Cerca per genere
Attori/registi più presenti

• ROSE RED (3 PUNTATE)

All'interno del forum, per questo film:
• Rose red (3 puntate)
Titolo originale:Rose red
Dati:Anno: 2002Genere: fiction (colore)
Regia:Craig R. Baxley
Cast:Nancy Travis, Matt Keeslar, Kimberly Brown, David Dukes, Judith Ivey, Melanie Lynskey, Yvonne Sciò, Matt Ross, Julian Sands, Kevin Tighe, Julia Campbell, Emily Deschanel, Yvonne Sciò
Note:Miniserie da un romanzo di Stephen King. Avrà un prequel, intitolato "Il diario di Ellen Rimbauer".
Visite:562
Il film ricorda:Gli invasati (a Brainiac)
Filmati:
M. MJ DAVINOTTI JR: MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 4
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)
Stephen King aveva scritto la sceneggiatura di ROSE RED per Steven Spielberg, che gli aveva chiesto di preparare un bell’horror su di una casa infestata. La collaborazione non andò in porto, ma King riprese in mano il suo lavoro e lo affidò a Craig R. Baxley (che con lui aveva già lavorato in LA TEMPESTA DEL SECOLO). Ne è uscita una miniserie in tre puntate di un'ora e venti ciascuna (più o meno), diretta male e interpretata peggio da un cast per nulla malvagio. Dopo l'eccellente GLI INVASATI e il suo pessimo remake HAUNTING non è più una novità ritrovare un gruppo di persone convocate da un “esperto” in una casa tradizionalmente abitata da fantasmi. King caratterizza i suoi personaggi col solito stile semplice ed efficace, ma quello che fa loro capitare nella casa è di una noia mortale. Anche perché non è facile tirare avanti per più di 4 ore senza nemmeno poter ricorrere a effetti speciali decenti. Una messa in scena piatta quanto la fotografia non ci permette di assaporare la giusta suspense, le lagne costanti di due o tre “ospiti” (tutti dotati di poteri paranormali precipui) fanno venire il latte alle ginocchia, i fantasmi/zombi sono l'immancabile cocktail di rozzo make-up (che coinvolge pure la nostra ex stellina televisiva Yvonne Sciò) e passeggiate a mezz'aria. Era interessante l'idea di raccontare la storia degli inquilini precedenti, espediente che in qualche modo “salva” la prima parte, ma dall'arrivo nella casa casca il palco e la sciatteria prende il sopravvento. È proprio il King più ingenuo, quello più puro, non filtrato da registi che sappiano caratterizzare il passaggio dalla sceneggiatura con personalità. Interminabile e patetico, peggiora di minuto in minuto. King è il fattorino delle pizze.
il DAVINOTTI

Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione

ORDINA COMMENTI PER:

Undying 20/8/07 0:58 - 3875 commenti

Mattone stile soap opera, che diventa quasi opprimente nella proposta - a reiterazione continua (15-20 minuti) - della dimora maledetta vista dall'alto (immagine oltretutto realizzata in computer grafica). Il fantasma che continua a costruire lati della magione, la storia del passato, la fotografia con toni slavati: tutto contribuisce a generare un senso di noia, appesantito dalla lungaggine di una storia che si dipana in ben 240 minuti. Come Yvonne Sciò sia riuscita a entrare nel cast resta il vero mistero del telefilm. Sedativo.
I gusti di Undying (Horror - Poliziesco - Thriller)

Brainiac 16/7/09 15:23 - 1081 commenti

Visto il trattamento che solitamente ricevono i prodotti televisivi scritti da Stephen King, questo "Rose red" è dignitoso. Certo, è arduo vederlo tutto d'un fiato ma preso nell'ottica di una puntata al giorno (come è stato pensato per la fruizione Tv) assume un altro senso (più volte King si è detto ispirato ai "romanzi a puntate" di Dickensiana memoria). La regia non è così scadente (si veda la prima sequenza) e gustosi sono gli omaggi al cult Gli invasati (compreso il sottotesto velatamente lesbico). Dispersivo come i suoi ultimi romanzi ma gradevole.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: "Prima del 1950 la Rimbauer aggiunse stanze a Rose red secondo la sua volontà, ma a partire dal'50, a partire dal '50 la casa è cresciuta per conto suo".
I gusti di Brainiac (Commedia - Gangster - Horror)

Taxius 5/4/16 14:45 - 1060 commenti

Mini serie tv in tre puntate dalla notevole durata; infatti l'opera risulta piuttosto pesante, ma vista spezzettandola in 3-4 parti è anche godibile. Il budget è molto limitato e lo si vede soprattutto negli effetti speciali e nel trucco, assai scadenti. La storia parla della classica casa malvagia infestata da fantasmi assassini con i protagonisti che cadono uno dopo l'altro. Più mistery che horror. Nonostante tutto (e senza avere troppe pretese) è coinvolgente. Adatto principalmente ai fan cine-tv di King (come me).
I gusti di Taxius (Commedia - Horror - Thriller)

Red Dragon 26/3/07 0:47 - 125 commenti

Che palle. Questo, in sintesi, ciò che rimane della visione del film. La storia ha qualche lato appetibile ma è lontana anni luce dalle invenzioni migliori del maestro di Bangor. Poi ci si aggiungono tempi bibilici, attori dimenticabili in 20 minuti, effetti speciali anonimi, regia piattissima... Ritmo che non cala, certo... ma solo perché non sale mai. Il risultato non può che essere noia trionfante. Il fatto che sia un prodotto palesemente televisivo non giustifica tanta pochezza.
I gusti di Red Dragon (Fantascienza - Giallo - Thriller)