma ripuliti dai particolari che più possono rivoltare; si occupa esclusivamente di sesso, in questa commedia che vede gli abitanti di Harford Road divisi nettamente in due fazioni: i neutri, coloro che giudicano il sesso roba da pervertiti e i sex addict che vivono esclusivamente per il sesso. Basta però cambiare la morale repressiva (rappresentata dal ricevere un colpo in testa) per diventare sesso dipendenti.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Il dilagante cunnilingus, che per l'americano medio rappresenta il massimo della perversione sessuale.
I gusti di Saintgifts (Drammatico - Giallo - Western)

Pinhead80 10/6/17 13:43 - 3487 commenti

In una ridente cittadina da una parte ci sono coloro che sono sesso dipendenti e dall'altra chi vede in tutto ciò una sporca vergogna da combattere e da cui prendere le distanze. Anche il regista sembra ripudiare qualcosa e in un certo senso è così. Purtroppo per noi si tratta delle atmosfere zozze e weird che hanno da sempre contraddistinto i suoi film. Le provocazioni rimangono ma diventano patinate e il risultato è la scomparsa di quella naturalezza che rendeva le sue opere uniche.
I gusti di Pinhead80 (Documentario - Fantascienza - Horror)

Kinodrop 26/6/17 18:18 - 1112 commenti

Un quartiere di Baltimora diviso da "neutri" o moralisti e sessuomani è il campo d'azione dove qualsiasi esperienza erotica è possibile (previo un casuale e risibile colpo in testa). Se l'intenzione dello stralunato regista era provocare, qui siamo proprio fuori tempo massimo. Resta la patina scherzosa, l'ironia paradossale, una sceneggiatura che cerca di rinverdire i fasti degli anni '70 con qualche momento divertente e qualche gag azzeccata. L'andamento da favoletta/fumetto osé lo rende quasi più simpatico, ma lascia il tempo che trova.
I gusti di Kinodrop (Commedia - Drammatico - Thriller)