Cerca per genere
Attori/registi più presenti

• LIVING WITH YOURSELF (8 EPISODI)

All'interno del forum, per questo film:
• Living with yourself (8 episodi)
Titolo originale:Living With Yourself
Dati:Anno: 2019Genere: fiction (colore)
Regia:Jonathan Dayton, Valerie Faris
Cast:Paul Rudd, Aisling Bea, Desmin Borges, Karen Pittman, Zoe Chao, Zach Cherry, James Seol, Gene Jones, Rob Yang
Note:Serie televisiva statunitense ideata da Timothy Greenberg e distribuita da Netflix. La prima stagione è composta da 8 episodi di circa 25 minuti ciascuno.
Visite:52
Filmati:
MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 2
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO INSERITO IL GIORNO 7/11/19 DAL BENEMERITO DANIELA

Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
  • Non male, dopotutto a detta di:
    Daniela
  • Mediocre, ma con un suo perché a detta di:
    Galbo


ORDINA COMMENTI PER:

Galbo 24/11/19 8:11 - 11095 commenti

Il proposito degli autori della serie è verosimilmente quello di trattare la clonazione con un’ottica che non sia solo ironica (come ha fatto il cinema in precedenza), ma che porti degli spunti di riflessione sul tema del doppio. I primi episodi sembrano andare in questa direzione, ma la sceneggiatura dimostra nel prosieguo di non trovare molti spunti, indecisa tra il brillante e l’intimistico. Rimane la buona interpretazione di Rudd, in un non facile ruolo “sdoppiato”.
I gusti di Galbo (commedia - drammatico)

Daniela 7/11/19 7:44 - 8602 commenti

Dopo essersi rivolto ad una presunta Spa per essere rimesso a nuovo, un pubblicitario si ritrova clonato a sua insaputa... Lo spunto, che ricorda quello di un film di Ramis, all'inizio intriga e diverte soprattutto per la bravura di Rudd nel doppio ruolo di depresso/pimpante, ma nonostante la breve durata, lo show mostra ben presto il fiato corto diventando ripetitivo. Troppo lo spazio dedicato alla figura poco interessante della moglie ed anche la trovata di mostrare i punti di vista originale/clone alternati finisce per stancare.
I gusti di Daniela (Azione - Fantascienza - Thriller)