Cerca per genere
Attori/registi più presenti

DARKNESS

All'interno del forum, per questo film:
Darkness
Titolo originale:Darkness
Dati:Anno: 2002Genere: horror (colore)
Regia:Jaume Balagueró
Cast:Anna Paquin, Lena Olin, Iain Glen, Giancarlo Giannini, Fele Martinez, Fermin Reixach, Stephan Enquist
Visite:1029
Filmati:
Approfondimenti:1) SPIAZZATI DAL FINALE - FILM CON FINALE A SORPRESA, 2) L'HORROR DEL 2000
M. MJ DAVINOTTI JR: MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 12
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)
Per tutta la prima parte sembra di assistere a uno dei tanti capitoli della serie di AMITYVILLE HORROR, con l'aggiunta di un indubbio gusto per la fotografia e le scenografie che può trarre in inganno: che sia davvero un piccolo gioiello? Era successo lo stesso con NAMELESS, il precedente horror di Jaume Balagueró: una confezione impeccabile che nascondeva un pasticcio incapace di elaborare un soggetto potenzialmente interessante. Anche qui, dopo che la prima parte si è trascinata faticosamente tra dialoghi banali e una forte ripetitività, subentra l'inversione di tendenza: Balagueró si ricorda di essere un grande fan di Polanski e di amare complottismi e settarismi a sfondo satanico. Di nuovo la trama si complica, il filo logico si smarrisce nel caos globale, si comincia a intravedere qualche idea non male. Niente di nuovo, s’intende, ma almeno c'è uno sforzo per dare al genere horror quella consistenza e quella vaga complessità tutta europea che ci distingue dal cinema americano del terrore. Il problema è che la regia si perde troppo nel dare fascino visivo alle immagini in penombra dimenticando di mantenere un briciolo di linearità. Per fortuna che a un certo punto sale in cattedra il nostro Giancarlo Giannini e il film acquista in credibilità (fin lì la famigliola protagonista aveva dato prova di non poter ambire a grossi traguardi recitativi), continuando a cercare la nostra approvazione attraverso contrasti cromatici, musica d'atmosfera e una qualità d'immagine superiore. È un peccato che Balagueró non riesca a trovare o a sfruttare una sceneggiatura più chiara. Inoltre sarebbe il caso che iniziasse a domandarsi perché i suoi film han sempre delle pause insopportabili. Quanto di riciclato ci sia nelle sue opere è sotto gli occhi di tutti, ma nel complesso l'impressione è quella di ottime occasioni gettate al vento. In DARKNESS gli spunti per fare meglio c'erano, bastava coglierli.
il DAVINOTTI
PROSSIMAMENTE: annunciato a breve un nuovo commento (firmato RUFUS68) su questo film


Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione

ORDINA COMMENTI PER:

Undying 17/8/07 21:46 - 3875 commenti

Staremo a vedere se il recente [Rec], codiretto con Paco Plaza, indichi la svolta per Balaguerò verso sentieri meno monotoni e più espliciti. Per ora la produzione del regista iberico lascia molto amareggiati per via di un approccio di tipo conflittuale/famigliare (Nameless) che sembra essere terreno prediletto degli autori spagnoli (Second name è diretto, guarda caso, da Plaza). Darkness ha un discreto campionario d'attori, ma li sfrutta in maniera noiosa per via della lungaggine di una sceneggiatura influenzata da immagini/lampo all'orientale.
I gusti di Undying (Horror - Poliziesco - Thriller)

Daniela 6/6/15 15:46 - 7718 commenti

Famigliola americana si trasferisce in Spagna in una grande casa mooolto inquietante, dove succedono cose mooolto strane. Ovviamente, invece di cambiare aria, persistono ed insistervi, con le peggiori conseguenze possibili... Mentre nella casa maledetta, fra uno stereotipo e l'altro, si aggira un cast internazonale poco convinto, Balaguerò applica la sua abilità spaventifera, evidente nella buona fattura di certe sequenze, ad una sceneggiatura debole, come già accadeva nel precedente Nameless, ma con l'aggravante di una ancor minore originalità nella trama rispetto al film d'esordio.
I gusti di Daniela (Azione - Fantascienza - Thriller)

Hackett 24/1/17 19:13 - 1588 commenti

Horror abbastanza canonico che pur risultando accattivante per una regia discreta (ma il regista migliorerà) e una fotografia adeguata, non riesce invero a spaventare lo spettatore che si vede passare davanti la vicenda senza grosse emozioni. Buoni il cast e l'ambientazione. Troppi sbalzi, luce-buio alla fine annoiano e la trama si ingarbuglia in un finale che, volendo essere ambiguo, appare invece poco ispirato.
I gusti di Hackett (Giallo - Horror - Thriller)

Trivex 22/6/10 21:26 - 1388 commenti

La persona che ha visto il film con me, ad un certo punto (s'immagini quale) ha proferito le seguenti parole: "E' proprio buio... buio". L'oscuro è il motivo che salva questo film, anzi lo eleva oltre i suoi meriti. La storia, seppur non malvagia, fatica a decollare, rimane invischiata nel terreno di partenza (e questo è male). Ma le circostanze giungono finalmente alla loro natura, l'elemento scatenante si trova, nel buio (e questo è bene). Inevitabile parlare di Giannini e del suo ruolo: il tranquillo elemento che sorprende. Ma era nascosto, al buio...
I gusti di Trivex (Horror - Poliziesco - Thriller)

