Cerca per genere
Attori/registi più presenti

IL COMANDANTE

All'interno del forum, per questo film:
Il comandante
Dati:Anno: 1963Genere: commedia (colore)
Regia:Paolo Heusch
Cast:Totò, Andreina Pagnani, Britt Ekland, Isa Crescenzi, Franco Fabrizi, Linda Sini, Luciano Marin, Carlotta Barilli, Mario Castellani
Visite:3007
Filmati:
M. MJ DAVINOTTI JR: MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 18
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)
Un film insolito ma non troppo, nella carriera di Totò. Non è la prima volta infatti che ne saggiamo le qualità drammatiche, visto che fin dai tempi di YVONNE LA NUIT, di tanto in tanto, il grande attore napoletano si concede qualche passaggio nel cinema meno “leggero”. Così ecco la figura di questo generale in pensione, ben diverso da quello borioso e sbraitante che avevamo visto in TOTO’ DIABOLICUS. Qui Totò tocca corde malinconiche, molto più umane, offerte dal copione di Rodolfo Sonego (in futuro sceneggiatore di fiducia per Alberto Sordi). Il generale Antonio Cavalli è uomo inserito in un tessuto sociale ben preciso e per questo il film di Paolo Heusch (più noto per le sue pionieristiche incursioni nella fantascienza) appare più "moderno" di quelli a cui ci aveva abituati Totò. Il quale rinuncia completamente alla sua spavalderia, ai suoi giochi di parole, alle gag che l'hanno reso famoso per concentrarsi unicamente nella resa di un personaggio triste, che vive la terza età senza stimoli, inizialmente incapace di adattarsi alla nuova realtà pensionistica (un'idea simile verrà ripresa da Villaggio e Parenti in FANTOZZI VA IN PENSIONE). Il film migliora molto quando affiora il confronto tra la mentalità quadrata, rigorosa del generale e quella sbarazzina, molto meno "limpida", del suo nuovo datore di lavoro Franco Fabrizi (sempre molto bravo, in parti così). La mano di Sonego è evidente, la regia di Heusch no. E infatti il film tende ad avere un ritmo sonnacchioso, che appesantisce l'impatto della sceneggiatura. Totò, in ogni caso, è ancora una volta perfetto, a testimonianza di un attore a tutto tondo che, con registi e copioni adeguati, avrebbe potuto sfondare anche nel cinema più impegnato.
il DAVINOTTI

Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione

ORDINA COMMENTI PER:

B. Legnani 5/1/15 22:06 - 4313 commenti

Un grande Totò affronta il tema della vecchiaia. Film che mescola trovate umoristiche a trovate malinconiche, che talora si fondono (si pensi alla scena del treno che cambia binario). Film gradevole, che purtroppo sconta alcune lungaggini, specialmente nella parte finale, che allungano il brodo. Cast disuguale: perfetti i grandi nomi, dimenticabili gli altri.
I gusti di B. Legnani (Commedia - Giallo - Thriller)

Pigro 6/3/11 21:42 - 7154 commenti

Un Totò anomalo (e notevole) ci accompagna malinconicamente nel tema della terza età, o meglio nelle tristi more della pensione in cui un ex generale si sente ormai inutile. Il tono complessivo da commedia non evita l'amarezza e apre a un altro tema importante, cioè la trasformazione sociale dei primi Anni Sessanta, a sottolineare ulteriormente il senso di distacco e disagio dell'anziano militare: altri modi di vivere e soprattutto la spregiudicatezza di due palazzinari da boom. Avrebbe potuto diventare un grande film, ma anche così lascia il segno.
I gusti di Pigro (Drammatico - Fantascienza - Musicale)

Puppigallo 15/4/07 18:27 - 4214 commenti

Pellicola malinconica, dove Totò (il generale Cavalli), dopo essere andato in pensione, finisce nelle mani di un immobiliare truffaldino. Il film non ha sprint e il copione è piuttosto povero di battute. Ma la cosa che più colpisce è vedere Totò raggirato e usato come un pupazzo (trattamento che di solito è lui a riservare agli altri). E nell'unico momento in cui potrà alzare la cresta davanti alla moglie ("C'è chi scende e chi sale. Io salgo"), arriverà puntuale la batosta. Non ci siamo. Questo personaggio era poco adatto a lui, anche se la sua bravura non si discute.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Il generale (Totò) viene mandato a comprare le sigarette, con e senza filtro. Arrivato al negozio, non ricorda la marca e compra mezzo chilo di sale.
I gusti di Puppigallo (Comico - Fantascienza - Horror)

