Cerca per genere
Attori/registi più presenti

HAPPY END

MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 6
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO INSERITO IL GIORNO 6/12/17 DAL BENEMERITO COTOLA

Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione


ORDINA COMMENTI PER:

Cotola 6/12/17 22:06 - 6642 commenti

Hanekeniano fino al midollo, a partire dal titolo che è sardonicamente ossimorico rispetto al narrato. Anche il contenuto, ricco di ellissi, è tipico dei film del maestro bavarese: un concentrato di pessimismo raro a vedersi che lo rende una delle pellicole più spietate del 2017. Difficile da digerire non solo per ciò che (non) "mostra" (molto avviene fuori campo), per le azioni dei suoi personaggi e la loro freddezza che tracima anche dal solito stile gelido ormai marchio di fabbrica di questo cineasta. Può piacere o meno e sicuramente divide e non poco, ma il suo è "vero" cinema.
I gusti di Cotola (Drammatico - Gangster - Giallo)

Daniela 24/3/18 1:52 - 7237 commenti

In una delle prime sequenze, uno smartphone documenta l'assassinio di un criceto, lasciando intuire che si tratta di un test in vista dell'uso su un umano, ossia la mamma della sperimentatrice in erba... Haneke si conferma uno dei registi più cattivi in circolazione: il suo happy end, felice quando erano divertenti i funny games, è un film frustrante per lo spettatore perché allude e non mostra, accenna un discorso e poi lo svia in altra direzione, imbastisce un epilogo drammatico e lo svilisce negandogli ogni tragica grandezza. Cinema sadiano, volutamente respingente ma necessario.
I gusti di Daniela (Azione - Fantascienza - Thriller)

Myvincent 17/3/18 8:26 - 2059 commenti

In una famiglia alto-borghese serpeggia il malcontento e nessuno sembra contento di contribuire alla sua facciata di falsa prosperità. Gli intenti sembrano lodevoli (pur se il tema è usuratissimo), ma la loro riuscita sbatte contro un ritmo lento che, procedendo da più propaggini, coagula in una storia fin troppo tortuosa e asfissiante. Spreco di presenze autorevoli come Trintignant e Isabelle Huppert.
I gusti di Myvincent (Drammatico - Giallo - Horror)

Kinodrop 18/12/17 18:22 - 763 commenti

Un coacervo di deja-vu sui vizi privati (ma senza pubbliche virtù) di una datata immagine della borghesia, stancamente rivisitata con qualche supporto attualizzante, tra "social", immigrazione e precarietà varie. Il montaggio nervoso e spiazzante non riesce a dare forza a una narrazione priva di dialettica, esasperata e sproporzionata nelle varie fasi rispetto al detto o all'alluso. Un dramma fittizio che non desta nessun interesse né a un livello psicologico e individuale né, tantomeno, a quello sociologico. Il finale da tragico trascolora in comico.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Le inutili e noiose incursioni tecnologiche: telefonino e chat; Le confessioni del nonno alla nipote e viceversa; Il pranzo finale.
I gusti di Kinodrop (Commedia - Drammatico - Thriller)

Beffardo57 1/4/18 22:37 - 206 commenti

Un'altra bella famigliola altoborghese, tra suicidi tentati e omicidi riusciti ma occultati, tradimenti seriali, una adolescente psicopatica e una glaciale mammina manager che silura il figlio problematico per prepararsi a mollare tutto e andarsene con il malloppo. Però, anche se gli interpreti sono notevoli (sopratutto Isabelle Huppert nel suo ruolo consueto e Jean Luis Trintignant, finto demente che desidera solo la fine), il plot trasuda di già visto. È dall'epoca, ormai archeologica, dei Pugni in tasca che sono proposte queste storie.
I gusti di Beffardo57 (Commedia - Drammatico - Thriller)

Hiphop 7/12/17 11:31 - 12 commenti

Il meglio è passato. Stanca ripetizione dei temi cari al regista in uno scialbo esercizio di stile che nulla aggiunge alla grande (passata) storia del regista. La critica feroce alla borghesia e l'analisi della sua decadenza di fronte al nuovo che incalza sono girate sì con il consueto stile rigoroso, ma in maniera stanca e sciatta e annoiante. Sconsigliato anche ai fans.
I gusti di Hiphop (Animali assassini - Documentario - Drammatico)