Cerca per genere
Attori/registi più presenti

LADRI DI BARZELLETTE

M. MJ DAVINOTTI JR: MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 7
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)


Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione

ORDINA COMMENTI PER:

Mascherato 20/7/08 1:30 - 583 commenti

La sfrontatezza di questo progetto è nel far mettere in gioco un regista (che si sforza di essere preso sul) serio come Aurelio Grimaldi e costringerlo a mettere in gioco se stesso ed anche la sua Trilogia su Moro. In realtà, Ladri di barzellette, in barba al low budget, dice molto di più sulla crisi del cinema italiano di quanto facciano convegni e dibattiti. Una sequenza come quella nella sede dei Ds (con i due responsabili che nicchiano di fronte al progetto su Moro, ma si esaltano sentendo parlare del sequel di Le barzellette) entra di diritto nel database della satira politica italiana.
I gusti di Mascherato (Fantascienza - Horror - Thriller)

G.Godardi 13/7/07 16:51 - 950 commenti

Aurelio Grimaldi vuole girare la Trilogia su Moro ma il suo produttore gli impone Le Altre Barzellette, sequel apocrifo del successo di Vanzina. Mentre si cerca di girare il film vi si alternano le barzellette. Curioso tentativo di coniugare vis polemica, film d'autore e trash non senza con una certa dose di "paraculaggine" piuttosto esibita. Non riuscitissimo ma comunque simpatico, con un sacco di camei. In alcuni frangenti anticipa addirittura Il Caimano. E' quasi l'anello di congiunzione tra i film degli Squallor e Moretti! Un'occhiata la merita.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: La riunione nella sede dei DS, le scene con Partexano e il cameo di Vitali.
I gusti di G.Godardi (Horror - Poliziesco - Thriller)

Fabbiu 17/2/07 10:21 - 1895 commenti

Diciamo che è interessante (più che altro particolare) e che per tutta la durata conserva un certo carattere di "sperimentazione". Non contiente niente però di veramente autentico e da valorizzare. Per non parlare di Alvaro Vitali, alle prese con un'interpretazione talmente misera da deludere anche i suoi vecchi fan.
I gusti di Fabbiu (Commedia - Fantascienza - Fantastico)

Rambo90 7/2/10 18:09 - 5944 commenti

La storia del film nel film funziona bene e potrebbe anche divertire l'autoironia di Grimaldi... A non funzionare sono proprio le barzellette, che spezzettano il film troppe volte e che non sono mai davvero divertenti. Il cast di comprimari non è all'altezza e in più di un momento si sfiora la noia, simpatica la comparsata di Alvaro Vitali, sempre in gran forma comica.
I gusti di Rambo90 (Azione - Musicale - Western)

Il Dandi 23/4/18 23:27 - 1604 commenti

Il titolo fa pensare a un rip-off apocrifo del film di Vanzina, sulla scorta dei Pierini con Giorgio Ariani; questo è invece solo il film nel film, che il pasoliniano Grimaldi (nei panni autoironici di sé stesso) è costretto a girare in attesa di una trilogia sul caso Moro. Non male il profilo meta-cinema, che fra produttori millantatori e desolanti provini costruisce uno squallido backstage che anticipa Boris; a difettare sono invece le barzellette in sé, la "commedia plautina" per la quale viene scomodato come consulente Alvaro Vitali.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: La visita di Grimaldi alla sede del Partito; L'epifania dell'imbolsito Alvaro Vitali.
I gusti di Il Dandi (Giallo - Poliziesco - Thriller)

Tomastich 4/2/10 10:33 - 1209 commenti

Gli incubi di un regista intellettuale militante, diessino, per la produzione di un film sulle barzellette. La simpaticissima maschera napoletana, Bruno Colella, mette in scena un non-film, fatto di sketch, situazioni comiche e barzellette. Alcune parti strappano un sorriso, altre meno.
I gusti di Tomastich (Animali assassini - Horror - Thriller)

Fedemelis  28/1/14 23:16 - 31 commenti

Un film nel film che racconta un film. Anticipa con autoironia quello che vedremo in Boris il film sul mondo poco pulito che ruota intorno al cinema; essendo lui stesso un prodotto commerciale, adattato per un pubblico "politically chic" (non casuale il riferimento politico) rispetto alla massa. Buona intepretazione di Vitali, che riesce a far ridere con un personaggio triste più di tutte le barzellette narrate e interpretate.
I gusti di Fedemelis (Comico - Commedia - Documentario)