Daniela 4/11/14 14:19 - 7560 commenti

Il colonnello Antonio, ottenuta la promozione a generale insieme alla messa a riposo, non sa rassegnarsi alla vita da pensionato e tormenta la moglie con la propria insoddisfazione, fino a spingerla ad architettare un affettuoso inganno... Una delle interpretazioni più "serie" di Totò, sia per i temi trattati che per il tono malinconico, con punte di amarezza inconsuete per una commedia di questo tipo, prevalenti sulle occasioni di sorriso legate soprattutto all'ingenuo egocentrismo del protagonista, che si ritrova "nudo" una volta spogliato della divisa con cui si è identificato per decenni.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Il salvataggio della stufa .
I gusti di Daniela (Azione - Fantascienza - Thriller)

Deepred89 20/10/16 15:07 - 3064 commenti

Un Totò misurato nelle movenze e umano negli sguardi domina una malinconica commedia sul tema della vecchiaia. Bellissimo il personaggio principale (un generale che non vuole arrendersi all’incombere della terza età), credibile e ricco di dettagli di indubbia finezza, mentre la regia riesce, senza inutili cadute nel dramma, a far trasparire tramite brillanti trovate tutta la sua solitudine e la sua voglia di rivalsa. Peccato per il ridondante e poco credibile segmento aziendale, ma il film non si dimentica.
I gusti di Deepred89 (Commedia - Drammatico - Thriller)

Zender   15/4/11 8:12 - 256 commenti

Uso a comandare in caserma, una volta in pensione si sente perduto: si alza all’alba senza uno scopo, tenta la via del memoriale di guerra ma chi glielo pubblica? A contatto con un mondo che non conosce è il Totò attore più vero, lontano da frizzi e lazzi e costretto solo a scontare una sceneggiatura troppo debole per la forza del suo personaggio. Colpisce e intenerisce, porta a riflettere sulla terza età ma in fin dei conti ti saluta lasciandoti non molto più che la profondità di quel suo sguardo così umano e comunicativo che forse sì, da solo bastava a spiegare il comandante.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Prima del congedo fuori di casa: il mezzo del lavaggio strade lo evita e spegne il getto. Dopo: lavato...
I gusti di Zender (Comico - Fantascienza - Horror)

Lovejoy 2/1/08 20:55 - 1825 commenti

È un Totò malinconico, triste, molto lontano da quello che siamo abituati a vedere. In un connubio riuscito di commedia e dramma, il regista Heusch vuole mostrare l'altra faccia del grande comico napoletano, quella drammatica. E a parte qualche tempo morto di troppo, l'operazione si può dire riuscita. Ottimo anche il resto del cast con il maneggione Fabrizi su tutti. Da riscoprire.
I gusti di Lovejoy (Comico - Horror - Western)

Rambo90 12/11/17 2:11 - 5479 commenti

Tra i film del Principe meno comici uno dei migliori. La sceneggiatura di Sonego permette a Totò di mostrare appieno le sue doti di attore a tutto tondo: misurato, naturale, realistico e quasi commovente nella sua continua ricerca del rendersi utile post-pensione. La regia di Heusch è corretta quanto basta per esaltare le situazioni, non tutte indovinate ma che il protagonista tiene immancabilmente in piedi, affiancato pure da validi comprimari come la Pagnani e Fabrizi. Notevole, poco conosciuto ma da riscoprire.
I gusti di Rambo90 (Azione - Musicale - Western)

Saintgifts 2/1/15 11:09 - 4099 commenti

Mi è sembrato molto adatto Totò come protagonista in questo film: non esaltante, ma ritrae certi aspetti umani e sociali (militari compresi) in modo caustico e piuttosto realistico. La distanza che c'è tra la vita di caserma e la società civile è evidenziata al massimo da un Totò (generale in pensione) bravissimo a risultare, oltre che patetico, cieco e ingrato verso tutti, con un ego smisurato che lo pone ridicolamente al di sopra di tutto. Buona l'idea di farlo scontrare con il mondo dei palazzinari avventurieri della Roma di allora.
I gusti di Saintgifts (Drammatico - Giallo - Western)

Minitina80 20/11/16 22:02 - 1878 commenti

Al crepuscolo della sua carriera Totò ricorda a tutti le sue doti di attore drammatico interpretando un generale incapace di accettare il pensionamento. L'interpretazione è ottima e riesce a evidenziare ogni sfumatura del personaggio: la presunzione e la saccenteria di un militare ormai fuori dal tempo e le problematiche di una persona anziana. Anche il soggetto di Sonego non è male, per quanto Heusch lo allunghi qualche minuto di troppo. Tra i comprimari va ricordato Franco Fabrizi, convincente nei panni di un furbetto di quartiere.
I gusti di Minitina80 (Comico - Fantastico - Thriller)

Gabrius79 10/9/13 19:41 - 1079 commenti

Nonostante al cinema questo film non abbia avuto successo, troviamo invece un Totò insolitamente amaro e a tratti divertente in una commedia dai toni ora tristi ora allegri. Brava Andreina Pagnani nei panni di sua moglie. Qualche momento di debolezza affiora, ma ci troviamo davanti a un interessante film sicuramente da rivalutare.
I gusti di Gabrius79 (Comico - Commedia - Drammatico)

Graf 5/5/12 0:47 - 615 commenti

Bisogna capirsi: il film ha una sua commossa dignità; la sceneggiatura di Sonego, attenta alla psicologia dei personaggi e al realismo della cornice ambientale, è ben congegnata grazie al canone estetico zavattiniano del pedinamento del personaggio; il Generale Cavalli, dopo la sua collocazione a riposo, ha una profondità pirandelliana, non é più nessuno ma solo un'anima pietosa, isolata e abbandonata da tutti, la regia di Huesch è lucida e razionale, ma cosa c'entra questa storia, questo personaggio della "Roma bene" con la maschera "astorica" di Totò?

