Cerca per genere
Attori/registi più presenti

4 CAPORALI E 1/2 E UN COLONNELLO TUTTO D'UN PEZZO

All'interno del forum, per questo film:
4 caporali e 1/2 e un colonnello tutto d'un pezzo
Dati:Anno: 1973Genere: comico (colore)
Regia:Bitto Albertini
Cast:Mimmo Baldi, Nino Terzo, Max Turilli, Francesco Mulé, Pietro Torrisi, Luigi D'Ecclesia, Claudio Giorgi, Mario Sciatella, Jimmy il Fenomeno
Note:Aka "Quattro caporali e mezzo e un colonnello tutto d'un pezzo". Baldi, Terzo e Turilli vengono presentati nei titoli di testa come "i Pierrots".
Visite:222
Filmati:
M. MJ DAVINOTTI JR: MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 2
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO INSERITO IL GIORNO 31/1/17 DAL DAVINOTTI
Farsa militaresca come tante, caratterizzata più che altro dall'assenza di nomi di richiamo nel cast. I Pierrots, forse immaginati come la risposta italiana agli Charlots francesi, sono effettivamente i tre che più si vedono nel film: Nino Terzo (il celebre caratterista baffuto che mentre parla ogni tanto ansima) è il sergente, Max Turilli il colonnello dall'accento tedesco e Mimmo Baldi il soldato semplice dalla battuta pronta. Insieme a molti altri danno vita a una commedia corale strutturata come le mille ambientate in caserma: soldati imbranati, superiori che si fanno odiare, puntate all'infermeria, qualche scena "esterna" e una quantità di barzellette filmate come nella tradizione del genere. Turilli di norma si fa prendere in giro dalle reclute, Terzo anche peggio e quando comincia ad andare in debito d'ossigeno riesce a rendersi simpatico rivelandosi il migliore del lotto: le sue scene sono in gran parte in cortile di fronte ai soldati schierati a ricevere ordini, i quali o si divertono a prenderlo in giro o non capiscono quel che dice a causa della loro manifesta imbecillità. Baldi è dei tre forse il più presente, l'Alvaro Vitali della situazione (quando però il futuro Pierino era ancora alle prese con AMARCORD), il compagnone un po' imbranato ma allo stesso tempo quasi furbo (elabora una truffa fingendosi rappresentante di coperte), al centro delle scene più insolite: un po' come il Danny Kaye di SOGNI PROIBITI, infatti, sogna ad occhi aperti immaginandosi eroe e risvegliandosi in situazioni imbarazzanti. Curioso anzi che in uno di questi break fantastichi di essere al Rischiatutto (storpiato in “Raschiatutto”) seduto in cabina a rispondere alle domande di Nino Terzo in versione Mike Bongiorno: che il Villaggio di SOGNI MOSTRUOSAMENTE PROIBITI si sia ricordato di questo poco diffuso film, quando nel suo personale remake del film di Kaye inserì la medesima scena con – questa volta – l'autentico Mike Bongiorno? Per il resto le battute vanno dalle citate barzellette (tipicissima quella delle emorroidi in infermeria) a qualcosa di appena più elaborato sforando solo di rado nel surreale (notevole in questo senso il soldato che si fa visitare perché ha un gigantesco bullone piantato nell'ombelico, staccando il quale... casca il sedere!). Purtroppo non di rado si resta interdetti di fronte al basso livello umoristico (in proposito si vedano le tante scenette col nano), con gag che sfruttano facili giochi di parole (i militari che si preparano alla Guerra Fredda stando in cella frigorifera) talvolta pure di una volgarità spiazzante (Francesco Mulè che fa il colonnello scozzese MacOioni); perlopiù si resta comunque nella comicità di situazione su cui improvvisare smorfie o battutacce. Il finale coi fuochi d'artificio sul campo nemico prima di chiudere a tarallucci e vino rende l'idea del clima goliardico di nessuna pretesa che la regia di Bitto Albertini supporta senza aggiungere nulla di personale. Jimmy il Fenomeno compare sulla porta a sbraitare ordini in uno dei suoi tipici cameo velocissimi.
il DAVINOTTI

Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione

ORDINA COMMENTI PER:

Markus 6/2/17 11:08 - 2902 commenti

Il film segue il filone comico/militaresco tanto in voga nella prima metà degli Anni '70. Nessun nome celebre, ma uno stuolo di caratteristi spesi in una fiacca commedia che strappa di tanto in tanto un sorriso di grana molto grossa fortunatamente però scandita da un buon ritmo. Il trio (presentato come "I Pierrots") Baldi, Terzo e Turilli è la spina dorsale di questa farsa composta da una serie di sketch che ricordano la più nota serie del colonnello Buttiglione. Buone le musiche.
I gusti di Markus (Commedia - Erotico - Giallo)

Dusso 6/2/17 13:05 - 1533 commenti

Farsa militaresca con tanti caratteristi (alcuni in brevissimi camei come Attilio Dottesio) per il genere direi divertente, con ritmo alto e continue gag (alcune indubbiamente non fanno ridere ma il livello è discreto, tutto sommato). Operazione simpatica, questo film di Albertini, che con pochi mezzi (neanche necessari per un film del genere) imbastisce un film dignitoso.
I gusti di Dusso (Commedia - Giallo - Poliziesco)