Cerca per genere
Attori/registi più presenti

LUCKY

MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 4
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO INSERITO IL GIORNO 12/1/18 DAL BENEMERITO HERRKINSKI

Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione


ORDINA COMMENTI PER:

Daniela 21/12/18 13:12 - 7696 commenti

Esordio alla regia di John Carroll Lynch, bravo caratterista che nulla lega al regista omonimo anche se il suo film richiama inevitabilmente il bellissimo Una storia vera: nel film del 1999 Stanton era il fratello del protagonista, qui è protagonista assoluto: un uomo molto anziano, ancora in buona salute nonostante campi a caffé e sigarette, che affronta con astio l'avvicinarsi della fine. Opera priva di trama, ma qui non se ne avverte il bisogno: l'attore coincide con il personaggio e Stanton, che sarebbe morto prima dell'uscita nelle sale, ci regala un'interpretazione risentita, memorabile.
I gusti di Daniela (Azione - Fantascienza - Thriller)

Herrkinski 12/1/18 15:48 - 4210 commenti

La prima prova da regista del noto attore John Carroll Lynch si rivela una bella riflessione sulla vecchiaia, la mortalità e il significato della vita affrontati attraverso la quotidianità del 90enne Lucky, vecchio cowboy residente in una cittadina della California. Grazie a dialoghi ben scritti e a un cast talentuoso il film riesce a mantenere l'interesse pur in assenza di grandi colpi di scena; l'umorismo agrodolce non è mai ruffiano e il film risulta un esercizio onesto e sentito. Stanton è morto prima dell'uscita, rendendo il finale toccante.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: L'inquadratura finale.
I gusti di Herrkinski (Azione - Drammatico - Horror)

Kinodrop 28/2/18 19:19 - 973 commenti

Commedia dal taglio minimale e dal passo "ralenti" come quello del protagonista nell'estrema stagione della vita. Lucky è un vecchio solitario e anaffettivo (forse da sempre) che non sa o non vuole accettare la realtà della vecchiaia, reiterando i suoi maniacali rituali quotidiani come a fermare il tempo che passa. Oscilla tra il moralismo e il filosofico spicciolo, senza però restituirci il pathos e i veri sentimenti di fronte alla nera signora; in realtà è un omaggio in estremis a un personaggio cult del cinema americano e quasi alla sua memoria.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Il testamento alla testuggine; I vaniloqui di Lucky; I fotogrammi finali.
I gusti di Kinodrop (Commedia - Drammatico - Thriller)

Bubobubo 6/9/18 20:44 - 708 commenti

Una testuggine steinbeckiana attraversa sorniona il deserto: forse non tornerà più. Accettarlo è realismo. Ed è realismo accettare il corpo che invecchia nonostante lo yoga, le cadute improvvise nonostante la salute di ferro (per nulla provata da una dieta a base di caffè e sigarette), il sorriso di una bambina che attende la morte nell'inferno della guerra. E se ci aspetta il nulla, lo disinnescheremo con un sorriso. Bel congedo esistenziale del gigantesco Stanton. Doppiaggio italiano inqualificabile.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Lucky alla festa messicana canta il traditional Volver accompagnato dai mariachi.
I gusti di Bubobubo (Drammatico - Horror - Thriller)