Cerca per genere
Attori/registi più presenti

IL CONTAGIO

MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 3
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO INSERITO IL GIORNO 14/6/18 DAL BENEMERITO GALBO

Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
  • Quello che si dice un buon film a detta di:
    Pinhead80
  • Non male, dopotutto a detta di:
    Galbo
  • Mediocre, ma con un suo perché a detta di:
    Piero68


ORDINA COMMENTI PER:

Galbo 14/6/18 5:31 - 10645 commenti

Storie di personaggi emarginati a vario titolo, che ruotano intorno ad un caseggiato popolare della periferia romana. Personaggi quasi “pasoliniani” e un’ambientazione funzionale, per una storia che dipinge il quadro di una società deviata e corrotta non nuova per il cinema ma rappresentata con una certa efficacia, benché il film funzioni più nella prima parte, mentre è più convenzionale e prevedibile nella seconda. Tra gli attori, ottime le performance di Marchioni, della Foglietta e di un inedito Salemme. Non male.
I gusti di Galbo (Commedia - Drammatico)

Pinhead80 14/10/18 13:52 - 3086 commenti

Le vite delle persone che abitano tutte in un caseggiato popolare di Roma s'intrecciano fra di loro al punto da rimanere coinvolte in una spirale di violenza. La criminalità serpeggia e utilizza il popolino per diramare i suoi traffici illegali, rendendoli schiavi e dipendenti. La felicità è un lusso che nessuno è in grado di garantirsi e i colpi più bassi arrivano proprio dalle persone che dovrebbero starti più vicino. Salemme, inoltre, dimostra di cavarsela bene anche in un ruolo drammatico.
I gusti di Pinhead80 (Documentario - Fantascienza - Horror)

Piero68 8/10/18 10:38 - 2434 commenti

Pasolini è lontano anni luce e questa sorta di neorealismo tra le borgate produce poco e niente visto che alla base c'è una narrazione completamente slegata e una regia abbastanza incerta dall'inizio alla fine. Personaggi poi abbastanza stereotipati e mai realmente approfonditi come avrebbero dovuto e potuto. Marchioni fa quel che può mentre Salemme è un pesce fuor d'acqua e si vede. Resto del cast utilizzato a sprazzi e male. La realtà è che la regia ha paura di sporcarsi le mani fino in fondo preferendo galleggiare in una sorta di limbo.
I gusti di Piero68 (Azione - Fantascienza - Poliziesco)