Cerca per genere
Attori/registi più presenti

• RATS - IL MORSO CHE UCCIDE

All'interno del forum, per questo film:
• Rats - Il morso che uccide
Titolo originale:The rats
Dati:Anno: 2002Genere: animali assassini (colore)
Regia:John Lafia
Cast:Madchen Amick, Vincent Spano, Shawn Michael Howard, Daveigh Chase, David Wolos-Fonteno, Sheila McCarthy, Elisa Moolecherry
Note:Uscito su satellite col titolo "The rats".
Visite:1059
Il film ricorda:Rats - notte di terrore (a Jurgen77)
Filmati:
M. MJ DAVINOTTI JR: MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 3
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)
Un onesto e preconfezionato B-movie, che vanta quale maggior pregio la presenza, come coprotagonista, del bravo Vincent Spano. E’ lui il disinfestatore chiamato dall'affascinante Madchen Amick a derattizzare Garsons, un grande magazzino di New York dove una giovane donna è appena stata morsa. La coppia, destinata col passare dei minuti a diventare sempre più intima (ma il regista John Lafia ci risparmia, per una volta, effusioni, baci e amplessi), intraprenderà una lotta ai ratti seguendo le strategie viste nei mille film simili, con discese in bui cunicoli, ricorsi a diavolerie meccaniche gestite dal solito appassionato di informatica, improvvise apparizioni di orde di topi (moltiplicati a dismisura grazie all'uso della computergrafica). Per fortuna la sceneggiatura di Frank Deasy è meno raffazzonata del previsto e, in bocca a un cast ben diretto, dà anima al film, che peraltro la regia professionale di Lafia mantiene su ritmi più che accettabili. Tanto è vero che a funzionare meglio è la prima parte, in cui gli effetti non hanno ancora invaso il set e la storia si fa seguire gradevolmente. Poi l'esigenza di “fare spettacolo” soffoca i personaggi e si palesa in effetti speciali modesti, mentre contemporaneamente i dialoghi perdono effervescenza per riallinearsi alla mediocrità imperante nei B-movies americani affiliati al genere fino a condurci in direzione di un finale banale come sempre. Musiche ininfluenti, qualche stimabile sforzo nel produrre almeno una decina di inquadrature efficaci (soprattutto verso l'inizio) e nel complesso un film non disprezzabile, a dispetto della povertà di mezzi e di una confezione un po' troppo televisiva. Lafia ha fatto di peggio.
il DAVINOTTI

Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione

ORDINA COMMENTI PER:

Undying 1/12/09 10:24 - 3875 commenti

Ennesima produzione, concepita per la TV, sugli "animali assassini" che rivisita il tema del ratto "infetto" destinato a rappresentare, causa prolificità della specie, pericolo non indifferente per l'essere umano. Anche se sul tema se ne sono viste di cotte e di crude, Lafia può contare sulla presenza della sempre valida Madchen Amick (Fuoco cammina con me!) e su un cospicuo numero di topi dalle dimensioni piuttosto ortodosse ma - forse proprio per questo - ancor più inquietanti. Il finale è un tantino caotico, ma nel complesso merita una visione: con un bel gattone al fianco, possibilmente ...

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: L'assalto in piscina: qualcosa di simile s'era però visto nel delirante Denti assassini!
I gusti di Undying (Horror - Poliziesco - Thriller)

Puppigallo 4/2/13 11:13 - 4103 commenti

Girato meno peggio di altri film del genere, con attori passabili, resta però una mediocre pellicola senza spunti degni di nota. Persino la vendetta dei topi "speciali" (soprattutto "mammina"), che possono contare su un alleato di specie diversa, fa soprattutto sorridere; e gli effetti non sono certo di livello, anzi, in alcuni casi, soprattutto quando appare la vera star del film, l'eccessiva plasticità nei movimenti e la scarsa cura nella realizzazione al computer ne attenuano non poco l'impatto visivo. Si può anche vedere, ma scorre via senza lasciare particolari tracce d'interesse.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: I topi nella stanza imbottita.
I gusti di Puppigallo (Comico - Fantascienza - Horror)

Mco 11/7/09 15:39 - 1975 commenti

In un grande centro commerciale si scatena il panico a causa dell'intromissione di un numero di ratti aggressivi. Lafia dirige questo sorprendente eco-vengeance, pensato e scritto per il piccolo schermo. Storia semplice che regge davvero bene, con scene "rattifere" ad effetto assicurato. Anche gli avvezzi al genere non potranno che provar ribrezzo dinanzi alla scena della vasca ricolma di simpatiche creaturine dalla coda lunga e nera! MCO ve lo consiglia!
I gusti di Mco (Animali assassini - Giallo - Horror)