Cerca per genere
Attori/registi più presenti

SE MI VUOI BENE

All'interno del forum, per questo film:
Se mi vuoi bene
Dati:Anno: 2019Genere: commedia (colore)
Regia:Fausto Brizzi
Cast:Claudio Bisio, Sergio Rubini, Flavio Insinna, Gianmarco Tognazzi, Valeria Fabrizi, Lucia Ocone, Dino Abbrescia, Susy Laude, Maria Amelia Monti, Elena Santarelli, Lorena Cacciatore, Cochi Ponzoni, Memo Remigi, Massimo Morini, Luca Carboni
Note:Tratto dall'omonimo romanzo dello stesso Fausto Brizzi.
Visite:251
Filmati:
M. MJ DAVINOTTI JR: MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 3
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO INSERITO IL GIORNO 18/10/19 DAL DAVINOTTI
...Ma nessuno ti vuole mai veramente bene, sostiene Diego (Bisio) parlando in macchina e rivolgendosi direttamente a noi. Così lui, malato di depressione, dopo aver cercato per un'ultima volta di trovare inutilmente conforto nelle parole di un'amica (Ocone), di una coppia che conosce da anni (Abbrescia, Laude), del padre (Remigi), della madre (Fabrizi), della figlia work-aholic (Cacciatore), dell'ex moglie acida (Monti) e del fratello artista fallito (Tognazzi), decide che è il momento di farla finita: sonnifero e in vasca, per morire annegati nel sonno. Niente da fare: il giorno dopo lo risveglia la domestica (veneta, come da tradizione) mentre dorme nudo nella vasca svuotatasi inopinatamente. Deluso, esce di casa ed entra in un negozio che sull'insegna ha scritto solo "chiacchiere". E' quasi un mondo a parte, dove Massimiliano (Rubini), il proprietario, prepara dolci e caffè per clienti che han bisogno di svagarsi. A Diego viene in mente un'idea: perché non adoperarsi in qualche modo per far star bene amici e parenti prossimi falsificando la realtà a loro uso e consumo? Aiutato da Massimiliano, da un avventore particolarmente disponibile (Insinna) e da un'avvenente barista (Santarelli), Diego studia il sistema per rendere felice ognuna delle persone a cui vuol bene assecondandone desideri e passioni. Brizzi, che scrive e dirige il film partendo dal suo omonimo romanzo, sceglie la strada della favola dissimulata per entrare in un campo diverso dal consueto, meno sbracato e più attento ai sentimenti con morale annessa. Ci perde in immediatezza però, mettendo in luce limiti nella direzione degli attori e nel dare credibilità ai personaggi. Per recuperare in brillantezza è costretto a ricorrere agli espedienti classici della farsa (il pranzo con Insinna che si destreggia in un impensabile doppio ruolo) senza i quali ci ritroveremmo tra le mani una commedia spuntata, venata di un'amarezza che nel prosieguo non mantiene le promesse di un avvio ragionato, interessante e ben interpretato da un Bisio indubbiamente in parte. Perché la ricercata imbranataggine di Insinna si fa presto poco credibile, la Ocone poco convince nella sua insistita supponenza e persino Rubini, che pure il mestiere lo conosce, si fa lezioso, debole maestro di vita con massime discutibili da grillo parlante. Più sincero e simpatico allora il facile rapporto tra ex tennisti in pensione, con il padre di Diego che sogna di poter incontrare il rivale storico (Cochi) dopo anni passati a sostenere che la semifinale con lui la perse per un fallo di piede da tutti giudicato ingiusto. Ogni soluzione scelta dal gruppo di "benefattori uniti" porterà a improbabili conseguenze negative, che poi però dovranno giocoforza risolversi positivamente in un finale interminabile che copre metà della seconda parte, in cui tutti si abbracciano, pensano, sorridono malinconicamente in attesa che ci venga servita la moraletta definitiva. Un film dalle ambizioni superiori alla sua resa, leggero e ricercatamente ingenuo, con qualche bel monologo sulla vita, un po' di qualunquismo (il critico d'arte che s'innamora della “performance” con quadro spaccato in testa) e ritmi blandi dovuti a una regia poco fluida. Struggente l'Edoardo Bennato di “Un giorno credi”, pretestuosa la partecipazione di Luca Carboni nel finale, con tanto di rappacificazione sulle note di “Farfallina”. Ci volevano più brio e magari quella voglia di divertire con brillantezza e sfrontatezza che Brizzi sembra aver perso sulla via di una mai raggiunta profondità d'analisi. Ciononostante non si può negare che la scrittura e l'arguzia di alcuni dialoghi si elevino dalla (bassa) media attuale.
il DAVINOTTI

Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione

ORDINA COMMENTI PER:

Markus 18/10/19 12:19 - 2982 commenti

Il regista mette in scena un suo romanzo che per il cinema diviene una corale commedia sentimentale di moderna concezione pensata già per la tv. Umori altalenanti, tiritere amorose, sarcasmo e un amaro di fondo: tutti ingredienti che Brizzi impiega per un modesto film, diretto con poca fermezza. Tolto Bisio, che appare a proprio agio nel ruolo (che poi è sempre quello di sempre), il restante cast brancola nel buio e la vicenda è sfilacciata, con poca consistenza. Anche il sentimentalismo proposto è fine a se stesso; non porta da nessuna parte.
I gusti di Markus (Commedia - Erotico - Giallo)

Rambo90 18/10/19 22:39 - 5970 commenti

Riecco il Brizzi che sa trovare il giusto connubbio tra risate e piccole malinconie. Una storia tutto sommato originale, il giusto pretesto per dare avvio ad alcuni momenti di divertente farsa intervallati (nel secondo tempo) da qualche riflessione. Niente di trascendentale ma diverte, anche grazie a un bel cast in cui tutti fanno bene la loro parte: da Bisio ottimo protagonista ai simpatici Rubini-Insinna, fino a un parterre femminile talentuoso (su tutte la rediviva Monti) e ai grandi vecchi Ponzoni, Fabrizi, Remigi. Notevole.
I gusti di Rambo90 (Azione - Musicale - Western)

Digital 23/10/19 22:29 - 1071 commenti

Avvocato depresso cerca di sistemare la disfunzionale vita dei suoi amici più cari con risultati tutt’altro che incoraggianti. Commedia di scarso valore in cui le risate faticano non poco a emergere, rimanendo per la maggior parte del tempo in un libo ove solo sporadicamente si sogghigna a denti stretti. Nel variegato cast è Bisio il mattatore indiscusso, l’unico a metterci quel quid in più; deludente la Santarelli. Film medio tendente al mediocre, dimenticabile in un battito di ciglia.
I gusti di Digital (Fantascienza - Horror - Thriller)