Cerca per genere
Attori/registi più presenti

7 UOMINI A MOLLO

M. MJ DAVINOTTI JR: MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 4
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO INSERITO IL GIORNO 4/4/19 DAL BENEMERITO RAMBO90 POI DAVINOTTATO IL GIORNO 9/4/19
Lo sport di squadra come aggregante e salvifico rifugio per vite travagliate di uomini depressi o falliti. Sembra di rivedere LA MOSSA DEL PINGUINO, per rimanere a tempi recenti, in cui al curling si sostituisce una disciplina altrettanto scarsamente praticata come il nuoto sincronizzato maschile. I sette uomini del titolo (se ne aggiungerà un ottavo solo in seguito) sono iscritti a un corso in cui sperano di annegare i loro drammi interiori. Non pare possano ambire a traguardi che oltrepassino il minimo consentito per non sfigurare, ma la loro istruttrice (Efira), a sua volta poco felice e dipendente dall'alcool, cerca di insegnar loro ad impegnarsi quanto più possibile. E ancor meglio farà la sua amica in carrozzella (Bekhti), che la sostituirà quando lei si scoprirà in pessime condizioni psicofisiche. Loro, i sette uomini, si ritrovano in piscina ma ne seguiamo le vicende anche extra-sportive (non di tutti curiosamente, visto che almeno due restano sullo sfondo e poco si sa di quel che fanno): c'è chi ha problemi con la moglie per via di un carattere intrattabile, chi già separato abita in un camper suonando live dopo il Bingo tra i muti rimproveri della figlia, chi dirige un'azienda sull'orlo del fallimento, chi lavora in piscina occupandosi di tenerla in ordine, chi da due anni non trova lavoro ed è preda di un'acuta depressione. E' da quest'ultimo (Amalric) che prende il via la vicenda: trasandato, sembra che non gli importi nulla di sé e di una moglie che lo ama compendendo quanto sia in difficoltà. Letta l'inserzione del corso, si presenta ed è subito arruolato. Il ritrovarsi ogni tanto non regala tuttavia alle loro vite il significato che cercano e per questo si mettono in testa di partecipare alle Olimpiadi di specialità in Norvegia. E' la trafila classica del film sportivo: l'uomo comune, sovente sfortunato, che attraverso il "duro" allenamento punta a raggiungere alti obiettivi. La storia, di per sé vista e stravista, viene però arricchita da una sceneggiatura che Gilles Lellouche (autore soprattutto dei dialoghi) sa scrivere con acutezza: le battute – magari non sempre esplosive – sono presenti in buon numero; affidate alle facce giuste arrivano di frequente al bersaglio, alternate a momenti più riflessivi in cui era impossibile non portare lo spettatore a ragionare sullo stato dei protagonisti e sui rapporti con chi sta loro intorno. Affrontano i problemi in modo diverso: alzando la voce o lasciandosi andare, o magari accettando la propria condizione; come Simon (Anglade), che si è autoprodotto dischi che non compra nessuno ma sa ugualmente essere felice, con o senza figlia. Poi il viaggio in Norvegia nell'ultima parte, più legata classicamente alle esibizioni sportive e nella quale tutti i nodi verranno al pettine: ce la faranno i nostri eroi a conquistare una medaglia rendendo orgogliose di loro le persone che prima li avevano perlopiù disprezzati? Decisamente lunga (oltre due ore), è una commedia con ogni evidenza più curata della media, ben diretta e a tratti efficacissima, pur se le scene in cui invece si ricade in un didascalismo fuori luogo lasciano un po' di amaro in bocca (per quanto certi paesaggi norvegesi lascino talvolta col fiato sospeso)...
il DAVINOTTI

Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione

ORDINA COMMENTI PER:

Galbo 7/4/19 19:53 - 10786 commenti

La Francia ancora una volta sugli scudi per una riuscita commedia sportiva, che riunisce alcuni dei migliori attori francofoni (Amalric, Canet, Poelvoorde) diretti dal collega Lellouche. Opera molto ben scritta, divertente e coinvolgente, tenera e malinconica nel soffermarsi su un gruppo di uomini sofferenti e strapazzati dalla vita, che trovano un inaspettato riscatto nelle acque di una piscina. Diverte e fa pensare.
I gusti di Galbo (commedia - drammatico)

Daniela 5/4/19 23:36 - 7712 commenti

Frequentando la stessa piscina, alcuni quarantenni alle prese con problemi familiari e/o lavorativi si ritrovano compattati in una squadra di nuoto sincronizzato, disciplina che in campo maschile viene presa poco sul serio e sbertucciata... Lo sport come terapia e strumento di riscatto non è certo un tema nuovo ma il film di Lellouche, per la prima volta solo regista e non anche interprete, è fresco, simpatico. L'epilogo eccede in ruffianeria, contraddicendo lo spirito decoubertiniano, ma è impossibile non fare il tifo per questo gruppo di depressi/sfigati che riesce a risollevare la testa.
I gusti di Daniela (Azione - Fantascienza - Thriller)

Rambo90 4/4/19 16:26 - 5587 commenti

7 uomini dalle vite a pezzi, tra depressioni, separazioni e bancarotta, ripongono tutte le loro speranze in una squadra di nuoto sincronizzato maschile. Una commedia amara, malinconica, girata molto bene con un perfetto equilibrio tra battute (alcune fulminanti) e momenti più tristi. Un grande cast corale, dove tutti sono in parte e una regia che riesce a dare il giusto ritmo a un'avventura leggera e che coinvolge, con la sua morale sul riscatto che convince appieno. Buone le caratterizzazioni, molto vicine alla realtà. Da non perdere.
I gusti di Rambo90 (Azione - Musicale - Western)

Kinodrop 10/4/19 20:53 - 974 commenti

Un gruppo di "ragazzoni" di mezza età, con alle spalle problemi familiari e relazionali, si organizza in una squadra di nuoto sincronizzato per dare una svolta positiva alla propria vita, ponendosi come fine addirittura la partecipazione olimpica. Lellouche dirige con stile e felice leggerezza una commedia che attira subito per l'autenticità dei caratteri e delle situazioni, tutte volte al raggiungimento di un'impresa molto ardua. Molte e discrete le citazioni di commedie analoghe, da Full monty a Grazie, signora Thatcher, per dirne alcune. Cast perfetto.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: L'equipe un po' troppo in carne; Il cambio di coach, dalle poesie alle bastonate; I duri allenamenti; La scelta delle musiche.
I gusti di Kinodrop (Commedia - Drammatico - Thriller)