Cerca per genere
Attori/registi più presenti

I 4 MONACI

M. MJ DAVINOTTI JR: MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 1
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)
Seguendo i primi cinque minuti sembrerebbe che avessimo a che fare col solito film a episodi modellato sui vari UN GIORNO IN PRETURA, con le quattro ôstarö (Peppino De Filippo, Macario, Nino Taranto e Aldo Fabrizi) che arrivano a turno sul banco degli imputati per raccontare ognuno la propria storia. E invece no: gli sceneggiatori Bruno Corbucci e Gianni Grimaldi, partendo da un'idea di Gianni Buffardi, provano a far coesistere i quattro facendoli recitare quasi sempre assieme o combinati. La storia racconta di due truffatori (Fabrizi e De Filippo) che, dopo aver letto di frati profughi che ricevono dalla Chiesa soldi e assistenza, decidono di chiamare due amici (Taranto e Macario) e di fingersi tutti insieme monaci magiari in fuga dal loro Paese per ottenere i previsti privilegi. Ovviamente le cose non andranno per il verso giusto e le varie traversie porteranno i quattro monaci ad effettuare bonari ricatti, estorsioni e tutto quello di cui sono accusati in tribunale. Il flashback fortunatamente Ŕ unico (non ci sono inutili ritorni in udienza se non alla fine) e la storia non Ŕ forse nemmeno delle peggiori. Ma la sceneggiatura Ŕ penosa e i quattro improvvisano poco e a fatica come se cercassero un vero leader in grado di guidarli. Macario, con il suo umorismo surreale e ingenuo, Ŕ il pi¨ fuori luogo: la sua comicitÓ piemontese mal si sposa con quella romana (Fabrizi) e napoletana (De Filippo e Taranto), molto pi¨ invadente e verace. Ci sono qualche buona scena e una volontÓ stimabile di contenersi da parte di tutti, ma si ride poco. Stelvio Massi Ŕ l'operatore alla macchina, Enzo Barboni il fotografo.
il DAVINOTTI

Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione

Rambo90 19/5/10 16:21 - 5945 commenti

Divertente commedia di truffe e imbrogli che mette insieme 4 assi della risata: Fabrizi, Peppino, Taranto e Macario. I quattro interagiscono alla perfezione (avevano giÓ lavorato insieme combinati a coppie in altre occasioni) e lÓ dove la sceneggiatura arranca ci pensa la loro smisurata arte a fare da supporto. Tanti i momenti divertenti, buona la regia dell'esperto Bragaglia. AvrÓ un discreto successo e infatti la formula sarÓ ripetuta altre tre volte (I 4 moschettieri; i 4 tassisti; Tot˛ contro i 4 con l'aggiunta appunto di Tot˛).

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Macario che finge di mangiare un piatto di agnolotti davanti a un Fabrizi esasperato.
I gusti di Rambo90 (Azione - Musicale - Western)