Cerca per genere
Attori/registi più presenti

CLIMAX

MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 5
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO INSERITO IL GIORNO 11/10/18 DAL BENEMERITO DEEPRED89

Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
  • Un film straordinario, quasi perfetto! a detta di:
    Schramm
  • Davvero notevole! a detta di:
    Bubobubo
  • Quello che si dice un buon film a detta di:
    Deepred89
  • Scarso, ma qualcosina da salvare c'è a detta di:
    Cotola
  • Gravemente insufficiente! a detta di:
    Herrkinski


ORDINA COMMENTI PER:

Schramm 28/7/19 16:35 - 2338 commenti

Può la Meraviglia assumere i connotati dell'Incubo e viceversa? Domanda più retorica che mai se ce/se la pone Noè. Dall'albedo della vitalità cosmica della danza di Kalì (pirotecniche coreografie che si vorrebbero infinite) al melmoso sentore di orgia strisciante su fino alla nigredo d'una democratica totentanz che non lascia scampo né dentro il film né in platea. È solo apparentemente il Noé meno sadico, sleale e canagliesco, anzi in questo irrattoppabile sbrego all'occhiello del più spregevole sentimentalismo il Male più indiscriminato, cieco e inarginabile concia letteralmente per le feste.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Il titolo falsamente smentito partendo dagli end credits e la coreografia mostrata dal punto di vista meno privilegiato, per meglio accentuarla.
I gusti di Schramm (Drammatico - Fantastico - Horror)

Cotola 11/3/19 21:59 - 7042 commenti

Noé sa il fatto suo, da un punto di vista tecnico: ciò è indubbio. E anche questo film lo conferma. Ma quanto si punta tutto sull'estetica fine a se stessa e, tra l'altro, per nulla originale (le soluzioni stilistiche adottate dal regista sono tutte presenti nelle altre sue opere), la situazione non può che essere delle peggiori. Meno nichilista che in altre suoi film, qui Noè non ci regala un'idea che sia una, né guizzi che riscattino la totale mediocrità dell'insieme nonché la noia totale che avvolge lo spettatore, "costretto" com'è a sorbirsi infiniti dialoghi privi di contenuto.
I gusti di Cotola (Drammatico - Gangster - Giallo)

Deepred89 12/10/18 0:22 - 3112 commenti

Un Saranno famosi ossessivo e lisergico che deflagra in zona Doom generation. Al timone un Noé tecnicamente ispiratissimo, talvolta tentennante nella gestione dell'ascesa del suo climax (troppi giri a vuoto nella prima parte, troppa aria fritta nella seconda) e magari incapace di appagare fino in fondo, ma in grado di creare un'atmosfera sensorialmente potente e stordente pur tenendo a freno sesso e violenza. Cromatismi argentiani ma grana sporca: nonostante i rimandi espliciti al regista romano, più Quel motel vicino alla palude che Suspiria.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Il bambino e tutto quello che gli capita.
I gusti di Deepred89 (Commedia - Drammatico - Thriller)

Herrkinski 26/2/19 2:59 - 4439 commenti

Il punto più basso della filmografia di Noé; davvero ci si può ancora stupire per i piani sequenza interminabili, l'uso straniante della mdp, la fotografia dai forti toni rossi e la costante ost dance? Tutto già visto negli altri suoi film e meglio, ma in tal caso aggiungere mezzo punto al giudizio per la mera tecnica. Un esercizio di stile senza alcuno script; i primi 50 minuti sono dialoghi indie di nessun interesse, il resto gente in preda a un trip che si dimena, urla, piange, si fa male. Assenza completa d'idee e noia che regna sovrana.
I gusti di Herrkinski (Azione - Drammatico - Horror)

Bubobubo 7/2/19 18:15 - 880 commenti

Si riparte dagli infernali, spiraliformi antri cremisi del Rectum, nell'aula magna di una scuola abbandonata dove si alimenta l'orgia autofaga di un corpo di ballo non granché omogeneo, spinto oltre ogni limite dalla nascosta somministrazione di un allucinogeno... Entomologo Noé a rapporto: è ancora pura estetica, è ancora percezione a tratti senza narrazione, ma è soprattutto una mefistofelica rivisitazione dell'horror di genere (contate i titoli impilati a lato della tv nelle scene iniziali...). Si balla, si ride, si piange, si muore.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Il destino di Toto.
I gusti di Bubobubo (Drammatico - Horror - Thriller)