Cerca per genere
Attori/registi più presenti

• L'UOMO NELL'ALTO CASTELLO (3 STAGIONI)

All'interno del forum, per questo film:
•  L'uomo nell'alto castello (3 Stagioni)
Titolo originale:The Man in the High Castle
Dati:Anno: 2015Genere: fiction (colore)
Regia:Vari
Cast:Alexa Davalos, Rupert Evans, Luke Kleintank, DJ Qualls, Joel de la Fuente, Cary-Hiroyuki Tagawa, Rufus Sewell, Lee Shorten, Chelah Horsdal, Arnold Chun, Brennan Brown, Quinn Lord, Rick Worthy, Gracyn Shinyei, Aaron Blakely, Genea Charpentier, Callum Keith Rennie, Daniel Roebuck, Carsten Norgaard, Bella Heathcote, Steve Byers, Bernhard Forcher, Macall Gordon, Tate Donovan
Note:Basata sul romanzo di Philip K. Dick "La svastica sul sole" (1962). Prodotta da Amazon.
Visite:247
Filmati:
MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 5
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO INSERITO IL GIORNO 28/5/17 DAL BENEMERITO GALBO

Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione


ORDINA COMMENTI PER:

Galbo 28/5/17 7:28 - 10734 commenti

Vicende di un gruppo di cospirazionisti in un'America alternativa degli anni '60, in cui si immagina lo stato diviso in due tra la Germania nazista e il Giappone imperiale, con una zona centrale neutrale. La serie è ben realizzata e ottimamente ambientata. Si percepisce un costante clima "complottistico" e da guerra fredda. I personaggi sono ben delineati e il procedere della vicenda fa emergere le ambiguità di molti. Come spesso accade i "cattivi" sono più affascinanti dei "buoni". Attori molto bravi.
I gusti di Galbo (Commedia - Drammatico)

Capannelle 25/12/18 20:32 - 3501 commenti

La prima serie si segnala per una notevole progressione di vicende e personaggi, dosata con sapienza nello script. A livello attoriale emergono tre figure (Juliana, Smith e il ministro giapponese), le altre funzionali anche se una (Frink) andrebbe cestinata. Ambientazione curata ma non aspettatevi scenografie o fotografia particolari, né dissertazioni strategiche o di guerra: il filo narrativo rimane quello thriller/noir tessuto con senso del ritmo e dando prova di saper sfruttare il materiale a disposizione.
I gusti di Capannelle (Commedia - Sentimentale - Thriller)

Redeyes 27/12/18 10:49 - 1990 commenti

Interessante trasposizione dall'ennesimo capolavoro dal genio di Dick. L'impianto scenico è assolutamente ben realizzato, e anzi vedere la Berlino nazista nell'anno domini 1962 ha una destabilizzante magnificenza. Detti i pregi, scavando si nota un'intreccio a volte un po' troppo macchinoso e lento, forse anche a causa di buoni che vengono surclassati per appeal dai "villain". Su tutti spicca Obergruppenführer John Smith e un gradino sotto l'ispettore Kido della polizia Kempeitai.
I gusti di Redeyes (Drammatico - Fantascienza - Thriller)

Hearty76 24/10/18 16:58 - 192 commenti

Mirabile serie basata su un celebre romanzo di Philip K. Dick, del quale riporta atmosfera e dinamiche seppur con sostanziali differenze. Anni '60, linea spaziotemporale alternativa in cui dopo la guerra Germania e Giappone si spartiscono il mondo. Incalzano toni e ritmi decisamente inquietanti ma verosimili. Ci si affeziona presto ai coraggiosi protagonisti, senza poter dare per scontato chi siano davvero i buoni o i cattivi. Intrigante, autoreferenziale connubio tra genere ucronico e fantascientifico. Ottimo per riflettere sulla Storia.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Il sibillino e grottesco ruolo del film "Jahr Null" (Anno Zero) in questa versione parallela degli andamenti storico-politici.
I gusti di Hearty76 (Comico - Horror - Sentimentale)

Black hole 18/4/18 13:49 - 136 commenti

Parte da Dick ma poi se ne discosta, specie dalla seconda stagione. E' una produzione molto interessante, con ottimi interpreti, che rende l'idea di due culture fortemente antagoniste, nazista e giapponese, nel loro modo di gestire l'occupazione. Usare un film in luogo del romanzo "La cavalletta non si alzerà più" amplifica il contrasto tra le due realtà, la "loro" e la nostra. Sviluppa un libro sostanzialmente privo di azione, di violenza manifesta, introspettivo: forse la volontà di conservarne l'idea ne frena un po' il ritmo. Da vedere.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: La credibilità e l'accuratezza delle uniformi "evolute"; La fedelissima ricostruzione della Berlino ipotizzata da Hitler e Speer.
I gusti di Black hole (Drammatico - Fantascienza - Western)