Cerca per genere
Attori/registi più presenti

FERMO CON LE MANI!

M. MJ DAVINOTTI JR: MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 9
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)


Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione

ORDINA COMMENTI PER:

Undying 25/5/08 18:15 - 3875 commenti

Il filo conduttore è quello di un vagabondo (Totò) alla disperata ricerca di un lavoro e di una fissa dimora. Ogni tentativo di concretizzare queste banali necessità, si risolve, per il protagonista, in una serie di (dis)avventure ridicole e tragiche al tempo stesso. Dopo il successo riscontrato nella "rivista", con spettacoli acclamati da sale ricolme di pubblico, Totò fa il grande salto: interpreta il primo film, fortemente debitore dello stile à la Charlie Chaplin per via di una struttura narrativa che predilige tempistiche comiche del muto.
I gusti di Undying (Horror - Poliziesco - Thriller)

Pigro 6/10/11 15:49 - 7065 commenti

Splendido esordio per Totò che, come in un catalogo, sciorina un ricco e sorprendente repertorio mimico, gestuale e verbale, puntando subito ai vertici della comicità cinematografica. Peccato per il ritmo sdilinquito che non valorizza l’attore, e per la storia non bellissima, comprensiva di curiosi rimandi chapliniani (il vagabondo con la bambina “adottata”, a sua volta allusiva di Shirley Temple). Ma i momenti migliori sono quelli più legati al cinema muto alla Ridolini, davvero spassosi, con alcune scene da antologia. Da vedere comunque.
I gusti di Pigro (Drammatico - Fantascienza - Musicale)

Didda23 16/3/15 9:30 - 1949 commenti

L'opera, che segna il debutto di Totò sul grande schermo, è alquanto modesta e ingenua sia nella realizzazione sia nella costruzione narrativa, la quale si poggia su una storia che già alla fine dei trenta era vecchia. La matrice chapliniana è innegabile, ma nonostante ciò il grande attore napoletano riesce a far sua l'interpretazione, regalando un paio di momenti molto riusciti (su tutti la direzione dell'orchestra). Peccato per il ritmo compassato non all'altezza delle potenzialità del comico. Sprazzi di luce in un grigiore avvilente.
I gusti di Didda23 (Commedia - Drammatico - Thriller)

Minitina80 7/9/16 8:36 - 1718 commenti

Un esordio gradevole per Totò che si cimenta in un copione non brillante, ma nel complesso costruito discretamente prendendo qualche spunto dal cinema americano. Lascia gli spazi giusti ai sipari comici che strappano qualche sorriso, sebbene ogni tanto il ritmo scenda inesorabilmente. La regia non ha un grosso mordente, ma quantomeno è ordinata e permette a Totò di mostrare il suo repertorio senza strafare. È uno dei primi esempi in Italia di cinema incentrato interamente su di un attore che impersona una maschera.
I gusti di Minitina80 (Comico - Fantastico - Thriller)

Faggi 7/5/18 20:16 - 1206 commenti

Comicità popolare in pieno fascismo pre-bellico ed esordio citazionista, espressivo e qua e là fulminante di Totò, che già ci consegna battute, parole chiave ("bazzecole ", quisquilie", "pinzellacchere") e mimica che non sono meri abbozzi o prove generali della sua futura arte e che poi cavalcherà come suoi cavalli di battaglia. Vicenda scorrevole, elementare, ingenua: conta solo come imprimitura dove dipingere la maschera, circondata da precisi caratteristi, la bella di turno e la trovatella di chapliniana memoria.
I gusti di Faggi (Fantascienza - Giallo - Poliziesco)

Graf 9/10/12 4:36 - 600 commenti

Tratto da una commedia teatrale di Guglielmo Giannini, l'esordio cinematografico di Totò si pone a metà tra l'atmosfera incantata del cinema americano e la parodia dei film dei "telefoni bianchi". Lontano dall'arte recitativa di Charlot, al quale lontanamente si ispira, Totò prorompe nella storia del cinema con la sua inimitabile forza comica partenopea da "commedia dell'arte" perfezionata nella recitazione teatrale ma completamente aderente ai tempi e alle cifre dell'arte cinematografica. Riuscito.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: La scena della direzione d'orchestra, uno dei topoi recitativi di Totò, dove può dar fondo al suo talento comico di marionetta astratta senza tempo.
I gusti di Graf (Commedia - Poliziesco - Thriller)

Enricottta 20/6/09 14:19 - 507 commenti

Totò si presenta! E con un film abbastanza velleitario, solita miscellanea di spunti da vari "filoni" dell' epoca, nel 1939, Chaplin e Semon (Ridolini). Non difficile intravedere in questo attore di rivista un immenso talento. E' incredibile come si appropri del mezzo già dall'esordio. Curioso il ricorso a una comicità surreale.
I gusti di Enricottta (Erotico - Giallo - Musicale)

Smoker85 23/9/11 0:48 - 323 commenti

Totò è qui costretto a fare lo "Charlot" ad una novella "monella" che fa anche il verso alla Temple. Nonostante tutto, il grande talento del Principe si vede chiaramente nella mimica e nelle battute. Riesce anche a proporre due grandi suoi "cavalli di battaglia", ossia il numero della massagiatrice e quello del direttore d'orchestra. Buoni anche i comprimari Coop e la mitica Tina Pica. Sicuramente un esordio positivo, sebbene ingabbiato fin da subito in un copione non alla sua altezza. Da vedere.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Totò alle prese col massaggio a Erszi Paal; Totò riesce a rendere al Cavaliere tutto quello che gli deve.
I gusti di Smoker85 (Commedia - Drammatico - Fantastico)

Brik94 15/8/15 9:26 - 68 commenti

Esordio assoluto di Totò su grande schermo. Il film è un insieme di sketch che permettono al principe di farsi notare e dimostra di essere un artista nato. La spontaneità si comincia a vedere già qui. Totò ricorda molto Charlot ma la sua parlata verace fa la differenza. Finale con Totò direttore d'orchestra che verrà ripreso in altri suoi film.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Il funzionario.
I gusti di Brik94 (Azione - Commedia - Giallo)