Cerca per genere
Attori/registi più presenti

L'ULTIMO INSEGUIMENTO

All'interno del forum, per questo film:
L'ultimo inseguimento
Titolo originale:Shaker Run
Dati:Anno: 1985Genere: action (colore)
Regia:Bruce Morrison
Cast:Cliff Robertson, Leif Garrett, Lisa Harrow, Shane Briant, Peter Rowell, Peter Hayden, Ian Mune, Bruce Phillips, Fiona Samuel, Nathaniel Lees, Geoffrey Heath, Igo Kantor, Barry Dorking
Visite:212
Filmati:
M. MJ DAVINOTTI JR: MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 1
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO INSERITO IL GIORNO 9/6/16 DAL DAVINOTTI
Sull'onda del successo di film come IL BANDITO E LA MADAMA una coproduzione tra Usa e Nuova Zelanda il cui miglior pregio sono le insolite location nel lontano Stato a sud dell'Australia. Manca l'ironia che caratterizzava il film con Reynolds, ma il volto più serioso e scavato di Cliff Robertson dà comunque uno spessore non comune al protagonista Judd Pierson, che se fosse per la sceneggiatura non sarebbe certo molto diverso dai tanti visti in film simili. Il titolo infatti (sia quello originale, SHAKER RUN, che quello italiano, più banale) riassume già in sé l'intero senso del lavoro di Bruce Morrison, regista non certo virtuoso... Dopo una prima parte in cui ci viene descritta la malinconica vita dell'ex pilota di grido e del suo giovane assistente (Garrett), finiti a fare esibizioni da circo saltando sopra file di macchine parcheggiate, si arriva a incrociare la loro storia con quella di un'affascinante agente della Cia (Harrow) in fuga con un virus letale rubato alla solita multinazionale senza scrupoli. Pagati 3000 dollari alla coppia di piloti male in arnese dopo averne intuito le qualità durante una delle loro esibizioni, la donna carica il contenitore del virus nella loro auto senza rivelare cosa contiene e dice loro di partire verso il luogo dove dovranno incontrare altri agenti. Naturalmente tempo una decina di minuti e già si capisce che non sarà un viaggio facile: i tipacci della multinazionale cominciano a braccare i nostri tre eroi che, grazie all'abile guida di Judd, sfuggono come anguille a posti di blocco e agguati che fermerebbero un intero plotone! Ma come si sa la credibilità non è richiesta, per cui non resta che godersi gli inseguimenti in sequenza intervallati da brevi soste in cui l'agente Cia in gonnella contatta telefonicamente i suoi superiori per avvertire delle tappe impreviste. Tecnicamente, a dire il vero, la realizzazione delle scene d'azione non è granché: il montaggio funziona al meglio solo in qualche sequenza sulle strade di montagna, altrove può far poco per aumentare la sensazione di velocità e anzi, negli scontri a fuoco la regia cede vistosamente. D'altra parte siamo nella serie B più autentica, dove i mezzi scarseggiano e gli effetti speciali poco possono. Consoliamoci con i notevoli paesaggi neozelandesi (sono quasi tutti esterni e gli scenari hanno un loro valore storico, vista la scarsezza di film girati lì), con qualche massima di Pierson, col suo drammatico racconto del momento in cui decise di abbandonare le corse per darsi alle esibizioni da circo e attendiamo il clou nella scena finale, che fa partire i titoli di coda in cielo per un motivo ben preciso... Elementare, rozzo, povero ma in fin dei conti godibile come un qualsiasi B-movie del tempo.
il DAVINOTTI

Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione

Berto88fi 23/3/18 19:53 - 160 commenti

Partendo dal fatto che in questa tipologia di film la trama poco conta, ma serve solo una scusa per sfrecciare in strada, devono scorrere i primi venti minuti prima che il film ingrani e ci si possa gustare la Pontiac Firebird in fuga da tutti (visto ciò che trasporta). Particolare e curiosa l'ambientazione neozelandese, valore aggiunto negli innumerevoli inseguimenti; in definitiva un road-movie arrangiato alla meglio, potabile, sminuito però dal doppiaggio davvero pessimo.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Le bizzarre berline della Holden, usate dai servizi segreti per inseguire la Pontiac.
I gusti di Berto88fi (Gangster - Poliziesco - Thriller)