Cerca per genere
Attori/registi più presenti

A MANO DISARMATA

All'interno del forum, per questo film:
A mano disarmata
Dati:Anno: 2019Genere: biografico (colore)
Regia:Claudio Bonivento
Cast:Claudia Gerini, Mirko Frezza, Francesco Pannofino, Daniele Monterosi, Maurizio Mattioli, Francesco Venditti, Milena Mancini, Andrea Giannini, Licia Amendola, Stefano De Sando, Lorenzo Roma, Claudio Vanni, Emanuela Fanelli, Rodolfo Laganà, Nini Salerno, Claudio Botosso
Note:Ispirato al libro di Federica Angeli, che indagò sulle infiltrazioni mafiose a Ostia.
Visite:279
Filmati:
M. MJ DAVINOTTI JR: MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 5
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO INSERITO IL GIORNO 7/6/19 DAL BENEMERITO DIGITAL POI DAVINOTTATO IL GIORNO 8/6/19
Una storia importante, quella di Federica Angeli; la storia di chi ha contribuito a liberare (parzialmente) Ostia dal giogo della mafia degli Spada (che qui diventano Costa). Non si creda però che il film racconti i complessi intrighi di denaro e potere che hanno lentamente contribuito a svelare gli affari di questa famiglia egemone, perché il film si concentra quasi esclusivamente sull'impatto che l'inchiesta della giornalista (interpretata con bella autenticità dalla Gerini) ha avuto sulla sua vita privata. Quindi, al di là di un primo tentativo di intervista agli occupanti dello stabilimento "Village" conclusasi tra le chiare minacce del boss Calogero Costa (Frezza), del procedere delle indagini non si ha contezza alcuna. Certo, si vede come il suo superiore alla redazione di Repubblica (Pannofino) cerchi di far capire alla Angeli di non insistere troppo, ma sono parole slegate da circostanze precise, che una volta di più dimostrano quanto il film concentri l'attenzione sui personaggi molto più che sulla storia, quindi sui rapporti della Angeli con chi la circonda. Non solo il marito (Venditti), preoccupato per i figli prima ancora che per se stesso, ma anche la madre, la sorella, l'amica di lunga data... Tutti o quasi sembrano voler dipingere Federica come un Davide che tenta l'impossibile attacco a Golia, mentre la Gerini è brava a mostrare quanto la protagonista agisca in un determinato modo non per potersi mostrare eroica ma perché sente di non poter fare altrimenti, di non poter accettare oltre le insopportabili prevaricazioni dei Costa sulla povera gente di Ostia. E' la dimostrazione limpida di come una coscienza civile in troppi casi comporti, prima ancora che una serie di restrizioni gravi della propria libertà (le assegnano presto una scorta per proteggerla), l'ostracismo da parte di chi pensa prima di ogni cosa alla propria incolumità. Il costante tentativo di far rientrare Federica nei ranghi diventa il vero leitmotiv del film; una pressante, opprimente richiesta di ritirare ogni denuncia per restituire il quieto vivere a chi le sta vicino. Inevitabile che anche in lei più di una volta affiori silenziosa la sensazione di aver scelto la strada sbagliata. Peccato per una regia che fatica a condurre la vicenda con la giusta incisività, perdendosi in divagazioni superflue alla ricerca di un lirismo che si sposa qui al tema solo artificiosamente (la lunga sosta solitaria in spiaggia), senza che mai si capisca quali punti nevralgici l'inchiesta abbia colpito. Personaggi come il bieco imprenditore interpretato da Mattioli in un veloce cameo sembrano dire e fare esattamente quello che ci si aspetta senza che questo aiuti a inquadrare meglio la vicenda. Si sommano le minacce di varia natura, si avverte la preoccupazione di Federica per i figli, la sua incredulità nell'ascoltare le indicazioni limitanti degli uomini della scorta. La Gerini è brava a far trasparire i sentimenti della protagonista senza mai lasciarsi andare a reazioni inconsulte, così come lo sono Venditti e i ragazzini che interpretano i figli nel seguirne le tracce. Curiose le scelte per le seconde linee: Rodolfo Laganà come vecchio boss capofamiglia, Ninì Salerno alla caserma dei carabinieri, Stefano De Sando come suo superiore, Claudio Botosso a capo del municipio di Ostia. Il migliore è però un luciferino Mirko Frezza assolutamente perfetto come incarnazione del prepotente nemico da combattere, unico vero pezzo da 90 a spiccare tra i volti anonimi dei Costa. Modesta tuttavia in generale la direzione del pur buon cast; perfino la Gerini, che come detto per il ruolo indubbiamente calza, sembra talvolta un po' sperduta o costretta a sottostare a dialoghi modesti e a offrire una voce fuori campo che compare d'improvviso nella seconda parte senza un vero perché. Meno cinematografico dello sperato, zoppicante nel ritmo, distante dalla cupa realtà territoriale che racconta, resta comunque un discreto esempio degli effetti sul quotidiano che subisce chi intraprende nella vita una svolta coraggiosa.
il DAVINOTTI

Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione

ORDINA COMMENTI PER:

Markus 10/6/19 11:46 - 2850 commenti

Raccontare la vicenda umana e professionale di Federica Angeli, giornalista che per prima ha avuto il coraggio di denunciare un clan mafioso di Ostia, non è certo un'impresa facile. Il film di Claudio Bonivento (produttore datosi alla regia) purtroppo ha il forte limite di aver perduto la battaglia: l'opera si trascina senza nerbo in un mare di parole e poche azioni. Il risultato, inutile girarci attorno, è la noia. C'è qualche buon volto del cinema, ma l'impasto nel complesso è mal assortito. Un racconto che doveva essere pensato per una fiction.
I gusti di Markus (Commedia - Erotico - Giallo)

124c 24/6/19 1:29 - 2660 commenti

Dal libro della giornalista Federica Angeli sulla sua lotta contro i boss corrotti che spadroneggiano a Ostia, un film dove a raccogliere il ruolo di protagonista è Claudia Gerini. L'attrice, circondata da un cast notevole di volti cine-tv, si cala perfettamente nel ruolo della giornalista coraggiosa, ma anche umana e vulnerabile, ed è lei che riesce a tenere lo spettatore incollato alla sedia fino alla fine grazie ai ricatti e alle minacce ricevuti da lei e i suoi familiari. Bravo Mirko Frezza nel ruolo di un boss, ma anche Rodolfo Laganà.
I gusti di 124c (Commedia - Fantastico - Poliziesco)

Rambo90 12/6/19 22:43 - 5729 commenti

Una buona sceneggiatura, che evita di scadere nel racconto alla Gomorra soffermandosi troppo su lotte di potere e prepotenze, ma anzi che ci mostra l'inedito punto di vista di chi circonda la protagonista, un punto di vista egoistico che fa indignare anche più dei criminali. Purtroppo allo script non corrisponde una confezione altrettanto buona: è un po' raffazzonata, dalla fotografia televisiva e dai movimenti di macchina troppo repentini. Brava la Gerini, che colma molte lacune di regia, per un prodotto discreto.
I gusti di Rambo90 (Azione - Musicale - Western)

Digital 7/6/19 11:57 - 977 commenti

Storia opportunamente romanzata della coraggiosa giornalista Federica Angeli, dal 2013 sotto scorta per l’inchiesta sulla criminalità organizzata di Ostia. Un film coinvolgente il cui principale punto di forza risiede in una Gerini davvero brava nel ruolo di protagonista che deve barcamenarsi tra la famiglia, un marito protettivo e le minacce sempre più perniciose dei criminali che si è messa contro. Cast di contorno scelto con grande acume, con menzione d'onore per un Mirko Frezza in grande spolvero come feroce boss dei Costa. Notevole!
I gusti di Digital (Fantascienza - Horror - Thriller)

Bubobubo 16/6/19 20:56 - 805 commenti

Unico e innegabile pregio, quello di aver reso giustizia - con tempistiche quasi da instant movie - al tormentato calvario personale di Federica Angeli, per anni ostaggio delle gang mafiose di Ostia. Il resto è molto sotto le aspettative: regia del tutto inadeguata (pollice in giù per un paio di fade to black e per la voce off screen finale), dialoghi a tratti ridicoli, una brutta e trascurata fotografia televisiva e un cast di contorno di scarso spessore, con l'eccezione dello spiritato Frezza. Onesta, ma senza picchi, la prova della Gerini.
I gusti di Bubobubo (Drammatico - Horror - Thriller)