Cerca per genere
Attori/registi più presenti

BATTAGLIA SULLA SPIAGGIA INSANGUINATA

All'interno del forum, per questo film:
Battaglia sulla spiaggia insanguinata
Titolo originale:Battle at Bloody Beach
Dati:Anno: 1961Genere: guerra (bianco e nero)
Regia:Herbert Coleman
Cast:Audie Murphy, Gary Crosby, Dolores Michaels, Alejandro Rey, Marjorie Stapp, Barry Atwater, E.J. André, Dale Ishimoto, Lillian Bronson, Miriam Colon, Pilar Seurat, William Mims, Ivan Dixon
Visite:79
Filmati:
Approfondimenti:1) TUTTI GLI SQUALI AL CINEMA E IN TV
M. MJ DAVINOTTI JR: MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: n.d.N° COMMENTI PRESENTI: 0
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO INSERITO IL GIORNO 10/3/19 DAL DAVINOTTI
Durante l'occupazione giapponese delle Filippine un manipolo di soldati americani giunge in sommergibile su di un'isola dove sono rifugiati alcuni loro connazionali. Appena sbarcati un agguato nipponico ben poco credibile: due militi del Sol Levante, appostati tra gli alberi, si accorgono dei nuovi arrivati e uno dei due punta il fucile. L'altro gli fa segno di no: meglio catturarli. Escono quindi insieme allo scoperto e giunti allo scontro vengon presi brutalmente a pugni dagli statunitensi, che li accoppano. Se il nemico ragiona così c'è poco da spaventarsi, si direbbe... A guidare gli americani tale Craig Benson (Murphy), che sta girando il Pacifico alla ricerca della moglie scomparsa. La troverà? Non è difficile immaginarlo. Anche se non subito (prima c'è spazio per incontrare un compatriota stabilitosi lì con allegre filippine a fargli dolce compagnia o un feroce doppiogiochista che ci fa capire come la situazione sia molto “fluida”, sul campo di battaglia), la bella Ruth (Michaels) salterà fuori. Qualcosa però è cambiato, in lei: diciamo pure che lì sull'isola ha nel frattempo sostituito il povero marito con un belloccio in armi per l'indipendenza filippina, col quale ha deciso di sposare la giusta causa. Le brutte sorprese della vita. Benson ci mette un po' a capire cosa le sia successo (e dire che non pare difficile...), ma intanto non c'è troppo tempo da perdere in smancerie; tocca prepararsi alla battaglia del titolo. La seconda parte è infatti occupata da un lungo assedio girato sulla spiaggia: gli americani, riparati nel relitto di una grossa imbarcazione arenata, rispondono al fuoco e azzardano strategie alternative (c'è anche chi tenterà una sortita via mare finendo preda di uno squalo in una delle primissime scene di shark attack della storia, con tanto di primi piani del pescecane). Poco da ricordare nel complesso, perché il siparietto in casa con la filippina che serve in tavola stufato di scimmia (alla faccia disgustata col cucchiaio a mezz'aria: "Se non le va lo stufato possono prepararle un fritto di cavallette" "Ehm.. no... perché? E' squisito...") o gli struggimenti sentimentali della coppia ritrovata non possono proprio considerarsi valore aggiunto. Nella norma la recitazione dei protagonisti, con una fugace parte per William Mims nel ruolo del laido generale M'Keever che prova ad emergere salendo sopra le righe con fare da Orson Welles. Si respira comunque il dramma della guerra e la battaglia sulla spiaggia (davvero insanguinata, a contare i cadaveri) ha i suoi buoni momenti di spettacolarità.
il DAVINOTTI