Cerca per genere
Attori/registi più presenti

LA FUGA DELL'ASSASSINO

All'interno del forum, per questo film:
La fuga dell'assassino
Titolo originale:The Shadow Effect
Dati:Anno: 2017Genere: thriller (colore)
Regia:Obin Olson, Amariah Olson
Cast:Jonathan Rhys Meyers, Cam Gigandet, Michael Biehn, Brit Shaw, Sean Freeland, Michael Aaron Milligan, Cullen Moss
Visite:661
Filmati:
MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 2
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO INSERITO IL GIORNO 10/4/18 DAL BENEMERITO DANIELA

Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione


ORDINA COMMENTI PER:

Daniela 10/4/18 23:44 - 7847 commenti

Tranquillo gestore di tavola calda da sveglio, nei suoi sogni spietato killer. Il problema è che gli omicidi avvengono anche nella realtà... Scombinato psico-thriller di modestissima levatura, che ha pure l'impudenza di citare la cura Ludovico. Il piano criminale in se stesso poteva anche funzionare ma è gestito malissimo. Con Rhys Meyers tanto defilato e quasi sempre ripreso a mezzobusto, il peso dell'azione ricade tutto su Cam Gigandet che non è un gadget tecnologico come sembrerebbe dal nome ma un bisteccone palestrato poco espressivo. Titolo da evitare accuratamente.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: La moglie si arrabbia con il marito perché lui ha gli incubi ed allora lo aggredisce con una mazza, e meno male che dice di esserne innamorata...
I gusti di Daniela (Azione - Fantascienza - Thriller)

Piero68 13/12/18 10:00 - 2608 commenti

Sorta di fanta-thriller concepito male ed eseguito peggio. Per tutta la durata del film spiccano l'inadeguatezza della regia - a livelli davvero bassi - e le cattive prestazioni attoriali nonostante un trio di primedonne di buon valore. Meyers fa solo una comparsata mentre Biehn, indimenticato Kyle Reese, è davvero irriconoscibile, con tanti chili in più. Gigandet è l'unico che ci prova. Ma con una regia così è davvero difficile per tutti. Narrazione sconclusionata e dialoghi di una banalità sconcertante.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: In negativo: il secondo omicidio con Gigandet in muta sub alla Diabolik (peccato che sembri Dorellik, per come si muove).
I gusti di Piero68 (Azione - Fantascienza - Poliziesco)