Cerca per genere
Attori/registi più presenti

MEE TOO

All'interno del forum, per questo film:
Mee too
Titolo originale:Ya tozhe khochu
Dati:Anno: 2012Genere: drammatico (colore)
Regia:Aleksey Balabanov
Cast:Aleksandr Mosin, Oleg Garkusha, Yuriy Matveev, Alisa Shitikova, Aleksey Balabanov, Viktor Gorbunov, Vyacheslav Ivanov, Sergey Sholohov, Dunya Smirnova
Visite:33
Filmati:
MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 2
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO INSERITO IL GIORNO 11/12/16 DAL BENEMERITO COTOLA

Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
  • Quello che si dice un buon film a detta di:
    Bubobubo
  • Mediocre, ma con un suo perché a detta di:
    Cotola


ORDINA COMMENTI PER:

Cotola 11/12/16 12:56 - 6835 commenti

Cinque disperati si recano in una zona, teatro di un disastro nucleare, dove pare che gli esseri umani possano trovare la felicitÓ. Vi ricorda qualcosa? In giro c'Ŕ chi addirittura ha citato Tarkovskij per parlare di questo film, ma mi sembra esagerato. Il tema della ricerca della felicitÓ Ŕ vecchio come il cucco e se Ŕ vero che il regista prova ad affrontarlo con piglio comico-grottesco, va detto che la sceneggiatura non offre spunti particolarmente interessanti e relega l'arrivo nella fatidica zona all'ultima parte che Ŕ troppo frettolosa e rabberciata. Raro caso di film troppo breve.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: La ragazza che pur di raggiungere la felicitÓ, entra completamente nuda nella zona innevata. .
I gusti di Cotola (Drammatico - Gangster - Giallo)

Bubobubo 26/1/19 21:33 - 612 commenti

"Ja toze chocu": un mantra ripetuto fino allo stremo, un'invocazione sulle prime grottesca, poi disperata. L'oggetto Ŕ inevitabilmente scast'e, la "felicitÓ" che, ripudiata dai meccanismi della contemporaneitÓ, si rifugia in campanili semisommersi da neve radioattiva e irraggiungibili pianeti lontani. Un po' commedia nera, un po' parodia tarkovskijana, ma soprattutto intenso saggio filosofico che (a dispetto della contenutissima durata) tocca molteplici questioni d'ampio respiro. Cameo del regista sul finale, a posteriori profetico.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Attenti a quei quattro; L'onnipresente Leonid Fedorov nella spassosa soundtrack; Il finale, dieci minuti di pura astrazione.
I gusti di Bubobubo (Drammatico - Horror - Thriller)