Nando 15/1/11 0:50 - 3253 commenti

Un horror tendente al soprannaturale con attitudini demoniache ben diretto dal regista spagnolo. Atmosfera inquietante e plumbea priva di effettacci splatter che presenta una narrazione sostanzialmente lineare, anche se non eccelsa. Lievemente farraginosa la causa scatenante il maleficio e Giannini è poco a suo agio nel ruolo interpretato.
I gusti di Nando (Commedia - Horror - Poliziesco)

Greymouser 9/6/11 15:23 - 1441 commenti

La sceneggiatura non è il massimo, soprattutto considerando il potenziale insito nel soggetto. Il punto di forza del film sta tutto nella regia di Balaguero: grande stile, grande gusto dell'immagine, capacità di creare tensione nel gioco di luci e ombre. Il tema è sicuramente abusato (il buio), ma il regista se lo gioca con classe, anche se il risultato finale, obiettivamente, non resterà nella storia della cinematografia horror.
I gusti di Greymouser (Fantastico - Horror - Thriller)

Rigoletto 22/12/18 13:39 - 1365 commenti

Incuriosisce per la presenza di Giannini (peraltro in poche scene) ma è nel complesso una bella sorpresa, un film la cui tensione rimane sempre costante e che, complice anche una fotografia scura, lascia lo spettatore come sospeso nel vuoto. È vero che non porta granché di nuovo, ma ciò che appare non è un rigatino e il cast, senza andare sopra le righe, offre una prova più che dignitosa.
I gusti di Rigoletto (Avventura - Drammatico - Horror)

Bruce 28/11/08 9:37 - 904 commenti

Balaguerò ha stile, lo si vedeva già in Nameless, dirige bene, ha i tempi giusti e riesce a tenere sotto tensione lo spettatore per tutta la durata del film. Vi è poi il suo montaggio particolare, con quegli strani inserti di immagini tesi a colpire ulteriormente l’attenzione. Tipica è purtroppo anche una vocazione chiaramente tragica che porta alla distruzione di più o meno tutti i personaggi dei suoi film. "Darkness" è un buon thriller psicologico, ricco di atmosfera, certamente da vedere. Dubbi sulla scelta di Giannini, non adatto a quel ruolo.
I gusti di Bruce (Giallo - Poliziesco - Thriller)

Funesto 26/12/12 16:31 - 524 commenti

Deludente. L'ennesimo clone di Amityville horror zeppo di cliché, scontatezze (sfido a non capire sin da subito l'identità del padre di Paul) e personaggi stereotipati come i genitori, che non s'accorgerebbero di un pericolo nemmeno se vedessero un triangolo col "!". I soliti trucchi per metter paura, nel 2002 come ora, ormai non fanno proprio più alcun effetto. L'unico motivo di interesse è ovviamente il nostro Giannini (come c'è finito?!), che però si vede poco. Discreto il finale allucinato. Non da evitare, ma di sicuro evitabile. Voto: **.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Il finale, dall'operazione chirurgica improvvisata al padre di Paul in poi.
I gusti di Funesto (Animazione - Horror - Thriller)

Gabigol 3/4/17 18:26 - 319 commenti

Non bastano una buona regia e una sorprendente fotografia a fare di un film un buon film. Difatti la storia non quaglia, causa un mal calibrato ritmo narrativo e più volte si ha un déjà vu di fronte a dinamiche arcinote e cliché sciorinati con puntualità. E se ci si mette anche la sceneggiatura colabrodo, la frittata è fatta. Da salvare un paio di scene ben girate e gli ultimi dieci minuti, tanto improbabili quanto ansiogeni per la profonda oscurità che ammanta le ultime sequenze. Occasione mancata.
I gusti di Gabigol (Animali assassini - Fantastico - Horror)

Tyus23 11/11/11 10:56 - 220 commenti

Casa misteriosa in cui si sono perpetrati orribili delitti? Celo. Padri di famiglia un po' schizzati? Celo. Carillon e/o vecchi grammofoni che si accendono da soli? Celo e celo. Fantasmi di bambini che appaiono nelle foto? Celo. Telefonate con inquietanti voci infantili? Celo. Colpo di scena che si intuisce alla seconda scena? Celo. Insomma: Balaguero è un bravo regista e lo dimostra anche qui, ma è evidente che merita sceneggiature ben migliori di questa stanca e confusa riproposizione di tutti i clichet del genere "case infestate". Irritante.
I gusti di Tyus23 (Drammatico - Horror - Thriller)

Lattepiù 30/11/07 13:53 - 208 commenti

Film che si inserisce nel filone delle case maledette e in quello delle ghost story classiche. Balaguerò ha una bella mano nel dirigere e un buon gusto tenebroso e sporco per l'immagine, ma l'approccio alla materia ha un che di eccessivamente cerebrale e l'ambizione di spaventare con l'atmosfera e con il buio, non supportata da una sceneggiatura adeguata, porta spesso nei territori della noia. La pellicola si risolleva negli strepitosi 20 minuti finali: un tour de force convulso, claustrofobico, visionario, nerissimo che fa davvero paura.
I gusti di Lattepiù (Fantascienza - Poliziesco - Western)