Cerca per genere
Attori/registi più presenti

LA FAVORITA

MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 15
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO INSERITO IL GIORNO 13/1/19 DAL BENEMERITO BUBOBUBO

Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione


ORDINA COMMENTI PER:

Cotola 2/2/19 14:14 - 6870 commenti

Apparentemente lontano dagli altri film del regista greco, è in realtà una pellicola molto lanthimosiana. Raramente la corte è stata così priva di dignità: su tutto si pensi alla corsa delle anatre ed al lancio dei melograni con bersaglio umano. Alla fine vincono prepotentemente dolore e solitudine umana. Il tutto incorniciato in una confezione di grande splendore e bellezza visiva (la fotografia ricorda quella di Barry Lindon) cui si perdona qualche vezzo registico (l'uso del grandangolo), secondo i più evitabile. Il tris di protagoniste è eccezionale. Un grande e bellissimo esempio di cinema

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Gli spruzzi di sangue sul volto della Weisz; Il piede di Abigail sul coniglio; Il lancio dei melograni; La corsa delle anatre. .
I gusti di Cotola (Drammatico - Gangster - Giallo)

Daniela 8/2/19 9:05 - 7718 commenti

Dopo aver diretto alcuni dei film più bizzarri e disturbanti degli ultimi anni, Lanthimos spiazza decidendo di raccontare, ispirandosi a fatti storici, la rivalità di due dame nella corte della regina Anna d'Inghilterra: il timore di una sua "normalizzazione" svanisce però già dalle prime sequenze. Certo si tratta di un dramma di ambientazione settecentesca raccontato con grande eleganza formale, ma la "cattiveria" è rimasta, come pure il gusto per lo sberleffo grottesco. Spettacolo di gran classe a cui danno un contributo fondamentale tre attrici in stato di grazia in gara di bravura.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: L'arrivo di Abigail a corte; La gara delle papere; Il tiro al piattello/volatile; Il tacco che schiaccia il coniglio/figlio.
I gusti di Daniela (Azione - Fantascienza - Thriller)

Caesars 4/3/19 10:35 - 2426 commenti

Va bene, le tre attrici sono bravissime e fanno a gara a chi fornisce la performance più convincente, la cura formale e tecnica è notevole (fors'anche eccessiva). Però il film è di una noia mortale, ed è difficile appassionarsi a quanto avviene sullo schermo. Uomini descritti come inutili accessori, dediti a trastulli idioti, mentre i giochi seri li fanno le donne. Boh. Tra l'altro la scelta di usare il linguaggio del giorno d'oggi e inserire sketch come quello del ballo, assolutamente moderno, non si capiscono. Irritante.
I gusti di Caesars (Drammatico - Horror - Thriller)

Deepred89 2/3/19 13:53 - 3075 commenti

Bella sfida al femminile tra seduzioni saffiche e tradimenti, ambientato in un Settecento raffinato ma dal forte retrogusto rancido. Lanthimos esagera coi grandangoli ma modera le provocazioni, giostrando con notevole abilità un climax che ascende fino a mezz'ora dalla fine per poi stabilizzarsi un po' troppo, fino a un finale decisamente non appagante. Emma Stone, pur rimanendo l'elemento più debole del (notevole) cast, funziona meglio del solito. Colonna sonora con qualche soluzione interessante.
I gusti di Deepred89 (Commedia - Drammatico - Thriller)

Capannelle 27/1/19 20:08 - 3520 commenti

Lanthimos esalta le sue tre brave muse e confeziona una ricostruzione dissacrante e impertinente degli intrighi di corte. Volendo strafare la condisce con inutili vezzi autoriali: il grandangolo continuo, la divisione in capitoli, gli incomprensibili titoli di coda. Ma è perdonato visto che le due ore scorrono bene e regalano dialoghi e alcune scene di grande effetto senza ricorrere a espedienti ricattatori o violenze gratuite. Un restyling del periodo classico che omaggia Greenaway e Kubrick e che pone il maschilismo fuori moda.
I gusti di Capannelle (Commedia - Sentimentale - Thriller)

Rambo90 22/2/19 16:25 - 5589 commenti

Giochi psicologici orchestrati da Lanthimos con un certo gusto per il cinismo e una regia che spesso sfida l'occhio dello spettatore. Per quanto la trama risulti prevedibile e oltremodo lenta, è innegabile la cura della messa in scena e l'ottima performance delle tre attrici protagoniste, che fanno quasi a gara nel risultare personaggi sgradevoli. Impennate qui e là, cadute di tono altrettanto frequenti. Nel complesso un buon film.
I gusti di Rambo90 (Azione - Musicale - Western)

Giùan 11/4/19 9:55 - 2566 commenti

"Concedendosi", con elegante intelligenza non priva di perdonabile compiacimento, alle ragioni "commerciali" della narrazione, Lanthimos non rinuncia alle prerogative del suo cinema. Cinismo raggelato e dolente fatidicità si piegan però ne "La favorita" a una spietatezza finalmente divertita in cui l'ironia ha modo di dispiegarsi con disincanto bunueliano (almeno nelle aspirazioni). Se il rischio è sempre quello dell'effetto acquario, il discorso "femminista" è ambiguamente "simbolico", nel mare magnum del conformismo attuale. Stone, Colman e Weisz ardono.
I gusti di Giùan (Commedia - Horror - Thriller)

Il ferrini 27/2/19 0:13 - 1397 commenti

Equilibrio pressoché perfetto fra forma e sostanza, tre attrici grandiose (Oscar indiscutibile alla Colman) per un film dalla bellezza estetica eccezionale. Colpisce l'uso frequente di fisheye, ma anche i ricercati flare in macchina o le composizioni d'immagine che paiono sfidare le simmetrie di Yeoman e Anderson. Scene di forte impatto emotivo che prescindono dalle parole (la regina che guarda gli altri ballare e da raggiante passa alla disperazione perché lei non può farlo), un linguaggio sovente spiazzante eppure mai inopportuno. Notevole.
I gusti di Il ferrini (Commedia - Thriller)

