Cerca per genere
Attori/registi più presenti

DUFFY IL RE DEL DOPPIO GIOCO

All'interno del forum, per questo film:
Duffy il re del doppio gioco
Titolo originale:Duffy
Dati:Anno: 1968Genere: avventura (colore)
Regia:Robert Parrish
Cast:James Coburn, James Mason, James Fox, Susannah York, John Alderton, Guy Deghy, Carl Duering, Tutte Lemkow, Marne Maitland, André Maranne, Barry Shawzin, Julie Mendez
Visite:111
Filmati:
MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 2
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO INSERITO IL GIORNO 4/6/17 DAL BENEMERITO DIGITAL

Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
  • Non male, dopotutto a detta di:
    Digital
  • Gravemente insufficiente! a detta di:
    Fauno


ORDINA COMMENTI PER:

Fauno 6/9/17 1:24 - 1808 commenti

Gli unici ingredienti buoni sono musica, interni ed esterni a Marrakesh, nonché trucco e costumi degli attori; per il resto il film è grossolano. Lo si fa durare 100 minuti, con rallentamenti così esasperanti da non capir più che genere sia e soprattutto il finale è più casuale che altro. Già il soggetto basato su un tentativo di sottrazione di una grossa somma al padre da parte di due fratellastri che si sentono prevaricati da lui fa acqua in partenza; d'accordo le stranezze, i costumi e l'istrionismo di Coburn, ma è un fiasco che non si dimentica.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: La musica della discoteca di Marrakesh; Il transistor descritto anatomicamente e inzuccato dopo un'ora.
I gusti di Fauno (Drammatico - Poliziesco - Thriller)

Digital 4/6/17 10:13 - 996 commenti

Un ladro viene ingaggiato dai ricchi figli di un facoltoso inglese con il fine di sottrargli un'ingente somma di denaro. Tutto sembra procedere per il meglio senonché... Vive essenzialmente delle splendide location esotiche – ben valorizzate dalla fotografia del veterano Otto Heller - dell’istrionismo di Coburn e delle musiche lounge di Ernie Freeman. Un involucro di lusso per un film che ripropone situazioni note, con qualche momento di stanca di troppo e una risoluzione piuttosto telefonata. Moderatamente divertente.
I gusti di Digital (Fantascienza - Horror - Thriller)