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: La scena di Villa Borghese, quando il Generale in pensione fa il saluto militare a due marinai e questi lo prendono per matto...
I gusti di Graf (Commedia - Poliziesco - Thriller)

Maxx g 4/7/16 10:16 - 404 commenti

Uno dei pochi film che annovera un Totò quasi completamente serio (d'altro canto è il personaggio che lo richiede) e spogliato del suo essere dispensatore di battute e cattiverie. ci si avvicina un poco a Umberto D., se non altro come tematica. C'è ben poco della commedia, anche se ci si sforza di mantenere un tono leggero. Merita sicuramente di essere visto e rivalutato, visto che all'epoca non ebbe un grande successo. Forse uno dei migliori dell'attore napoletano. Da ricordare un luciferino Fabrizi.
I gusti di Maxx g (Comico - Horror - Western)

Stelio 11/1/15 14:37 - 383 commenti

Totò è sempre Totò, molto più eclettico di quanto la sua carriera non dica, incredibilmente naturale: non fa eccezione uno dei pochi ruoli drammatici interpretati insieme a Uccellacci e uccellini. Il film però è un po' sommesso, sceneggiatura passabile ma di approfondimenti sui personaggi pochi. Ottimo, ma senza la grande perfomance del De Curtis non so quanto avrebbe colto nel segno.
I gusti di Stelio (Animazione - Commedia - Drammatico)

Smoker85 28/2/18 23:19 - 343 commenti

Totò dimostra ancora una volta come fosse in grado di toccare efficacemente anche note drammatiche. Il generale interpretato dal grande attore napoletano incarna l'amarezza e la delusione di chi, arrivato alla vecchiaia, viene improvvisamente messo da parte e trattato con sufficienza, talvolta anche con cinismo e cattiveria, quasi condannato a vivere gli ultimi anni dell'esistenza nell'ozio forzato, se non addirittura come un fardello da sopportare. Il finale deludente impedisce all'opera il definitivo salto di qualità.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Il generale, a disagio tra gli ospiti della moglie, accende la radio; L'incendio del condominio; La vergogna nello scoprire chi paga il suo stipendio.
I gusti di Smoker85 (Commedia - Drammatico - Fantastico)

Roger  29/7/12 21:15 - 143 commenti

In questo film colpisce (e a tratti disorienta) la maschera di Totò che, spogliata di qualsiasi fine comico, appare drammatica, perfino tetra. La sceneggiatura è interessante, con il protagonista che da una posizione di comando deve affrontare le alterne vicissitudini di pensionato inutile e manipolato. Forse con una regia più sicura, affidata a qualche altro nome, si sarebbe evitata una certa senzazione di lentezza.
I gusti di Roger (Comico - Commedia - Drammatico)

Squash 11/9/14 13:10 - 35 commenti

Il tema del film, cioè quello dell'uomo arrivato alla pensione dopo aver occupato un posto di comando, è stato trattato nel cinema sempre con difficoltà in quanto la gente non ama essere troppo rattristata al cinema, vedi il film Umberto D. Qui Totò cerca di addolcire il tema con la sua comicità e in parte ci riesce, tuttavia il Totò alto borghese piace di meno per cui dopo questo film dovrà ritornare alla sua macchietta con il frac e i lacci delle scarpe come cravattino a fare delle gag con Mina alla televisione e nella serie tv TuttoTotò.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: "Mio figlio il bello dove sta? Eccolo qua, si sta pettinando!" (Totò critica il figlio che pensa a sistemarsi i capelli durante l'incendio della casa).
I gusti di Squash (Comico - Commedia - Horror)

Peppino 13/3/11 1:31 - 1 commenti

Che bel film! Qui Totò raggiunge il vertice assoluto: non è mai comico e il suo personaggio è molto legato grazie a Rodolfo Sonego alla commedia all'italiana vera e propria che spopolava negli anni 60. Avrei preferito in regia un Risi o un Comencini, c'era molto da ottenere da un personaggio come questo, scritto in stato di grazia da Sonego e interpretato magistalmente da Totò. L'insuccesso del film è dovuto proprio alla regia, non particolarmente adatta ad un film ambizioso come questo, che doveva rivelare un Totò tragico.
I gusti di Peppino (Comico - Commedia - Drammatico)