Cerca per genere
Attori/registi più presenti

• CACCIA AL KILLER

All'interno del forum, per questo film:
• Caccia al killer
Titolo originale:The Killer Who Wouldn't Die
Dati:Anno: 1976Genere: action (colore)
Regia:William Hale
Cast:Mike Connors, Grégoire Aslan, Mariette Hartley, Patrick O'Neal, Clu Gulager, James Shigeta, Robert Colbert, Robert Hooks, Samantha Eggar, Tony Becker, Christopher Gardner, Todd Mason
Visite:84
Filmati:
M. MJ DAVINOTTI JR: MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 1
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO INSERITO IL GIORNO 30/5/18 DAL BENEMERITO FAUNO POI DAVINOTTATO IL GIORNO 8/6/18
Celata dietro a un caos generalizzato e a evidenti intoppi narrativi la storia ci sarebbe anche, ma fin dall'inizio il seguirla non si rivela affatto semplice. Al centro della vicenda, ambientata alle Hawaii, un ex poliziotto datosi al noleggio di barche, Karl Ohanian (Connors). A raggiungerlo lì è Harry Keller (Gulagher), un suo vecchio amico che, lo scopriamo presto, fa il doppio gioco: ha rintracciato lui per arrivare all'uomo che davvero sta cercando, tale Mack, che conosce entrambi ed è convinto che Keller sia un sicario e debba uccidere qualcuno. Purtroppo quel qualcuno è proprio lui e Ohanian non può che raccogliere il cadavere dell'amico, ucciso da Keller appostato nei pressi. Ohanian non ci mette molto a capire che Keller è l'assassino ma, prima che possa parlargli, il catamarano su cui questi è in mare viene trovato rovesciato. Dell'uomo nessuna traccia e Ohanian è certo sia ancora vivo; così, quando approda in zona una nave con a bordo un marinaio coperto da bende causa ustioni, accorre sul posto - assieme al poliziotto (O'Neal) cui ha raccontato tutto - per vedere se non si tratti proprio di Keller. Non è così, ma nel frattempo sull'imbarcazione conosce un'attraente passeggera (Eggar) che pare abbia più di qualcosa da nascondere. E siamo solo all'inizio, perché le evoluzioni sono numerose e prevedono giochi di spionaggio, personaggi che spuntano dal nulla, altri che nel nulla scompaiono... Il tutto condito dalle immancabili zuffe e da una colonna sonora rumorosissima quanto dozzinale. Buchi logici in quantità e una regia che proprio non riesce a rendere fluida la vicenda, intrappolata dalla necessità di dover spiegare troppo e di lasciar spazio di quando in quando a qualche break sentimentale. L'origine televisiva del tutto è resa evidente dalla modestia della confezione e dalla sbrigatività con cui si cerca di concludere ogni scena, fermandosi d'improvviso solo quando si tratta di fare a pugni o di ricercare una suspense purtroppo inesistente (se non quando la si inocula forzatamente come nel finale "esplosivo"). Maldestri innesti ironici (il cinese che festeggia il capodanno in barca da solo lanciando mortaretti e vestendosi da drago è decisamente ridicolo) e personaggi orientali che sembrano aggiunti giusto per confondere ancor di più le acque. Il cast, tendenziamente bollito (con la sola Eggar ancora in forma e Connors che sfoggia un ciuffo improbabile alla Little Tony), non aiuta nel coinvolgimento, a cui la sola storia - per quanto articolata - non può provvedere.
il DAVINOTTI

Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione

Fauno 30/5/18 0:55 - 1702 commenti

Non un granché questo film-tv che verte sulla caccia a un killer di professione che a quanto pare ha cambiato committente; solo l'ultimo quarto d'ora è veramente adrenalinico, anche se la presenza della bella Eggar ci delizia come sempre. Più che altro sono polpettoni la fasulla quarantena della nave e tutti i trucchetti non ben approfonditi per scambiare o far sparire le persone. Ridicola la solita voce registrata, mentre è geniale l'ubicazione dell'esplosivo per l'attentato finale. Le scazzottate son di livello discreto, al pari delle location.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Le parole stupidissime del conferenziere; La pasta di legno; Il ragionamento sulla tempistica; La vasca coi cobra.
I gusti di Fauno (Drammatico - Poliziesco - Thriller)