Cerca per genere
Attori/registi più presenti

RIDING THE BULLET

All'interno del forum, per questo film:
Riding the bullet
Titolo originale:Riding the bullet
Dati:Anno: 2004Genere: drammatico (colore)
Regia:Mick Garris
Cast:Jonathan Jackson, David Arquette, Cliff Robertson, Barbara Hershey, Erika Christensen, Barry W. Levy, Jackson Warris, Jeffrey Ballard, Peter LaCroix
Note:e non "Riding the bullett". Da un lavoro di Stephen King
Visite:539
Il film ricorda:Cuore selvaggio (a Buiomega71), Il settimo sigillo (a Buiomega71)
Filmati:
M. MJ DAVINOTTI JR: MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 6
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

PAPIRO DAVINOTTICO INSERITO IL GIORNO 5/10/06


Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione

ORDINA COMMENTI PER:

Undying 13/6/07 16:18 - 3875 commenti

Una bella storia, vanificata da una sceneggiatura troppo saltellante (indietro/avanti) nel tempo. Peccato, perchè Mick Garris (il regista -e anche sceneggiatore purtroppo- voluto da Stephen King) ci sa fare, ma i pochi buoni momenti di tensione sono sviliti dal prevedibile corso degli eventi. Non da disprezzare completamente, ma in quanto "buon film" mancato. Al regista va riconosciuto il merito di avere riunito i Masters of Horror proprio in questo periodo...
I gusti di Undying (Horror - Poliziesco - Thriller)

Supercruel 16/2/09 21:40 - 498 commenti

Disarmante pellicola horror tratta da Stephen King. Garris è un mestierante in grado di girare, certo, ma è la storia (pur dalle belle premesse) ad essere prolissa, tediosa e mai coinvolgente. Qualche personaggio bizzarro è anche vagamente carino, ma è decisamente troppo poco al cospetto di una sequela di sequenze piatte e noiose, senza mai un momento di tensione, senza mai un dialogo degno di nota. Da vedere e da dimenticare cinque minuti dopo. Sconsigliato.
I gusti di Supercruel (Azione - Fantascienza - Horror)

Rambo90 7/9/15 16:05 - 5885 commenti

Niente di che. Il breve romanzo di King non era particolarmente originale o impressionante, ma il film risulta anche più piatto, per colpa di una fotografia televisiva e di una regia piuttosto incolore. Le parti più riuscite sono quelle che rappresentano le visioni del protagonista, anche perché sono le uniche a suscitare qualche brivido. Il cast se la cava bene, ma nel complesso si tratta di un film mediocre e senza nerbo.
I gusti di Rambo90 (Azione - Musicale - Western)

Buiomega71 5/4/13 0:27 - 2038 commenti

Come se "Sulla strada" di Jack Kerouac fosse filtrato da incubi lynchiani, imballato da un Carpenter sotto acido o da un Romero all'lsd. Garris firma il suo capolavoro, tra schegge visionarie di assoluta follia (la morte bergmaniana che incita al suicidio, i volti disegnati che sibilano come i manichini di Maniac) e fulminanti crudeltà (il cane spatasciato dal camion, il corvo parlante) anticipando il grindhouse tarantiniano con la sequenza del film nel film. Kinghiano sino al midollo e onirico viaggio/incubo sulla strada dell'inferno con picchi macabri e poetici.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: La Hershey senza volto; La Hershey che cinguetta lynchianamente; Il cagnaccio investito; Il suicidio nella vasca incitato dalla morte; Il macabro racconto della Cadillac.
I gusti di Buiomega71 (Animali assassini - Horror - Thriller)

Jena 19/10/13 20:42 - 1037 commenti

Non ho letto l'originale kinghiano e forse per questo non sono così severo con il lavoro di Garris. La prima parte a modo suo regge anche con alcuni momenti azzeccati (il tentato suicidio, il vecchiaccio di Robertson) e una atmosfera nostalgica ben servita dalla colonna sonora, poi il motore perde colpi, in particolare da quando entra in scena Arquette, completamente fuori parte in un ruolo di malvagio con quella faccia da giuggiolone. Regia televisiva, vedibile ma meglio leggersi il libro. **
I gusti di Jena (Fantascienza - Fantastico - Horror)

Sunchaser 14/10/08 12:06 - 127 commenti

Mick Garris è ormai diventato il traduttore ufficiale di King per il grande e piccolo schermo. Difficile dire il perché di questa scelta. Ma quando si leggono le critiche Kinghiane rivolte allo Shining di Kubrick e poi si vede la versione televisiva di Garris/King verrebbe da dire che lo scrittore preferisce una trasposizione mediocre ma fedele ad una riuscita ma infedele di una sua opera. Riflessioni a parte, "Riding the bullett" è un miscuglio di più generi diversi che alla fine lascia indifferenti e fa tutt'altro che paura. Evitabilissimo.
I gusti di Sunchaser (Fantascienza - Musicale - Thriller)