Cerca per genere
Attori/registi più presenti

VINO, WHISKY E ACQUA SALATA

M. MJ DAVINOTTI JR: MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 1
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)
Raimondo Vianello è sempre stato accreditato di un umorismo soft, all'inglese, quindi chi meglio di lui per interpretare in una commedia un ufficiale britannico catturato da un sommergibile italiano durante la Seconda Guerra Mondiale? Appena imbarcato come prigioniero (gli hanno affondato la nave) si appellerà a tutte le norme del trattato di Ginevra facendo imbestialire il comandante Tino Buazzelli, sanguigno ma di buon cuore. È il rapporto tra i due, prolungato per metà film sul filo del insulto, a dare il senso comico al film di Mario Amendola (e al titolo) che purtroppo, dopo una prima parte brillante e simpatica, si perde completamente facendo entrare in scena la bomba sexy Margaret Lee. Da quando il sommergibile fa sosta ad Azila lasciando scendere l'equipaggio che ne approfitta per andare al tabarin, il film cala terribilmente lasciando spazio agli strip e alle frasi conturbanti della Lee (che s’approfitterà dell'ingenuità del marinaio Ferruccio Amendola), a una lunga rissa tra i tavolini e a gag decisamente meno riuscite di quelle viste fin lì. Anche la coppia di cuochi composta da Franco e Ciccio, che nel primo tempo si era ritagliata qualche scenetta simpatica interrogandosi sui tanti perché della guerra, tende a scomparire quasi del tutto. Vianello e Buazzelli non incidono più e si procede stancamente verso un finale senza gloria. Peccato, perché l'incontro-scontro tra i due comandanti in acqua salata era un’azzeccata ripresa di un classico della nostra complicità (cui Totò, per fare un esempio, aveva spesso attinto) e una sceneggiatura garbata e spiritosa stava cominciando a sfruttarlo bene.
il DAVINOTTI

Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione

Panza   26/9/12 17:35 - 1413 commenti

Amendola dirige questa commedia con ottimi interpreti che parte con un discreto primo tempo in cui assistiamo alla divergenza Vianello/Buazzelli che riesce a intrattenere grazie alla bravura dei due. Intanto appaiono fugacemente Franco e Ciccio che parlano di guerra e cacciano un gatto che ritornerà a suo malgrado nel finale. Poi da discreta commedia si passa a un registro sentimentale che annoia, nonostante ci sia Margaret Lee cantante nei tabarin (si sente anche una canzone di Fidenco live). Molto discontinuo!
I gusti di Panza (Commedia - Drammatico - Poliziesco)