Jandileida 10/3/19 10:59 - 1095 commenti

Da far veder a tutti quelli che ammorbano figli e figle chimandoli "principini e principesse": Lanthimos tira fuori infatti tutto il putrido della corte inglese di fine 700. I temi di fondo sono quelli più cari al greco: crudeltà emotiva e sessualità usata come strumento di potere e ricatto. E come al solito si soffre un po' per un approccio troppo programmatico che scivola a volte nel costruito (anche dietro la mdp) e nell'autocompiacimento intellettuale. Il terzetto di protagoniste nobilita il film forse oltre i suoi effettivi meriti.
I gusti di Jandileida (Azione - Drammatico - Guerra)

Xamini   30/1/19 23:58 - 874 commenti

Lanthimos è fastidioso, a iniziare dalle distorsioni della lente della camera, qualcosa che mette costantemente, a volte esplicitamente altre no, lo spettatore a disagio. Il racconto è storico, non edulcorato, talora spietato, ma sempre velato di un'ironia nera, meglio, sporca, in cui i personaggi si calpestano a vicenda, si divorano (qualcuno ci prova fisicamente), cercano di soggiogare, raggirano, mirano a uno stato di felicità che rimane indefinito e dolorosamente non raggiunto (impossibile?). Non arriviamo alla forza di certe scene e concetti delle ultime due opere, ma indubbiamente il tono resta cupo.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: La locandina; l'inquadratura finale con i volti sovrapposti.
I gusti di Xamini (Commedia - Drammatico - Fantastico)

Lou 27/1/19 9:13 - 776 commenti

Inizio Settecento: l’Inghilterra è in guerra con la Francia e la regina Anna, viziata, malata e inadeguata a governare, trova sostegno nella spregiudicata lady Sarah, finché non arriva la giovane e avvenente Abigail. Relazioni pericolose tutte al femminile in un quadro desolante dell’ambiente di corte, tutto dedito ai piaceri della carne e alla lotta per il potere, che Lanthimos ritrae con impietosa ironia. Grande la cura delle scene e delle immagini, ottimo il tris di attrici. Ma nell’ultimo quarto d’ora inizia a subentrare la noia.
I gusti di Lou (Avventura - Azione - Drammatico)

Nancy 3/2/19 10:44 - 754 commenti

Il film "atipico" di Lanthimos è in realtà intriso della sua cinica visione del mondo, distorto dai rapporti di potere e tuttavia mai algido, anzi ben colorito di sfumature umoristiche e sarcastiche. L'intento era forse dissimulare un Settecento molto più simile ai giorni nostri, togliendo le patine che spesso vengono associate ai parrucconi nobili: in questo riesce benissimo e diverte molto. A parte la bravura di tre attrici protagoniste, che da sola varrebbe tutto il film; in più ci sono le scenografie, i costumi, le musiche, la regia.
I gusti di Nancy (Commedia - Drammatico - Thriller)

Bubobubo 13/1/19 16:48 - 714 commenti

Alle critiche di monotonia, l'astuto Lanthimos applica la tecnica-Cronenberg: un soggetto apparentemente agli antipodi dei suoi classici, la cui sostanza è tuttavia fedelissima alla tradizione. Dietro il pretesto delle macchinazioni storiche di palazzo e di una campagna militare buzzatiana c'è un incredibile triangolo di odi et amo tra regina viziata (Colman), amante calcolatrice (Weisz) e cugina in disgrazia più cinica di lei (Stone): come se Barry Lyndon avesse ingoiato il codice etico e linguistico degli slum. Avvolgente, ironico, micidiale.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: La gara di corsa delle anatre; Il sangue del piccione sul volto di Lady Sarah-Weisz; Il lancio dei melograni; Il tacco di Abigail-Stone sul coniglio.
I gusti di Bubobubo (Drammatico - Horror - Thriller)

Ira72 6/2/19 14:19 - 675 commenti

Non è l'ennesimo anonimo film in costume. E nemmeno un inverosimile biopic. O meglio: è entrambe le cose, ma gli accadimenti sono piuttosto fedeli alle ricostruzioni storiche e lo stile è assolutamente personale (creativo, innovativo, bizzarro, a tratti grottesco). Ed è grazie alla propria abilità (artistica e registica) che Lanthimos ben rende questa sconfinata e desolante gabbia dorata in cui la malconcia Regina incespica e si perde. A tenerle compagnia diciassette conigli, surrogati di bambini mai nati, due intime amiche (forse) e tanti avidi leccapiedi.
I gusti di Ira72 (Documentario - Horror - Thriller)

Noncha17 24/1/19 22:22 - 77 commenti

Alla corte della prima regina del Regno di Gran Bretagna arriva un'infangata Emma Stone, ed è subito competizione! Abigail (apparentemente fragile) sa di avere fascino e già da subito lo usa per migliorare la propria esistenza, a discapito della cugina agiata Sarah (chi comanda a palazzo). L'opera - divisa in capitoli con titoli di frasi dette dalle protagoniste - è una sorta di Barry Lyndon "concentrato" al femminile in salsa Greenaway. E il tono musicale è così "assillante" che, assieme alle riprese a lume di candela, trasmette la sensazione di trovarcisi, in quegli stessi intrighi!

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: I 17 figli; In fuga dalla biblioteca; La musica "stoppata"; Trascinata dal cavallo; Il matrimonio istantaneo; Lo stile dei titoli di testa & coda.
I gusti di Noncha17 (Azione - Fantascienza - Giallo)