Cerca per genere
Attori/registi più presenti

ASINI

M. MJ DAVINOTTI JR: MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 6
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)
Comincia bene, con un Claudio Bisio particolarmente attivo e divertente. La struttura pare intelligente, lunatica come lo era nei primi film di Francesco Nuti: usa frasi surreali e dialoghi al limite dell'assurdo, esemplificati al meglio nel personaggio del barista mezzo pazzo interpretato da Ivano Marescotti. Ci sono camei simpatici (Mastandrea, Elio e tutte le sue storie tese sparse qua e là con Rocco Tanica a comporre la colonna sonora, Antonio Catania, Isa Barzizza…), attrici spassose (Maria Amelia Monti, la fidanzata di Italo) e validi emergenti (Vittoria Mezzogiorno), figure di contorno con un loro perché (Vito, Fabio De Luigi, Renato Carpentieri). C’è un protagonista (Bisio) che ha un modo di recitare particolare (molto meglio al cinema che in televisione, dove è troppo convinto dei propri mezzi), c'è persino una storia curiosa (Italo è un quarantenne disoccupato che finisce in un convento dove pensa di dover insegnare ginnastica e si ritrova invece tra le mani un gruppo di ragazzini un po' tardi). Ma è solo la prima parte a convincere, pur con molte riserve e denotando una preoccupante disomogeneità che tende allo sgangherato. Poi i toni si smorzano, i buoni sentimenti dilagano e ci si ritrova davanti a un film che pare più una fiction. Il messaggio anti-emarginazione prende il sopravvento e la componente comica latita fino a scomparire del tutto quando ci si avvia alla pessima conclusione. Un secondo tempo da dimenticare, insomma, che vanifica quanto di buono era stato fatto fin lì. Si scivola in facili patetismi che fanno intuire le mire degli autori, più attenti a fare un film “intelligente” capace di diffondere un messaggio positivo che non a divertire. Purtroppo, anche per colpa della piatta regia di Antonello Grimaldi, i buoni propositi falliscono.
il DAVINOTTI

Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione

ORDINA COMMENTI PER:

Galbo 23/9/09 5:52 - 10954 commenti

Mediocre film di Antonello Grimaldi che nonostante il buon livello dell'interpretazione del cast (con Bisio anche coautore della sceneggiatura) non riesce mai a "decollare". Il film è limitato dalla mancanza di compattezza e dal ricorso più che ad una storia organica ad una serie di storielle e gag che fanno perdere di vista l'insieme.
I gusti di Galbo (commedia - drammatico)

Ciavazzaro 21/9/09 10:13 - 4723 commenti

Film che mi ha sempre lasciato interdetto. Bisio non è un grande interprente (e il cast secondario con De Luigi che si dava al cinema cercando di uscire dalla televisione non aiuta molto la visione). Una pellicola che sembra quasi voler parlare anche di cose importanti, che però si perde subito tra situazioni scontate e ovvie.
I gusti di Ciavazzaro (Giallo - Horror - Thriller)

Cangaceiro 8/12/08 20:06 - 982 commenti

Italo è un bamboccione milanese che di punto in bianco si ritrova in uno sperduto convento tra asini, bambini un po' "semplici" e frati bislacchi. La vicenda che ne scaturisce è piatta, telefonata, per lunghi tratti noiosa ed ha come unico pregio un inconsueto candore di fondo che però tracima colpevolmente in patetismo da cassetta nel finale. Guardandolo ci scappano si e no due mezzi sorrisi in un'ora e mezza. Può piacere solo ai fan di Bisio (davvero poca cosa come attore protagonista) ma non ci giurerei nemmeno. Film inutile.
I gusti di Cangaceiro (Commedia - Gangster - Western)

Fabbiu 8/12/08 17:49 - 1892 commenti

Una valido soggetto, una commedia soft che intrattiene senza molte pretese, niente di nuovo ma nemmeno niente da buttare. Gli attori sono bravi, le interpretazioni meno cabarattistiche del consueto di Bisio, ma anche del bravo Fabio de Luigi (simpaticissimo il suo personaggio) hanno un discreto effetto. Poi delle buone musiche (alcune delle quali di Rocco Tanica) e qualche comparsata degli Elio e le storie tese; insomma non c'è male, a parte qualche calo di ritmo nel secondo tempo in cui tutto tende ad addolcirsi troppo.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Fabio de Luigi che guida la macchina tutto concentrato.
I gusti di Fabbiu (Commedia - Fantascienza - Fantastico)

Paulaster 19/6/19 10:22 - 2338 commenti

Rugbista in declino insegnerà ginnastica in un convento. Ambientazione da mondo antico. Il tema è proteggere gli “inadatti”, animali o ragazzi che siano. Buoni sentimenti con la comicità teatrale di Bisio (divertenti i siparietti con la Monti), la veracità dei comprimari (il migliore è Marescotti) e la bellezza genuina della Mezzogiorno. Regìa che a volte è imperfetta e che non riesce a dare un crescendo alla conclusione. Clima pastorale non accentuato; si dà più l’idea della confraternita.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: L’haka della zia; Le uova a colazione; “Chiudiamo le prigioni”.
I gusti di Paulaster (Commedia - Documentario - Drammatico)

Modo 28/8/12 8:48 - 757 commenti

Film che trovo simpatico e delicato. Bravi gli attori, da Bisio, Mezzoggiorno e De Luigi. La commedia scorre via bucolicamente nelle fotografie di una splendida campagna romagnola. Si toccano temi sociali senza approfondirli, con ironia e istrionismo. Una delle migliori commedie fine anni 90.
I gusti di Modo (Commedia - Drammatico - Fantascienza)